Venerdì, 06 Dicembre 2019

CASTEGGIO - BRONI - AL RALLY ELBA GIOIE IN DOLCEAMARO PER SCATTOLON E CANZIAN

Il Rally dell’isola napoleonica é stata teatro di grandi esibizioni per due altrettanto grandi interpreti pavesi: Giacomo Scattolon e Riccardo Canzian, protagonisti di uno spettacolo straordinario dal finale non baciato però dalla dea bendata. Dopo l’ottima performance fornita dal giovane piolta vogherese al Rally Targa Florio, Giacomo Scattolon, brillantemente coadiuvato da Paolo Zanini, ha regalato a tuttti gli sportivi e all’automobilismo pavese l’ennesima straordinaria prestazione in un rally di grande blasone, il Rally isola d’Elba. I portacolori della scuderia Road Runner Team hanno portato a termine la gara valida per il Campionato Italiano Rally al 6° posto assoluto, un risultato di prestigio ma che va a loro va molto stretto in base a quanto hanno saputo esprimere in gara, con il podio sfumato ormai in vista del traguardo. Una Grande gara la loro, intrisa di gioia ma anche di amarezza. “Siamo davvero molto soddisfatti del ritmo che siamo riusciti a tenere in questa gara –   dichiara Scattolon - non avevo mai corso questo rally, ed ho trovato strade molto tecniche e particolarmente difficili; il grip cambiava in continuazione e non era semplice capire quanto tenesse. Ma il supporto tecnico di PA Racing e di Pirelli ci ha aiutato tantissimo. Allo shake down il nostro team principal Alessandro Perico ci ha suggerito un setup fantastico, e siamo riusciti ad avere un ottimo feeling con la nostra Skoda. Abbiamo cercato di guidare molto veloci, senza tuttavia esasperare traiettorie rischiose, cercando di evitare rischi di forature. Trovarci terzi assoluti allo start dell’ultima prova speciale del rally è stato fantastico. Siamo partiti concentrati e decisissimi a difendere la nostra posizione sul podio. Gli intertempi di riferimento che avevamo fino al decimo km della ps erano assolutamente straordinari. Purtroppo subito dopo abbiamo trovato una pietra in traiettoria assolutamente non evitabile. Non riusciamo ancora a capire come fosse finita lì. Di certo la foratura non è stata figlia di un taglio azzardato o di una traiettoria esasperata. Siamo certamente delusi per il risultato finale che poteva, anzi doveva, essere migliore. Abbiamo però la soddisfazione di essere riusciti a segnare tempi davvero molto buoni, in una gara che ha avuto un ritmo forsennato ed altissimo fin dalla prima ps. La convinzione di poter essere vicinissimi alla vetta della classifica ci deve far guardare con ottimismo il proseguo del campionato”. Il 51° Rallye isola d’ Elba è stato anche lo scenario della terza prova stagionale del Trofeo Clio R3 TOP,  in cui non è mancato lo spettacolo, grazie ad un bel duello tra il leader, l’emiliano Ivan Ferrarotti e il pilota di Broni, Riccardo Canzian, che sin dalle prime battute del primo giorno di gara hanno fatto registrare tempi molto simili. Canzian, navigato dal friulano Andrea Prizzon, hanno tenuto il comando delle operazioni fino alle battute finali del rally, dove l’esperienza di Ferrarotti e del suo coéquipier Giovanni Agnese è uscita fuori proprio in occasione dell’ultima delle dieci prove speciali previste dalla competizione isolana, ovvero la “Due Mari”. La stoccata vincente del pilota reggiano gli ha permesso di conquistare anche il primato tra le Due Ruote Motrici del Campionato Italiano Rally ed allo stesso tempo di consolidare la propria leadership nel tro feo, in cui adesso vanta 15 lunghezze di vantaggio nei confronti di Canzian, che ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per poter ambire al titolo. Clio R3 TOP: 1. Ferrarotti 91 punti; 2. Canzian 76; 3. Rosso 57; 4. Tosi 26; 5. Lindholm 20; 6. Calvetti 16.

di Piero Ventura

  1. Primo piano
  2. Popolari