Sabato, 21 Ottobre 2017

VOGHERA: UNA PALESTRA PER IL MASERATI, LA PROTESTA DEGLI STUDENTI

Corteo annunciato quello dei ragazzi dell’Istituto Maserati – Baratta, che questa mattina a partire dalle ore 9.00 hanno percorso le le vie di Voghera. La protesta riguarda la mancanza nel loro istituto di una palestra, il che li costringe a praticare educazione fisica all’aperto, oppure a spostarsi a piedi o con i bus navetta per raggiungere impianti sparsi ai vari angoli della città. Gli studenti alla presenza del loro Preside, Filippo Dezza, dopo il corteo lungo via Rosselli e via Emilia, sono approdati in piazza Duomo dove, proprio di fronte alla sede del comune hanno “messo in scena” diverse attività sportive. All'istituto Maserati-Baratta ci sono attualmente 1280 studenti, 850 nella sede del Maserati in via Mussini e i restanti nella sede del Baratta in via Don Milani, il che la rende la scuola più grande di Voghera e spostare una quarantina di classi per le due ore settimanali di educazione fisica comporta una serie di complicazioni organizzative ed un onere economico non indifferente. Fino allo scorso anno veniva utilizzato il centro Don Orione poi chiuso per problemi gestionali e riaperto solo da poche settimane, le altre tre alternative, il Dopolavoro ferroviario di via Arcalini, il PalaOltrepò e l’ex Maragliano di via Foscolo. Dopo la "doccia fredda" arrivata dal Presidente Poma che ha annunciato l'indisponibilità di fondi per poter costruire una palestra o una tensostruttura con le medesime finalità al Maserati, i ragazzi e il Preside Dezza attendono in mattina la conferenza stampa in cui si comunicheranno gli sviluppi in merito alla questione della palestra.Saranno presenti il sindaco Carlo Barbieri, l’assessore ai lavori pubblici Daniele Salerno oltre allo stesso Preside  Dezza insieme ad una delegazione della scuola.

 

 

 

giift

  1. Primo piano
  2. Popolari