Sabato, 14 Dicembre 2019

OLTREPÒ PAVESE – VOGHERA - VA AI VOGHERESI RANCATI - ERCOLANI LA “10 ORE DELLE VALLI PIACENTINE”

Novanta Equipaggi giunti da Emilia, Lombardia, Liguria, ma anche dalla Svizzera, hanno dato vita alla seconda edizione della “10 Ore delle Valli Piacentine”, organizzata da C.P.A.E. per rievocare lo storico “Rally delle valli piacentine”. Parliamo di quel “Rally delle Valli Piacentine”, una delle gare più importati del panorama europeo tanto da vedere ben 314 Equipaggi iscritti all’edizione 1978: per questa rievocazione, giunta, come detto, alla seconda edizione, il percorso, di circa 160 chilometri,  ha rispecchiato punti salienti dell’epoca e si é snoda lungo le valli appenniniche ripercorrendo strade e passi dove grandi piloti, da Bacchelli a Cambiaghi, da Tony a Verini, da Pregliasco a Vudafieri, intrecciarono sfide entrate nella storia del motorismo sportivo.

Dopo la partenza in mattinata dal Pubblico Passeggio, la carovana ha fatto rotta verso Rivergaro per affrontare la prova del “Bagnolo”. Poi via per Pontedellolio, Bettola, Passo Cerro e Perino, prima della sosta a Bobbio. A seguire, altri nomi magici quali Coli, Pradovera e Farini, e ancora Bettola per chiudere, dopo 24 prove di precisione a Piacenza in Piazza Cavalli. Alla gara erano ammesse vetture storiche classiche e una quarantina di interessantissime vetture storiche in configurazione Rally. Auto, queste ultime, che hanno fatto la storia del rallysmo come le bellissime Fiat 131 Abarth, 124 Abarth, 125 S, Fiat X1/9, le Lancia Fulvia Coupè HF, Porsche 911, Ford Sierra Cosworth, Lancia Beta Montecarlo, Opel Manta, Bmw 2002, Alfa Romeo nelle varie versioni, Alpine Renault e le immancabili scorpioncine A112. Parecchi gli Equipaggi oltrepadani in gara, ed é appunto ad uno di questi a cui é andata la vittoria assoluta, si tratta dei vogheresi, specialisti della regolarità classica Ugo Rancati e Gianfranco Ercolani a bordo della piccola ma scattante Fiat 850 coupè. «Abbiamo trovato il ritmo quasi subito e il tutto si é trasformato in una gara bellissima, vissuta su di un percorso altrettanto bello e ricco di storia».

Ovviamente Rancati-Ercolani si sono aggiudicati anche il successo nella categoria Classic. è andato invece ai cremonesi Bardelli-Bardelli con l’Abarth A112 il successo tra le vetture Rally in cui troviamo tre equipaggi oltrepadani nella top ten assoluta. Al 5°posto si sono collocati Celadin navigato sulla Fulvia Coupè da Bono; al 7° posto troviamo Carlo Verri e Walter Carena con la Fiat 125 S nei colori di Paviarally, mentre all’8° posto si sono piazzati Guarnone-Dealberti con la Fulvia Coupè scuderia Erreffe. Altro successo oltrepadano arriva nel Trofeo A112, in cui ad emergere sono Oriano e Cecilia Crosignani (settimi assoluti).

Buone nel complesso anche le prestazioni di Cantarini-Cattivelli (Mercedes 300) e Negrini-Taschin Renault 5 GTL. Positivo anche il debutto regolaristico di Fusetto-Novati con la A 112.

 di Piero Ventura

  1. Primo piano
  2. Popolari