Martedì, 12 Dicembre 2017

AUTO STORICHE: 33ESIMA EDIZIONE DELLA BOBBIO - PENICE, TRA GLI EQUIPAGGI OLTREPADANI, LA PROVA MIGLIORE È STATA QUELLA DI VERRI E VENTURA

Si è disputata domenica 27 agosto la 33esima edizione della Bobbio-Penice, Trofeo Enzo Ferrari, la tradizionale rievocazione della storica gara automobilistica che prese vita nel lontano 1929 e che quest’anno coincide con il 70° anniversario della nascita della Casa automobilistica Ferrari e il 50° del CPAE, Club piacentino automotoveicoli d'epoca. L'appuntamento, organizzato dal Cpae, dal Ferrari Club di Parma e l'Automobile Club d'Italia e promosso dalla Provincia di Piacenza e il Comune di Bobbio, ha richiamato nel borgo della Val Trebbia un nutrito numero di concorrenti a dimostrazione che il valore dell'evento è cresciuto nel tempo confermandosi oggi un importante appuntamento che ha richiamato anche un vasto pubblico di appassionati.

In occasione dei 70 anni Ferrari, oltre alla classica gara per vetture storiche, è stato ripercorso il tragitto dell’ultima gara vinta da Enzo Ferrari nel 1931 al volante di Un’Alfa Romeo 2300. Come ogni anno, l'evento è riuscito a portare sul territorio presenze importanti, confermando che l'abbinamento tra motori e promozione del territorio è un ottimo biglietto da visita.

La proposta di quest’anno si è articolata su due programmi separati: il raduno Ferrari e la consueta gara Bobbio - Penice che si é sviluppata dal Centro di Bobbio verso il Penice, Ceci e Mezzano Scotti con 11 prove cronometrate, mentre nel pomeriggio, con classifica a parte, si è tenuta la "Match race", prova a eliminazione uno contro uno, da sempre molto apprezzata dai partecipanti.

Tre gli equipaggi oltrepadani presenti: Crosignani-Crosignani di Santa Maria della Versa, i vogheresi Viola-Mussi e il driver di Mezzanino, Verri con il pavese Ventura. La gara è stata vinta dai fratelli cremonesi Alessandro e Alberto Bardelli i quali, a bordo di una performante Autobianchi A112 Abarth, sono riusciti ad aggiudicarsi la competizione a cronometro sfuggita loro per un’inezia nella passata edizione. Tra gli equipaggi oltrepadani, la prova migliore è stata fornita da Carlo Verri e Piero Ventura con la Fiat 124 Sport Spider i quali agguantano la top ten con un buon nono posto assoluto, a 1”11 centesimi dai vincitori, dopo aver occupato posizioni di alta classifica:

"La difficoltà più grande di questa gara è riuscire a trovare la giusta concentrazione e matenerla – ha detto Verri - Non si é trattato di prove altamente selettive e tecniche, pertanto la classifica è sempre molto corta con una decina di equipaggi racchiusi in meno di un secondo, tant’è, che l’equipaggio decimo classificato è staccato dai vincitori di soli 84 centesimi. Ogni piccola incertezza rischia di allontanarti definitivamente dalla posizione di vertice".

Al 13° posto hanno chiuso la loro fatica Crosignani-Crosignani (Autobianchi Abarth A 112 58 Hp) a 1”36, mentre appena alle loro spalle, al 14° posto si collocano Viola-Mussi (Lancia Beta Coupé) a 1”46. Classifica finale Assoluta, top ten: 1. A. Bardelli - A.Bardelli Autobianchi A112 Abarth con 34 penalità; 2. A. Malucelli - M. Bernuzzi Fiat 70 36p.; 3. G. Pighi - L. Callegari Morris Mini Cooper 51 p; 4. U. Bordi - E. Franzini Lancia Appia Zagato 64p; 5. C. Celadin - D. Bono Lanci Fulvia Montecarlo 72p; 6. G. Corbellini - S. Corbellini Alfa R. Giulia 1.6 77p; 7.  L. Cantarini - M. Solenghi Sunbeam 92p; 8.  M. Formento M. Formento Fiat 127 94p 9. C. Verri - P. Ventura Fiat 124 Sport spider 111 p; 10. P. Bordi Ita- D. Siracusa Alfa R. Giulietta Sprint – 118.

Oltre ai concorrenti del Trofeo Ferrari, Bobbio è stata invasa da una cinquantina di vetture del cavallino giunte nella piccola cittadina emiliana per onorare il 70 anniversario della fondazione della Ferrari Automobili.

  1. Primo piano
  2. Popolari