Stampa questa pagina

CASTELLETTO DI BRANDUZZO - MOTORS RALLY SHOW, IN R2B MATTEO TRAVERSA E CLAUDIA MUSTI SONO SECONDI

Si è conclusa con la vittoria di Andrea Nucita navigato da Andrea Marbellini su Hyundai I20 l’edizione 2019 del Motors Rally Show di Castelletto di Branduzzo. Il pilota siciliano si è messo in testa alla gara già dalla prima prova speciale del sabato sera, primato confermato anche nelle tre speciali successive per poi contenere fin sotto la bandiera a scacchi, il ritorno degli avversari. La piazza d’onore è stata conquistata da un’accoppiata di lusso composta da Piero Longhi e Alessandro Perico su Skoda R5. Longhi e Perico, che si sono alternati al volante, hanno concluso la gara in crescendo, finendo a soli 2”9 dai vincitori, dopo una scelta errata di gomme nella prove serali di sabato che a conti fatti, li ha allontanati dal gradino più alto del podio che viene completato da Araldo-Boero su Skoda Fabia R5, i più veloci sulla quarta prova speciale assieme a Nucita facendo segnare esattamente il medesimo crono.

Nucita ha fatto segnare il miglior tempo sulla PS1-2-3 e 4 (quest’ultima, come detto, a pari merito con Araldo), mentre due prove (la quinta e la sesta), sono andate alla coppia Longhi-Perico. Appena giù dal podio troviamo Messori-Lavazza (Skoda Fabia R5) che nel finale superano Riccio-Rocchi (Ford Fiesta R5). Sfiora invece la top five, uno degli equipaggi più esperti e amati dai tifosi pavesi composto da Massimo Brega e Paolo Zanini (Skoda Fabia R5) tornati a condividere lo stesso abitacolo dopo un lungo periodo. Per i portacolori della Scuderia Piloti Oltrepò, c’é stato un buon 6° posto che a detta di molti, va un poco stretto ai due oltrepadani. Lo spettacolo per la quarta edizione della manifestazione organizzata dall’Aci Pavia non si è fatto attendere.

Al termine della prima prova speciale i distacchi tra i primi sono stati irrisori, mostrandosi da subito una gara da giocarsi sul filo dei centesimi. Traversi, emozioni e qualche errore hanno entusiasmato il pubblico sulle tribune del circuito che ha seguito le accese battaglie in pista per emergere nelle varie classi in cui, tra le Wrc la vittoria è andata all’equipaggio composto da Uzzeni-Bondesan su Ford Fiesta Wrc (9° assoluto). Invece, sia in N4 che in A8 e R4 c’é stata la gara in solitaria rispettivamente di Gianesini-Cattaneo su Mitsubishi Lancer Evo IX (13°) , Bulgarini-Orio su Lancia Delta Integrale (14°) e Acetulli-Bonaiti su Mitsubishi Evo IX (29°). In S2000 prevale la Peugept 207 di De Nuzio-Iacobelli (16°). In R2B ad imporsi sono Gonella-D’Ambrosio su Peugeot 208 (17°) i quali hanno preceduto la vettura gemella di Matteo Traversa e Claudia Musti (21°). La Clio S1600 nei colori dell’Efferre Motorsport di Romagnese condotta dal ligure Alberto Biggi navigato dalla pavese Susy Ghisoni (18°) si é aggiudicata la classe d’appartenenza. In classe R3C vincono Uslenghi-Lupo su Clio (19°). Nella RGT a vincere sono Maluasio-Balducci su Abarth 124 (23°), mentre Dossena-Dossena, portano al 27° posto assoluto e prima tra le RSTB1.6P la Mini Cooper JCW. Bogna-Bordito su VW Polo (30°) si impongono nella RSTB1.4P; In N2 a vincere sono Esposito-Bertelli su Peugeot 106 (35°), categoria in cui c’é stato il buon secondo posto dei pavesi Lorenzo Martinotti e Claudia Spagnolo su di una vettura gemella (38°). Tra le RS2.0 é il piacentino Bossalini con la Gerevini sulla Bmw 318 (36°) ad imporsi. Nella RSTB1.6 invece vincono Tognini-Giumelli su Cooper S (40°). Burgazzi-Fontana (41°) con la Clio si impongono nella N3, Salviotti-Filippini, partiti malissimo, con la Fiat Panda Efferre, raddrizzano una gara difficile andando a cogliere la vittoria in A5 ed il 42° posto assoluto. Infine, Marta-Tiziano, 46esimi al traguardo si aggiudicano il successo nella classe RSTB1.6.

Bella la sfida tra le auto storiche in cui a primeggiare é stata la potentissima BMW M3 (Road Runner Team) portata in gara da Roberto Ottolini e Stefania Nespoli i quali fanno segnare il miglior crono nelle prime 5 prove in programma davanti alla Porsche 911 SC di Lo Presti-Biglieri (Scuderia Piloti Oltrepo) ai quali cedono solamente l’ultima prova per 5” andando ad aggiudicarsi la gara con un margine di 13”4. Terzo gradino per Daglia-Partelli con la Bmw 3232i i quali regalano un’altra coppa da mettere nella bacheca Rally Club Oltrepo, la rinata scuderia oltrepadana voluta da Stefano Maroni PierPaolo Contardi unitamente ad un gruppo di affiatatissimi appassionati. Sfortuna invece per Persani-Calatroni (Peugeot 205 – SPO) e Albera-Albera (Alfa Romeo GTV) costretti al ritiro.

di Piero Ventura