Martedì, 12 Dicembre 2017

NON DEVE ESSERE ARCHIVIATA L' INCHIESTA PER OMICIDIO VOLONTARIO A CARICO DEL PENSIONATO CHE SPARÒ E UCCISE UN LADRO

Non deve essere archiviata l' inchiesta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda (Milano), che nell'ottobre 2015 sparò e uccise un ladro albanese. Lo ha ribadito, davanti al gip di Milano, il legale dei genitori del giovane morto, l'avvocato Teodor Nasi, che aveva presentato opposizione all'archiviazione chiesta dalla Procura e che in udienza venerdì mattina è tornato a sottolineare la necessità di nuove indagini sull'ipotesi che l'uomo possa aver sparato dall'alto mentre l'albanese era ancora sulle scale esterne dell'abitazione e non ancora dentro la casa. In particolare, tra gli approfondimenti necessari da effettuare, secondo il legale del padre e della madre di Gjergi Gjonj, c'è anche la cosiddetta 'blood pattern analysis', l'analisi delle tracce emetiche. Il giudice dovrà decidere nei prossimi giorni se archiviare le accuse a Sicignano, come chiede la Procura (non c'erano pm in udienza) oltre alla difesa, se disporre nuove indagini o l'imputazione coatta.
   

  1. Primo piano
  2. Popolari