Lunedì, 06 Aprile 2020

OLTREPÒ PAVESE - TRUFFA VINO. ”UN GRUPPETTO DI MALAVITOSI E UNA SCELLERATA CANTINA OFFENDONO E PREGIUDICANO GRAVEMENTE LA PATRIA DELLA VITIVINICOLTURA. HANNO DANNEGGIATO SOCI ED AMICI MERITANDOSI IL DISPREZZO DEL POPOLO DELL'OLTREPÒ”

Riccardo Ottina è un piemontese doc, diplomato alla prestigiosa Scuola Europea Sommelier Piemonte di Alba ed è arrivato in Oltrepò per ragioni professionali. Ha lavorato prima come tecnico e poi come Direttore Esecutivo per le più importanti aziende vinicole della zona ed è stato coinvolto nella promozione delle associazioni più importanti, che hanno determinato la crescita del settore vitivinicolo: annovera tra le sue collaborazioni quella con gli assaggiatori di grappa, l’Istituto Talento Metodo Classico, il Centro di Consulenza Valle Versa, il Centro Regionale per la Viticoltura, la Frutticoltura e la Cerealicoltura di Voghera.
E’ tra i fondatori e il primo presidente dell’Istituto Nazionale Grappa e l’Istituto Grappa Lombarda che ha guidato fin dalla sua fondazione. Con una lettera indirizzata alle Istituzioni, alla stampa e agli organismi di categoria scrive : " Nella mia qualità di enologo che ha dedicato una vita alla vitivinicoltura dell'Oltrepò Pavese ritengo mio dovere intervenire con la presente lettera nell'interesse del nostro territorio.

Proprio in un periodo in cui si moltiplicano gli sforzi per valorizzare come merita il territorio dell'Oltrepò Pavese e quando la qualità delle sue uve e del suo vino è in progressivo miglioramento, un gruppetto di malavitosi e una scellerata cantina offendono e pregiudicano gravemente la patria della vitivinicoltura italiana con 13.500 ettari di vigneti e 1700 aziende. Si deve fare tutto il possibile per evitare che le scellerataggini che c'infangano si ripetano e all'uopo, di rinforzo alle riunioni associative indette in questi giorni, ho chiesto il parere pro veritate allo Studio Guardamagna e Associati per individuare tutte le azioni esperibili dai soggetti danneggiati. Allego il parere, redatto da specialisti della specifica materia, dal quale risulta che contro i responsabili dell'illecito possono agire oltre al Consorzio i singoli produttori danneggiati dall'illecito. Auspico che la reazione sia massiccia per far sì che i responsabili si rendano ben conto che oltre ad aver violato la legge hanno danneggiato soci ed amici meritandosi il disprezzo del popolo dell'Oltrepò.

Grato dell'attenzione, invio i migliori saluti. Riccardo Ottina"

Ecco il testo del parere "pro veritate" dello studio legale  Avv. Agostino Guardamagna Avv. Maria Francesca Guardamagna Avv. Silvia Osella

"Milano, 28 gennaio 2020 PARERE PRO VERITATE SUI SOGGETTI LEGITTIMATI AD AGIRE CONTRO I RESPONSABILI DI FRODE IN COMMERCIO E DI CONTRAFFAZIONE DELLE DOP ED IGP

1. QUESITO Ci viene chiesto quali siano i soggetti legittimati all’esercizio di azioni di tutela a fronte del danno provocato dalla Cantina Sociale di Canneto Pavese al mercato dei vini a DOP ed a IGP dell’Oltrepò Pavese.

2. FATTO La Cantina Sociale di Canneto Pavese è indagata per avere prodotto e commercializzato bottiglie di vino contrassegnate come DOP ed IGP ma, in realtà, sprovviste delle caratteristiche richieste dai pertinenti disciplinari di produzione. Secondo quanto è stato possibile apprendere dai mass media, le ipotesi di reato sarebbero l’associazione per delinquere (416 cod. pen.) finalizzata alla frode nell’esercizio del commercio (515 cod. pen.) ed alla contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari (517 quater cod. pen.).

3. CONSIDERAZIONI IN DIRITTO Gli operatori che commercializzano i vini a DOP ed a IGP in conformità al corrispondente disciplinare di produzione potrebbero costituirsi parte civile nell’eventuale processo penale avviato nei confronti dei responsabili, per chiedere il risarcimento del danno. Infatti, l’uso indebito di DOP e IGP danneggia non solo l’acquirente del prodotto, ma anche i produttori che legittimamente utilizzano tali segni distintivi, sotto il profilo del lucro cessante conseguente alla minore vendita del proprio prodotto ed al discredito che si riflette sullo stesso.1 Analoga azione potrebbe essere intrapresa dal Consorzio Tutela vini Oltrepò Pavese2 (di seguito il “Consorzio”) in relazione al danno arrecato al mercato del vino a DOP ed a IGP dell’Oltrepò Pavese. La legittimazione del Consorzio deriva dal fatto che si tratta di un ente riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, cui è attribuito3 l’incarico di “collaborare (..) alla tutela ed alla salvaguardia della DOP ed IGP da abusi, atti di concorrenza sleale, 1 A tale soluzione si giunge considerando che colui che commette il reato di cui all’art. 515 cod. pen. pone in essere una condotta illecita pluri offensiva della quale è soggetto passivo non solo l'acquirente dell’aliud pro alio, bensì anche il produttore tutelato dalla legge. Tale ultimo soggetto ben può lamentare un lucro cessante in conseguenza della minor vendita del prodotto originale (cfr. remotamente Cass. Pen. 6^ sezione sentenza 21 dicembre 1970 / 14 maggio 1971, n. 1528; Cass. Pen. sentenza 16 gennaio 2008 n. 5588; Cass. Pen. 18 marzo 1997. Allo stesso modo il bene giuridico protetto dall’art. 517 quater cod. pen. consiste negli “interessi economici dei produttori ad utilizzare le indicazioni geografiche o le denominazioni d'origine” (Cass. pen., sez. III, n. 28354/2016). 2 Nella casistica giurisprudenziale è stata ammessa la costituzione di parte civile di Consorzi di Tutela di DOP ed IGP in procedimenti penali per frode nell’esercizio del commercio (cfr. Cass. Pen. sentenza 6 novembre 2013 n. 2617). 3 Cfr. D.M. 23 ottobre del 2019 che ha modificato, integrandolo, il D.M. 8 ottobre 2012 n. 2788 con cui il Consorzio è stato riconosciuto. 3 contraffazioni ed uso improprio delle denominazioni tutelate e comportamenti comunque vietati dalla legge” nonché di “agire in tutte le sedi giudiziarie ed amministrative per la tutela e la salvaguardia della DOP ed IGP e per la tutela degli interessi e dei diritti dei produttori”.4 Inoltre, le Associazioni di Tutela dei Consumatori potrebbero adottare l’iniziativa di cui sopra, in quanto i reati ipotizzati ledono, oltre che il leale esercizio ed onesto svolgimento del commercio, anche la fiducia risposta dal consumatore sulla provenienza e sulla qualità dei prodotti a DOP ed a IGP5 . In particolare, la legittimazione ad agire è riservata alle Associazioni di Tutela dei Consumatori preesistenti al presunto fatto di reato, dotate di un’effettiva capacità rappresentativa sul territorio e di uno Statuto che attribuisca loro compiti di tutela del consumatore contro le “frodi alimentari”.6 In sede civile, i produttori di vini a DOP ed a IGP in conformità al corrispondente disciplinare di produzione, titolari di un diritto di proprietà industriale assistito da una specifica protezione7 , sono 4 Tali compiti, previsti anche dall’art. 4 dello Statuto, sono riconosciuti al Consorzio dal D.M. 23 ottobre del 2019 tramite il richiamo agli artt. 41, commi 1° e 4°, della legge del 12 dicembre 2016 n. 238. Il Decreto Ministeriale precisa che l’iniziativa giudiziaria è attribuita al Consorzio sulla DOCG “Oltrepò Pavese metodo classico”, sulle DOC “Bonarda dell’Oltrepò Pavese”, “Oltrepò Pavese”, “Oltrepò Pavese Pinot Grigio” e “Sangue di Giuda dell’Oltrepo’ Pavese” mentre il compito di collaborare alla tutela ed alla salvaguardia della DOP ed IGP è attribuito, oltre che rispetto alla DOCG ed alla DOC di cui sopra, anche sulla DOC “Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese” e sulla IGP “Pavia”. 5 Bene giuridico tutelato dall’art. 517 quater cod. pen. 6 Cfr. Tribunale di Siena, ordinanza 20 marzo 2018. 7 Cfr. artt. 1 e 30 D.L.vo. 10 febbraio 2005 n. 30 e Tribunale Milano, Sezione Specializzata in materia di Impresa, sentenza 15 maggio 2012 n. 5556: “Da un punto di vista soggettivo, vengono contemporaneamente tutelati dall’art. 30 CPI 4 legittimati ad agire in giudizio8 per fare accertare, reprimere e sanzionare il compimento di atti di concorrenza sleale9 da parte dell’utilizzatore abusivo e per chiedere il risarcimento dei danni subiti ex art. 2600 cod. civ. La legittimazione10 spetta anche al Consorzio quantomeno in relazione alle DOP ed alle IGP per le quali gli è stato attribuito l’incarico di (anche nella versione previgente) gli interessi dei produttori della zona, che soli possono fregiarsi del segno di provenienza geografica – preservando il vantaggio concorrenziale attribuito dal loro personale specifico rapporto con quel territorio – e dei consumatori, che confidano sulla presenza delle qualità, di sostanza o comunicative, veicolate dall’indicazione geografica”. 8 Cfr. Tribunale di Venezia, Sezione Specializzata in materia di Impresa, sentenza 25 luglio 2017 n. 2283. Nello stesso senso Tribunale di Napoli, sentenza 8 luglio 1996, in Dir. Ind. 1996, 1016: “la legittimazione all’esercizio della relativa azione compete sia alle singole imprese autorizzate all’uso del contrassegno le quali risultano direttamente pregiudicate dall’attività illecita posta in essere dall’utilizzatore abusivo che al consorzio incaricato dell’esercizio dell’attività di vigilanza non solo in nome e per conto dei consorziati, qualora lo statuto gli attribuisca un potere di rappresentanza nei confronti dei terzi, ma anche in proprio in virtù dei poteri di cui è autonomamente titolare”. Nello stesso senso il Tribunale di Saluzzo che ha ritenuto “non discutibile la legittimazione all’azione di contraffazione da parte di qualsiasi soggetto autorizzato all’utilizzo della DOP ed IGP in quanto titolare di un diritto soggettivo perfetto all’utilizzo del segno” (Tribunale Saluzzo, sentenza 5 gennaio 2001 in Giur. It. 2001, citata dal manuale “Proprietà Industriale e Intellettuale e IT” di Trevisan e Cuonzo, ed. 2013, pag. 254). In dottrina si è osservato che le denominazioni di origine e le indicazioni geografiche sono “oggetto di un diritto assoluto che spetta collettivamente a tutti gli imprenditori che operano nella zona e che consiste nel potere di vietare l’uso della denominazione per designare prodotti non provenienti dalla zona e non realizzati in conformità dei metodi produttivi (..) codificati”, AUTERI in “Indicazioni Geografiche, disciplina delle pratiche commerciali scorrette e della concorrenza sleale” in “Studi in onore di Paola A. E. Frassi”, Milano, 2010, pag. 40. 9 Cfr. art. 2598, comma 1°, n. 1 cod. civ. 10 Il Consorzio, però, “non ha la legittimazione ad esercitare per i singoli” la domanda di risarcimento dei danni subiti dai produttori in conseguenza degli atti di concorrenza sleale ex art. 2600 cod. civ. (cfr. Tribunale di Venezia, Sezione Specializzata in materia di Impresa, sentenza 25 luglio 2017 n. 2283). Si segnala che qualora il Consorzio avesse ottenuto - ai sensi dell’art. 41, comma 9, della 5 agire in giudizio “per la tutela e la salvaguardia della DOP ed IGP da abusi, atti di concorrenza sleale, contraffazioni ed uso improprio delle denominazioni tutelate e comportamenti comunque vietati dalla legge” (cfr. nota n. 4). 11 Infine, i consumatori, singolarmente o tramite le associazioni di categoria, sono legittimati a promuovere un’istanza all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato finalizzata a fare accertare e sanzionare l’illecito impiego della DOP e della IGP, pratica commerciale scorretta ed ingannevole (ex artt. 20 e 21, comma 1° lett. b, D. L.vo. 6 settembre 2005 n. 206),12ovvero a promuovere un’azione di classe ex art. 140 bis D. L.vo. 6 settembre 2005 n. 206.

4. CONCLUSIONE Legittimati ad agire contro i responsabili degli illeciti commessi a nome della Cantina Sociale di Canneto Pavese sono il Consorzio legge del 12 dicembre 2016 n. 238 - l’inserimento, come logo della DOP o dell’IGP, nel disciplinare di produzione di un marchio consortile (ed esso fosse registrato), sarebbe legittimato ad agire in giudizio a tutela di detto marchio. 11 Cfr. Tribunale di Venezia, Sezione Specializzata in materia di Impresa, sentenza 25 luglio 2017 n. 2283 e Tribunale di Modena, sentenza 3 aprile 1991, in Giur. Ann. Dir. Ind. 1991, n. 2662. 12 Cfr. Provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato n. 26070/2017, pubblicato sul Bollettino n. 22 del 27 giugno 2016. L’Autorità si è pronunciata in relazione ad un caso di commercializzazione di un olio con caratteristiche qualitative inferiori a quelle dichiarate (il prodotto veniva dichiarato in etichetta come olio extra vergine sebbene appartenente alla categoria merceologica inferiore dell’olio di oliva vergine). La pratica è stata sanzionata perché le caratteristiche qualitative del prodotto sono in grado di orientare le scelte di natura commerciale del consumatore, che può preferire un prodotto presentato con caratteristiche qualitative superiori ed è disposto a pagarlo ad un prezzo più elevato. 6 Tutela Vini Oltrepò Pavese, le Associazioni di categoria dei consumatori ed i singoli produttori di vino e di uve. (Avv. Agostino Guardamagna) (Avv. Maria Francesca Guardamagna) (Avv. Silvia Osella)"

  1. Primo piano
  2. Popolari