Lunedì, 06 Luglio 2020
 

BRONI - UNIVERSITÀ DEI SAPORI: 122MILA EURO L'ANNO PER UN PROGETTO MAI DECOLLATO, ATTACCA LA MINORANZA

Il complesso di Cassino torna nel mirino della minoranza del Comune di Broni, che ha presentato un esposto alla Corte dei Conti. Il nodo della questione, come fa sapere la minoranza attraverso le parole di Giusy Vinzoni della lista “Broni in Testa”, sono i 122mila euro di mutuo che il Comune di Broni paga per i lavori di trasformazione della cascina in scuola di alta cucina, a fronte di una convenzione non propriamente redditizia, come spiega la minoranza, che il Comune di Broni ha stipulato con l’Università dei Sapori di Perugia. La convenzione parla di un uso gratuito della struttura per i primi 6 anni da parte dell’Università di Perugia che solamente dal settimo anno dovrebbe subentrare al Comune e pagare di tasca propria. La convenzione prevede però anche il fatto che a partire dal settimo anno l’Università di Perugia decida di tirarsi indietro, se lo facesse incalza la minoranza, il Comune si vedrebbe oltre che i locali vuoti un accollamento del mutuo sino al 2030. Inoltre il progetto voluto dall’ex sindaco Paroni, nonchè attuale presidente dell’Enoteca Regionale, non è mai decollato secondo la minoranza che dichiara: «A noi risultano solo 3 corsi amatoriali dell’Università, pertanto chiediamo al sindaco Riviezzi di venire in consiglio a relazionare sulla reale situazione dell’Enoteca regionale».

 

 

 

 
 
  1. Primo piano
  2. Popolari