Domenica, 05 Aprile 2020

BRONI - RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA ITALIA, IL COMUNE AVVIA L'ITER PER ACQUISTARE I PALAZZI DISMESSI

 Il Comune di Broni è intenzionato ad acquisire, tramite procedura di esproprio, i due palazzi di Piazza Italia e Via Leonardo da Vinci recentemente interessati da provvedimenti di sfratto. L'obiettivo dell'amministrazione (allo stesso tempo impegnata sul versante dell'edilizia residenziale pubblica con la ristrutturazione dell'ex Caserma di Via Cavour) è quello di abbattere gli edifici per completare un importante progetto di riqualificazione urbanistica: sulla superficie attualmente occupata dagli immobili si prevede di infatti di realizzare l'ampliamento del parcheggio, nonché un vero e proprio giardino urbano che estenderà l'area verde dell'ex scuola elementare permettendo un collegamento diretto tra Via Emilia e Viale Matteotti.
Operazione, quella prospettata dal Comune, che andrebbe a inserirsi nel più ampio programma di riqualificazione di Piazza Italia, dove nei mesi scorsi sono stati eseguiti interventi per circa 70mila euro finalizzati al miglioramento urbanistico.

«Abbiamo avviato il procedimento per l'apposizione del vincolo espropriativo dei palazzi di Piazza Italia e Via Leonardo da Vinci – spiega il sindaco di Broni, Antonio Riviezzi – e ora siamo in attesa che si concluda la procedura di liberazione degli immobili da parte dell'Istituto vendite giudiziarie, come disposto dal Tribunale di Pavia, in quanto il curatore fallimentare ha l'obbligo di consegnare gli edifici liberi da persone e beni. Alcuni sfratti sono già stati eseguiti, altri verranno effettuati nei prossimi mesi. Il settore servizi sociali del Comune è in stretto contatto con la Prefettura, l'ufficiale giudiziario e con le famiglie in difficoltà. In questa fase, la nostra principale preoccupazione è quella di tutelare al massimo i nuclei familiari più sensibili, con figli minori o condizioni particolari di fragilità. Non appena si sarà sbloccata questa situazione – aggiunge Riviezzi - attiveremo la procedura di esproprio per acquistare i due palazzi. Abbattendoli otterremo una rigenerazione urbana e la decementificazione della zona, oltre al raddoppio dei posti auto oggi a disposizione nel parcheggio già presente. Inoltre andremo a collegare direttamente Via Matteotti con via Emilia, tramite un'area verde usufruibile da tutti i cittadini». Parallelamente, l'amministrazione comunale andrà ad aumentare la disponibilità di alloggi per le persone in stato di necessità abitativa: «Attualmente – riprende il primo cittadino - sono in corso i lavori di riqualificazione dell'ex Caserma di Via Cavour, con la conseguente realizzazione di 6 nuovi alloggi temporanei. Ma non bisogna dimenticare che, grazie ai bandi per l'assegnazione di contributi da parte di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo, negli scorsi anni sono stati realizzati e assegnati 14 nuovi appartamenti presso l'edificio denominato ex Mulino Meriggi e 8 nuovi appartamenti in Via Cairoli. Inoltre, nel corso del 2019, il Comune ha effettuato importanti interventi di manutenzione presso gli 11 alloggi del Fabbricato di Via Parini ed i 4 alloggi presenti nella Frazione Cassino Po. Posso affermare – conclude Riviezzi - che il Comune di Broni rappresenta un'eccellenza nell'ambito dell'edilizia residenziale pubblica». 

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari