Martedì, 12 Dicembre 2017

GRASSO INAUGURA ANNO ACCADEMICO PAVIA

L'università di Pavia inaugura oggi il proprio 657mo anno accademico alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso.
"Il presidente è amico dell'università di Pavia" ha sottolineato il rettore Fabio Rugge che ha citato la collaborazione con il Senato "perché il linguaggio delle leggi sia più chiaro".
All'arrivo Grasso non ha rilasciato dichiarazioni. Ai giornalisti e fotografi che gli chiedevano una battuta ha risposto "un saluto sì, una battuta no" prima di entrare nell'aula magna, presenti fra gli altri ex studenti famosi come l'ex ministro Virginio Rognoni e la medaglia d'oro olimpica nel tiro con l'arco Mauro Nespoli.
Il rettore ha iniziato il suo intervento annunciando che le immatricolazioni sono aumentate quest'anno del 10% e che nei prossimi anni saranno investiti 46 milioni di euro in edilizia anche se "da dieci anni non vi sono finanziamenti del governo per l'edilizia universitaria".
All'inaugurazione dell'anno accademico dell'università di Pavia, il presidente del Senato Pietro Grasso ha ripetuto la necessità di approvare la legge sulla cittadinanza prima delle elezioni. Lo ha fatto rispondendo all'appello di Elisabetta Franchi, la presidente del Consiglio degli studenti, che nel suo intervento in aula magna ha invitato ad approvare lo ius culturae perché è "incomprensibile non riconoscere come italiani" ragazzi vissuti e cresciuti in Italia. "Questo è un momento delicato in cui le parole vengono osservate con particolare attenzione e quindi - ha risposto - mi limiterò a ripetere quanto ho detto nei mesi scorsi". "Ho ribadito tantissime volte - ha aggiunto - che sarebbe importante concludere l'iter del disegno di legge sulla cittadinanza in questo scorcio di legislatura. Un passaggio non messo in discussione da me, ma da altre forze politiche sì".

  1. Primo piano
  2. Popolari