Mercoledì, 22 Novembre 2017

VOGHERA - INVERUNO BESTIA NERA PER L’OLTREPOVOGHERA

Serie D, girone A: INVERUNO-OLTREPOVOGHERA / 4-1 (primo tempo, 3-1)

INVERUNO (4-3-3): Monzani; Scannapieco, Botturi (21’ st Nava), Bugno, Panzani (44’ st Ferrara); Di Gioia, Lazzaro (33’ st Panatti), Cazzaniga (21’ st Truzzi); Caraffa (24’ st Bollini), Broggini, Chessa; A disposizione: Frattini, Busa, Puricelli, Valente. Allenatore: Mazzoleni.

OLTREOVOGHERA (3-5-2): Cizza; Allodi, Di Placido, Bettoni (29’ st Brega); Colombini (1’ st Belluzzo), Maione, Monopoli (35’ st Guasconi), Tresca (1’ st Bertelli), Aramini; Romano, Bondi (16’ st Di Palma). A disposizione: Baldaro, Alessi, Pozzi. Allenatore: Balestra.

ARBITRO: Pascariello di Lecce. Assistenti: Benedetto di Crotone e Castioni di Novara.

MARCATORI: 18’ pt Broggini (I), 27’ pt e 11’ st Chessa (I), 34’ pt Caraffa (I), 47’ pt Romano (OV).

NOTE: Giornata soleggiata e ancora tiepida. Ammoniti: Di Gioia (IN); Romano (OV). Espulsi: nessuno. Angoli: 4-4. Recupero: pt 3', st 5'. Spettatori: 250 circa, con rappresentanza rossonera.

Inveruno bestia nera. Broggini-Chessa, arma letale. Come o quasi un anno fa. Allora i gialloblù ne fecero 6 (6-1 finì la gara), questa volta è finita “solo” 4-1, ma nella ripresa, il duo delle meraviglie, ha fallito altre occasioni che potevano trasformare la gara in un’altra “disfatta”. Al di là delle assenze importanti (regalare D’Aniello, Coccu e Chimenti non è quasi possibile a nessuna squadra), l’OltrepoVoghera, non ha avuto lo stesso approccio mentale, la stessa intensità, la stessa compattezza, la stessa voglia, lo stesso cuore, di tutte le altre sette gare. E così, dopo 8 giornate dove la squadra aveva collezionato 17 punti (facendo già meglio di tutto il girone di andata della passata annata), frutto di cinque vittorie (4 al Parisi e una in trasferta), segnando 11 reti e subendone appena 4, tutto di un fiato si è vista sconfitta, ma in maniera sonora, incassando 4 reti (tre nei primi 34’ del primo tempo). La rete di Romano allo scadere della prima parte avrebbe potuto riaccendere la luce. Mister Balestra, nell’intervallo ha cambiato moduli e uomini (due), cercando in avvio di ripresa di invertire la rotta e di sorprendere di nuovo l’Inveruno. Invece non c’è stato il cambio di inerzia, anzi l’Inveruno ha trovato il 4-1 ancora con l’ex Chessa (doppietta per lui) che ha richiuse il lume della piccola speranza. Poi l’Inveruno ha sprecato altre palle gol, l’OltrepoVoghera ha cercato di rendere meno amara la giornata, ma non c’è stato più verso. I rossoneri hanno pagato pesantemente dazio nel giorno in cui sono andati sotto per la prima volta e dove anche gli uomini cardine (al di la di chi non c’era) ha sbagliato qualcosa di troppo. Ritrovando almeno Chimenti (D’Aniello e Coccu ancora out), mercoledì 18 ottobre, c’è l’altra consecutiva trasferta, l’insidiosa di Bra. Che non sia un altro Inveruno…

Senza tre pedine fondamentali, gli infortunati D’Aniello e Coccu (assenti anche con il Varese) e Chimenti, invece squalificato, per i due gialli con il Varese. Mister Balestra è obbligato a rifarsi ai suoi terribili giovani, per un OltrepoVoghera che ancora imbattuto e terzo in classifica, si affaccia alla doppia trasferta di campionato, prima sul campo dell’Inveruno in anticipo di sabato e poi mercoledì 18 ottobre in quel di Bra (sempre alle 15). Resta il 3-5-2, con il ritorno da titolare (rispetto al Varese dove era subentrato) di Monopoli e quello di Tresca (anche utilizzato in corso di gara con i biancorossi), che riparte nell’undici iniziale. Fuori casa i rossoneri hanno pareggiato a reti inviolate con Borgosesia e Borgaro, mentre hanno centrato i tre punti a Castellazzo Bormida.

L’Inveruno dell’ex S.B.C. Oltrepò Mariolino Chessa, è reduce da due ko consecutivi, entrambi in trasferta con Casale e Gozzano. In casa invece ha superato Castellazzo e Varese, pareggiando con il Borgaro, quindi resta imbattuto. Un brutto ricordo nell’ultima sfida su questo campo, il Luigino Garavaglia di Inveruno, il 6-1 incassato la scorsa stagione dall’OltrepoVoghera, una gara che comunque segnò poi una svolta di ripresa per l’allora squadra allenata da mister Fasce.

Si parte. OltrepoVoghera con il 3-5-2, Inveruno con il 4-3-3. Calcio d’avvio battuto dall’Inveruno.

Inveruno rapido e manovriero in avvio. Al 2’ Lazzaro imbecca Chessa che entra in area a destra e in corsa calcia su Cizza bravo a non farsi sorprendere e a deviare sopra la traversa. Da lì l’Inveruno batte tre calci d’angolo consecutivi, sull’ultimo (battuto corto) su Chessa e quindi all’indietro per Lazzaro che calcia in porta e sfiora il montante con Cizza comunque guardiano attento. L’Inveruno è partito forte, facendo molto possesso palla e incanalando la partita in maniera offensiva. OltrepoVoghera più basso anche se non rinchiuso, che agisce molto in contropiede. Al 12’ lancio in area di Colombini per Bondi, anticipato dal portiere in uscita. Al 13’ apertura di Bettoni per Romano a sinistra, palla sotto porta per Bondi, chiude ancora in uscita il portiere Monzani. Inveruno in vantaggio al 18’. Monopoli rallenta il rilancio davanti alla difesa, palla indietro a Cizza che con i piedi fallisce il rinvio mettendo la palla su quelli temibili di Chessa che dopo un cambio di passo calcia in porta senza farsi troppo attendere, Cizza respinge come può, Broggini si infila centralmente e segna con il tapin vincente. E’ la prima volta in campionato (era invece successo in Coppa Italia con la Pergolettese) che l’OltrepoVoghera va sotto di un gol. I rossoneri non accusano però il colpo e si catapultano subito in avanti, creando problemi alla difesa dei padroni di casa. Al 20’ Bondi ha sui piedi la palla per calciare in porta, lasciata sguarnita da un’uscita avventata di Monzani, invece nasce un tiro debole che la difesa gialloblù recupera senza troppi problemi. Sfuma così il possibile 1-1. Raddoppia invece l’Inveruno con l’ex Chessa al 27’. Palla in area, Broggini all’altezza del dischetto si destreggia dalla marcatura, serve spalle alla porta il compagno di reparto che in posizione regolare (anche se sembrava ci potesse stare il fuorigioco osservando dall’alto della tribuna) si aggiusta con il destro e poi calcia imparabilmente in porta per il 2-0. OltrepoVoghera in chiare difficoltà. Si fanno sentire, soprattutto in mezzo al campo, le contemporanee assenze di giocatori del calibro di D’Aniello, Coccu e Chimenti. Manca quel chiaro punto di riferimento di esperienza a cui affidare le chiavi del gioco. Terzo gol dell’Inveruno. Al 34’ Broggini imbecca Caraffa che in velocità si infila nella traiettoria di Bettoni, lo evita e poi davanti a Cizza uscitegli incontro, lo supera con un destro a giro. Inveruno sul velluto e sul 3-0 dopo appena 34’ di gioco. OltrepoVoghera tramortito in poco più di mezz’ora. Che prova a reagire e soprattutto a scuotersi. E a tempo scaduto, nel secondo minuto di recupero, accorcia le distanze con Romano che in scivolata, sul palo più lontano, corregge in rete un traversone dalla sinistra di Tresca, lanciato da Bettoni che era partito in dribbling in mezzo a due avversari. Poi al 48’, in piena area di rigore, Aramini affronta in velocità Caraffa e lo mette giù. Dalla tribuna è parso rigore per l’Inveruno, non assegnato invece dal direttore di gara. Squadre negli spogliatoi dopo 3’ di recupero, con l’Inveruno avanti, meritatamente, per 3-1.

Si riprende. Doppio cambio nell’OltrepoVoghera. Escono Tresca e Colombini per Bertelli e Belluzzo. Mister Balestra modifica anche il 3-5-2, con un 4-3-1-2, che vede il giovanissimo Bertelli (2000), dietro alle due punte, che restano Romano e Bondi, mentre il centrocampo a tre schiera Maione a sinistra, Monopoli a destra e Belluzzo centrale davanti alla difesa. Al 1’ spiovente verso l’area, Romano salta di testa nel tentativo di anticipare con un pallonetto il portiere in uscita. L’Inveruno sfiora il 4-1. In contropiede Chessa (5’) prolunga per Broggini che entra in area e calcia in corsa con il sinistro, Cizza si riscatta e da terra con la mano sinistra devìa, poi Aramini libera l’area di rigore. Bondi (8’) scarica il destro verso la porta di Monzani, dopo aver ricevuto palla da Bertelli, sfera che termina larga sul fondo. L’OltrepoVoghera ci prova e gestisce molto di più e molto meglio il possesso della palla. Inveruno più chiuso e che prova ad uscire con il contropiede. E proprio su un’azione di contropiede ma viziata da un errore in uscita con il dribbling da parte di Bettoni, l’Inveruno realizza la quarta rete. Si incunea Caraffa a destra che alza la testa e mette a centro area dove Chessa arriva con il destro, controlla e poi salta Cizza depositando in fondo alla rete. Per l’ex oltrepadano, giunge così la puntuale doppietta. Entra anche Di Palma (16’) che va subito al tiro con il sinistro impegnando Monzani alla parata in due tempi. Al 19’ si scontrano al limite dell’area dell’Inveruno, Botturi e Di Placido che rimangono a terra dopo aver picchiato la testa uno contro quella dell’altro. Soccorsi dai sanitari delle panchine ma anche dall’intervento dei volontari della Croce Rossa. Di Placido si rialza e riprende il proprio posto. Botturi invece, con la testa fasciata, lascia il campo per Nava. Al 25’ Inveruno vicino al quinto gol. Aramini spizza male dietro una palla che salta in maniera strana, ne approfitta Chessa, che si invola e vede Broggini arrivare in area. Il n. 10 gialloblù salta Cizza in uscita ma un po’ sbilanciato chiude sul fondo a porta sguarnita. Di Placido esce male palla al piede, ne approfitta Broggini che si invola e calcia in corsa con il destro a fil di palo. Al 31’ ancora Chessa (su un liscio difensivo), si invola e davanti a Cizza non riesce a calciare e a scavalcare l’estremo difensore in uscita. Poteva essere la rete del 5-1. Tira un sospiro di sollievo l’OltrepoVoghera che esaurisce tutti i cinque cambi, facendo entrare anche Brega e Guasconi (35’). Punizione di Bertelli, palla in area per Di Placido che di testa impegna Monzani, il quale vola a deviare in calcio d’angolo. Si gioca ormai a far trascorrere i minuti. I cinque cambi per parte inducono il direttore di gara a recuperare quasi 6’. Non serviva comunque a mutare l’andamento del match che l’Inveruno vince per 4-1 riscattando i due precedenti ko. Prima sconfitta in campionato invece per l’OltrepoVoghera.

giift

  1. Primo piano
  2. Popolari