Domenica, 16 Dicembre 2018

RALLY 4 REGIONI INTERNATIONAL: “COMINCIATE COL FARE CIÒ CHE È NECESSARIO, POI CIÒ CHE È POSSIBILE. E ALL’IMPROVVISO VI SORPRENDERETE A FARE L’IMPOSSIBILE”

Del Rally 4 Regioni si é ormai detto e letto tutto e di tutto, pertanto  troverete solo piccole analisi, iniziando dal podio dell’evento focale della quattro giorni motoristica vissuta a Salice Terme, il 4 Regioni Historic o  “internazionale” e al suo epilogo, per il quale ci rifacciamo ad una frase pronunciata da Francesco d’Assisi, che disse: “Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”. Ecco, si può riassumere così la vittoria di Matteo e Claudia Musti al Rally 4 Regioni Historic 2018, gara che sembrava ormai saldamente nelle mani del lariano Melli. I fratelli vogheresi (da tutti dati alla vigilia come grandi favoriti), hanno iniziato la gara facendo il necessario: essere più veloci possibile con la loro Porsche 911 RS, approntata dalla Ova Corse, la struttura di Voghera a cui fa capo il padre Filippo, ma sorprendentemente, proprio a guastare loro la festa sulle strade amiche, c’é stato il giovane lecchese, Enrico Melli (già tre volte secondo al 4 Regioni), coadiuvato sulla Porsche 911 SC RS dal navigatore di Bressana, Matteo Nobili che, accumulando secondo dopo secondo, sono riusciti a presentarsi allo start dell’ultimo tratto cronometrato, la PS di Golferenzo, con 32” di vantaggio sui favoriti della vigilia. Su questa prova i Musti hanno fatto certamente il possibile per agguantare quel successo che obiettivamente sembrava ormai troppo lontano. Ma ecco che dopo il possibile, accade  ciò che tutti reputavano impossibile: vincere quella gara che sembrava ormai segnata, andando a bissare il successo dell’anno precedente, proprio davanti a Melli. Questo é avvenuto grazie ad un errore dei leader. Onore quindi a Matteo e Claudia, che un’esperienza simile, tanto negativa, la vissero  proprio sulla loro pelle nel 2016, quando, per un errore sull’ultima prova speciale, consegnarono la vittoria a Canzian. Chapeau a Melli e al suo “naviga” Nobili, capaci di tenersi alle alle spalle fino all’epilogo finale, un pilota molto bravo, veloce e pressoché imbattibile sulle strade di casa.

Il secondo gradino del podio é ansato al monegasco Pierre-Manuel Jenot, terzo assoluto e primo di classe lo scorso anno, con al suo fianco sulla Ford Escort Mk2, l’ormai collaudato “Slo” Milo. Jenot, pilota molto veloce sull’asfalto, ma anche sui fondi sconnessi, sia con vetture storiche che moderne, in cui corre con una Skoda Fabia R5 (non va dimenticato il suo 12° posto assoluto al Rally International du Chablais 2017 vinto da Lobe). Torna volentieri a correre al 4 Regioni, che reputa una gara di quelle legate alla storia dei veri rally: dura e veloce, in grado di esaltare le qualità di guida.

Meritatissimo terzo gradino del podio per gli stradellini Claudio Covini e Andrea Brega con la stupenda Lancia rally 037. Covini debutta in campo agonistico al Sanremo Storico nel 2011 con l’amico Andrea Brega sulla Fiat 124 Abarth (una vettura dalla storia singolare, appartenuta al suocero Rinaldo Brambilla, conosciutissimo ex concessionario Fiat di Stradella, usata dallo stesso nei rally degli anni Settanta e recuperata in Germania). Alla fine é quarto in classe C3. Lo stesso risultato lo ripete all’Elba Storico, mentre al Rally Legend non é fortunato. Sanremo e Elba sono ancora gli impegni dell’anno successivo in cui é rispettivamente 7° e 5° di classe. Nel 2013 passa al volante della 037 in livrea Martini, partecipa all’Elba e al Legend. Dopo un ottimo 2° posto al Costa Brava del 2015, la stagione più intensa per Covini é datata 2016 in cui, con la 037 partecipa al Sanremo vincendo la classe, nuovamente al Costa Brava dove giunge terzo, al 4 Regioni, al Legend, mentre con la Lancia Delta é 5° al Motor Show di Bologna. Nella passata stagione ha disputato un bellissimo 4 Regioni sino in vista del traguardo con in pugno la quinta posizione assoluta prima di essere costretto al ritiro per un problema meccanico. Ovviamente, inutile dirlo, con il 4 Regioni, Covini avevaun conto in sospeso., ripagato con tanto di interessi. Un podio, quello dell’Historic 2018 in cui i piloti locali l’anno fatta da padroni regalando alla Scuderia Piloti Oltrepo un oro e un bronzo. Meglio di così…..

di Piero Ventura

IL-PERIODICO-MEZZA-PAGINA-enel-coghera Il-periodico-FASTCON ADORNO-aprile Verde-Ferrari_mezza-01-copy-copia
  1. Primo piano
  2. Popolari