Domenica, 19 Gennaio 2020

ANCORA UNA SCONFITTA PER L’OLTREPOVOGHERA NELLA PARTITA CON IL SAN MARINO

Al Comunale Massimo Sbrighi di Castiglione di Ravenna padroni di casa in vantaggio nel primo tempo grazie al gol del capitano Vassallo. I rossoneri attaccano a testa bassa per tutta la ripresa ma non basta per agguantare il pari. Primo 3 punti per i biancoazzurri, quarta sconfitta invece per gli uomini di mister Fiorin.

 Simone Muccioli, allenatore del San Marino, a fine gara, alla domanda (che era più un’affermazione) cosa pensava del primo successo della sua squadra in campionato, ha risposto schiettamente e obiettivamente: “Abbiamo fatto i tre punti giocando la peggior gara della stagione”. Beh, c’è tanta verità, dentro a questa verità. Il San Marino fa in pratica un solo tiro in porta. Quello del 29’ del primo tempo. Con il suo capitano, Vassallo, giocatore che pur essendo ancora giovane (classe 1993) appare un attaccante scaltro, soprattutto nei comportamenti e negli atteggiamenti che tiene in campo (tutelati all’inverosimile da un arbitraggio assai scadente). Il suo sgusciare, il suo lasciare correre la palla, ha ingannato tutti.

Poi una volta dentro l’area, ha aperto il destro mirando sul secondo palo, quello più lontano, dove la palla si è infilata senza che Cizza potesse dire la sua. Così, anche con il San Marino, l’OltrepoVoghera alla prima disattenzione, incassa e poi non gli basta abbassare la testa, estrarre il carattere, il cuore e tutta l’abnegazione possibile, per arrivare alla meta, rincorrendo invano un pareggio che avrebbe anche meritato. Già nel primo tempo si è vista una prima reazione, poi nella ripresa è stato in pratica un vero e proprio monologo rossonero. Un attacco continuo, a una porta sola, a senso unico, verso i pali di Pozzi, fortunato dalla sorte e pure quando la sorte non c’entrava per nulla.

Soprattutto nella circostanza della grande conclusione, quasi ad occhi chiusi, del giovane Lerta, il quale entrato per tutto il secondo tempo, ha sferrato un tiro che avrebbe meritato solo e semplicemente il gol. Invece la sfera ha lambito il palo (assist di Maione nella circostanza). Non è stata l’unica occasione creata dall’OltrepoVoghera. Che ci ha provato sino al 96’, ma senza esito alcuno. Possono aver pesato le tante assenze, il solito errore pagato a caro prezzo, ma questa squadra, pur dando il meglio in questo momento della stagione, incassa e basta e rimane così in fondo alla fila, all’ultimo posto di una classifica che decide un punto in 5 gare, con un pareggio (Sasso Marconi) e quattro ko. Bisogna porre rimedio, questo sì, e quanto prima, anche.

HIGHLIGHTS

Un pareggio, quello di una settimana fa contro il Sasso Marconi (in 10 contro 11), ha interrotto per l’OltrepoVoghera una striscia negativa di tre ko consecutivi. Si è allungata in settimana la lista degli infortunati. Oltre a Bondi (caviglia) e Nava (ginocchio), si è aggiunto anche il difensore centrale Coppola (stiramento). Non disponibile, per squalifica, anche l’attaccante Casiraghi. Rispetto al match con i bolognesi, al Massimo Righi di Castiglione di Ravenna (dove il San Marino è “costretto” a disputare le gare casalinghe), il tecnico rossonero opta per una difesa a tre (davanti a Cizza ci sono Luciani, Samina e Cornaggia), un centrocampo a 4 (Maione, Bertelli, Monopoli e Colombini) e una fase di attacco con Greco e Galtarossa a supporto di D’Amuri unica punta (modulo 3-4-2-1).

Si parte. OltrepoVoghera in maglia rossonera, calzoncini e calzettoni neri, San Marino in maglia bianco-azzurra, calzoncini e calzettoni bianchi.

1’ Subito un angolo per il San Marino. Palla in area, libera in due tempi la difesa rossonera. Attacca e presso alto la squadra di casa. OltrepoVoghera costretto a ripartire basso e a difendersi.

16’ Si distende l’OltrepoVoghera in attacco, Galtarossa si destreggia con il sinistro, entra in area e lascia partire un rasoterra a fil di palo deviato sul fondo e in calcio d’angolo.

29’ GOL San Marino in vantaggio. Fa tutto il capitano e attaccante con il n. 9 Vassallo che riceve palla a sinistra da dietro, la fa sfilare, quindi la mette a terra e in tutta velocità di infila dentro l’area, inseguito da Colombini e Luciani. Poi, appena arriva nei pressi di Cizza (che copre il primo palo) calcia aprendo il destro e mirando il secondo palo, dove la palla si infila in maniera imparabile.

36’ L’OltrepoVoghera ha la palla del pareggio sui piedi di Greco che riceve dentro l’area da D’Amuri. L’attaccante rossonero è strattonato parecchio ma riesce a stoppare, a girarsi e servire la sfera dentro i 16 metri. Greco appare in vantaggio sul marcatore, attende un attimo di troppo per guardare la porta e decidere di tirare, quando lo fa l’avversario (il n. 2 Guarino) gli devìa la palla in calcio d’angolo.

42’ Azione ripetuta e insistita dell’OltrepoVoghera. Che arriva in area e calcia dopo due rimpalli, palla a sua volta deviata, poi l’arbitro fischia un fuorigioco di Bertelli e l’azione così sfuma.

45’ Per un fallo su Greco poco prima del limite dell’area di rigore, l’OltrepoVoghera guadagna una punizione da favorevole posizione. Sulla sfera ci sono Greco, Galtarossa e poco più indietro Cornaggia. Palla toccata, con il sinistro in corsa di prova Cornaggia, palla ribattuta dalla barriera che sfila in calcio d’angolo.

46’ E’ l’ultima opportunità prima che si chiuda il primo tempo. Dalla bandiera vanno Greco e Galtarossa, palla in mezzo, di testa ci provano un po’ tutti, sfera fuori dall’area, Bertelli si avventa, ma non c’è più tempo. L’arbitro fischia due volte. Si va negli spogliatoi per l’intervallo.

SI RIPARTE

1’ L’OltrepoVoghera toglie dalla mischia Galtarossa. Al suo posto entra il giovane Lerta.

2’ E’ un altro OltrepoVoghera rispetto al primo tempo. Al di la di essere sotto di una rete, attacca a testa a bassa, con ben altro ritmo e intenzioni assai più bellicose.

17’ Altro cambio nell’OltrepoVoghera. Fuori Colombini e dentro Soresina.

19’ Contropiede del San Marino. Si invola Mingucci che arriva dentro l’area e calcia in corsa. Palla sul fondo.

22’ Primo cambio anche nel San Marino. Esce il regista Gasperi, entra Santoni.

24’ Rischia l’OltrepoVoghera. Cizza esce con i pugni in piena area, viene strattonato da Vassallo, ma l’arbitro fa stranamente proseguire. La palla si indirizza verso la porta e così sulla riga è costretto a salvare in semi rovesciata Cornaggia.

26’ Ci prova con il destro a giro su punizione Greco, palla alta sopra la traversa.

32’ Ci prova Monopoli di testa su cross dalla destra di Soresina, palla a fil di palo e sul fond alla sinistra del portiere.

34’ E’ la volta di Maione che converge dentro il campo e calcia in corsa con il destro dai 30 metri, palla di poco sul fondo alla sinistra di Pozzi.

35’ Ancora e sempre solo OltrepoVoghera. Punizione battuta in area con il destro da Greco, prima di testa salta e ci prova Cornaggia, la palla si allunga, di testa Samina, sfera respinta.

36’ Gran conclusione appena dentro l’area di Lerta (servito da Maione), palla di pochissimo sopra la traversa. L’OltrepoVoghera attacca a spron battuto ma la palla non ne vuol sapere di entrare. Si gioca in pratica in una metà campo sola.

38’ Destro di Bertelli che si sfila da un avversario, pallone però troppo debole, Pozzi si inginocchia a para a terra senza difficoltà.

40’ L’OltrepoVoghera attacca allo spasimo. Palloni su palloni dentro l’area, ma non succede mai nulla di positivo.

45’ L’arbitro concede 5’ di recupero (anche per i diversi cambi da una parte e dall’altra). Alla fine saranno 6’. L’OltrepoVoghera porta palla e cerca l’imbucata, ma non è facile contro un San Marino che si difende tutto arroccato nella propria area di rigore.

91’ Con la palla tra i piedi di Maione si conclude la gara. L’OltrepoVogera non riesce a portare a termine neppure l’ultima azione utile e neppure l’impresa di cogliere almeno un punto sul campo “esterno” di Castiglione di Ravenna contro un San Marino che in pratica ha concluso in porta solamente nell’occasione del gol di capitan Vassallo. Rete che ha però deciso le sorti del match e regalato i primi tre punti della stagione ai bianco-azzurri di casa.

  1. Primo piano
  2. Popolari