Domenica, 12 Luglio 2020
 

OLTREPÒ PAVESE – CORONAVIRUS : "LA SANITÀ PUBBLICA HA SAPUTO REAGIRE VELOCEMENTE, CON ALTISSIMA PROFESSIONALITÀ"

 Il deputato del M5S Cristian Romaniello e il Consigliere regionale del M5S Simone Verni hanno visitato due presidi ospedalieri del territorio pavese, il Policlinico San Matteo di Pavia e l'Ospedale Unificato di Broni-Stradella.  

Romaniello e Verni spiegano: "Al San Matteo di Pavia, in una notte sola, è stato creato ciò che in Cina hanno fatto in un mese: al piano terra del Pronto Soccorso è sorto un reparto ad-hoc dedicato ai casi di coronavirus, sono state letteralmente costruite delle stanze dedicate, portato macchinari specifici e individuato un nuovo protocollo di gestione.  All'Ospedale unificato di Broni Stradella la Protezione civile ha allestito le tende per poter ricevere pazienti, sia generici sia sospetti affetti da Coronavirus, provenienti dalla zona rossa. È  stato creato un reparto ad-hoc, parallelo al pronto soccorso, capace di gestire i casi che si dovessero presentare. È stato fatto un accorpamento tra i reparti di chirurgia e ortopedia per poter gestire le altre emergenze/urgenze e facilitare l'attività ospedaliera ordinaria. - Per i portavoce del M5S -  La sanità pubblica ha saputo reagire velocemente, con altissima professionalità ed accollandosi tutti gli oneri dell'emergenza. Questa è la sanità che vogliamo: la salute è un diritto e non un bene da lasciare alle dinamiche del libero mercato. Con ciò non intendiamo demonizzare la sanità privata, ma dare il giusto merito alla sanità pubblica che, specialmente in Lombardia (grazie al modello Formigoni) ha subito tagli e importanti ridimensionamenti a scapito di quella privata. Un grazie ai medici, al personale infermieristico, agli operatori sanitari e agli specializzandi, che tutti i giorni, ma soprattutto in questi, con coraggio e in silenzio lavorano con abnegazione e sacrificio nel rispetto della loro nobile professione".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 
 
  1. Primo piano
  2. Popolari