Giovedì, 19 Ottobre 2017
Salute

Salute (63)

Una bambina trentina di quattro anni, ricoverata agli Spedali Civili di Brescia, è morta per malaria. Figlia di una coppia italiana residente a Trento, la bambina era arrivata in condizioni disperate. La causa dell'infezione potrebbe essere ricercata nella puntura di una zanzara. La piccola, secondo quanto appreso, non sarebbe mai stata in un Paese malarico. E la zanzara che trasmette la malattia non risulta presente, come specie, in Italia. La piccola era arrivata da Trento in condizioni disperate ed era stata colpita da malaria cerebrale, la forma più grave della malattia. Questo tipo aggressivo di morbo viene trasmesso dal Plamodium…
Tavolate silenziose di giovanissimi in pizzeria con gli amici del mare, lo sguardo chino sullo smartphone. "Li abbiamo tutti visti questa estate, ma anche i genitori ormai al ristorante non si comportano diversamente. Un fenomeno che preoccupa molti adulti. Sicuramente bambini e adolescenti nativi digitali hanno un legame molto stretto con questi dispositivi, ma si tratta di un fenomeno evolutivo e non di una patologia. Semplicemente è cambiato il modo di comunicare, di concentrarsi e di memorizzare. E non è sempre il caso di allarmarsi". Parola di Federico Tonioni, responsabile dell'Area delle dipendenze da sostanze e delle dipendenze comportamentali del…
I 'pirati elettronici' potrebbero insidiare oltre 745 mila pacemaker in tutto il mondo. Tanti sarebbero infatti i dispositivi salvavita a rischio hacker, secondo un recente report. Il tutto a causa di un problema nel software che potrebbe essere sfruttato dagli hacker per accelerare l'attività del dispositivo o alterare le batterie facendole finire prima del tempo. A darne notizia è la Bbc online, dopo che la Food and Drug Administration (Usa) aveva rivelato che 465 mila pacemaker in Usa sarebbero coinvolti nella vicenda. Si tratta di dispositivi prodotti da St Jude Medical, acquisita da Abbott. E proprio Abbott ha spiegato alla…
Dalla ricerca una nuova arma contro le malattie cardiache. Iniezioni di un antinfiammatorio potrebbero, infatti, ridurre i rischi di infarto e ictus. A descrivere i risultati del trial, pubblicato sul 'Nejm' e rimbalzato sulla stampa internazionale, è un team di ricercatori Usa. Lo studio sull'anticorpo monoclonale canakinumab, condotto su circa 10.000 pazienti post-infarto, mostra che la terapia riduce del 15% il rischio di un nuovo attacco cardiaco. Il farmaco potrebbe rappresentare la maggior novità nel settore dall'avvento delle statine, hanno affermato gli scienziati del Brigham and Women's Hospital di Boston che hanno condotto l'indagine. Secondo il primo autore della ricerca,…
Quando si tratta di esercizio fisico, gli uomini sono più forti ma è alle donne che spetta il primato della resistenza, soprattutto dal punto di vista muscolare. Arrivate alla fine sono significativamente meno affaticate. A evidenziarlo è una ricerca guidata dall'Università della British Columbia, in Canada, pubblicata su Applied Physiology, Nutrition, and Metabolism. Gli studiosi hanno preso in esame 8 uomini e 9 donne che avevano un livello simile di allenamento. I partecipanti sono stati invitati a flettere il piede contro una serie di sensori il più velocemente possibile 200 volte. Sono stati registrati velocità, potenza, movimenti e attività elettrica…
Norovirus, rotavirus, adenovirus enterici e astrovirus: nomi un po’ astrusi per gli agenti infettivi responsabili di patologie, nella maggior parte dei casi, di breve durata e guarigione spontanea, anche se, soprattutto nelle forme più acute, molto fastidiose. Parliamo delle infezioni gastrointestinali, che ci affliggono con nausea, vomito e diarrea. Compagni poco graditi, ma purtroppo frequenti, della popolazione infantile, soprattutto nei mesi autunnali con l’apertura di asili nido e scuole di infanzia, quest’estate stanno colpendo anche la popolazione adulta con una frequenza maggiore, a detta degli epidemiologi, delle scorse stagioni. Ricordiamo che si tratta di virus molto infettivi, che si trasmettono…
giift

  1. Primo piano
  2. Popolari