Venerdì, 29 Maggio 2020

VOGHERA - «PRONTI AL DIALOGO, MA NICOLA AFFRONTI È IL NOSTRO CANDIDATO»

Nello scacchiere in fase di composizione anche l’Udc cittadina presenta i suoi pezzi. Il partito governato a livello locale da Paolo Affronti non può che calare l’alfiere: il figlio di Paolo, Nicola Affronti, attuale presidente del consiglio comunale.

Paolo affronti, la Lega dice: «Noi ci apprestiamo a condividere con chi vorrà il nostro programma per Voghera, in primis con le forze politiche dell’area di centro destra», lei cosa risponde?

«Chiaramente se si pensa al centrodestra si riconosce l’indispensabile valore del centro, che specialmente nella nostra città pensiamo essere tra coloro che indiscutibilmente lo rappresentano da sempre. Condividere un programma significa per noi discuterlo, ma soprattutto confrontarlo con quello dei possibili partner tenendo conto dei soggetti politici che hanno governato la città in questi anni (Forza Italia ,UDC ,NCD o Idea che dir si voglia e liste civiche)».

A Voghera però che è successo?

«A Voghera la Lega ha contribuito ad assumersi responsabilità dirette nella gestione dell’azienda servizi alla persona “Pezzani”(presidente e vice presidente) e quella più o meno evidente e condivisa nell’Asm holding ove è stata decisiva nell’assemblea per la conferma dell’amministratore unico, evitando così la ricostituzione del consiglio di amministrazione». 

Perché la Lega intenzionata a fare un accordo e a parlare con il centro destra definisce disastrosi i cinque anni di governo Barbieri?                                               

«Mi permetta la battuta: forse perché nei cinque è prevalente il giudizio per l’anno di gestione commissariale. La giunta Barbieri di fatto è stata in carica infatti solo quattro anni. D’altra parte non potrebbe essere diversamente, come potrebbero accettare un giudizio così “tranchant” gli assessori dell’attuale giunta, che pur intravedendo e auspicando il matrimonio con la Lega  non trascurano, qualcuno esibendo anche il ‘casco’ da cantiere, di magnificare i risultati delle loro fatiche nella ‘squadra” di Barbieri?».

Allora il giudizio sulla Giunta Barbieri è totalmente positivo ?

«Non sempre i rapporti con Barbieri e Forza Italia sono stati idilliaci. Non abbiamo condiviso alcuni atteggiamenti contraddittori ed alcune scelte (fra l’altro il consiglio Asm) e non sempre gli accordi sono stati rispettati, a volte con conseguenze facilmente riscontrabili. è innegabile però che anche grazie all’apporto dei nostri assessori (Gianfranco Geremondia, Simona Panigazzi, Alida Battistella) del presidente del consiglio (Nicola Affronti) del gruppo consiliare (Elisa Piombini e Daniela Galloni ) ben supportati da un partito che ha dimostrato sempre grande lealtà verso la maggioranza, risultati importanti sono stati ottenuti».

Ne citi qualcuno…

«Non c’è stato aumento della pressione fiscale, i conti sono in ordine e gli investimenti possibili sono stati fatti. è certo che troppo spesso il comune ha dovuto sopperire da solo  alle emergenze e alle necessità. Vorrei ricordare alcuni meriti e battaglie UDC quali quella per mantenere gli uffici finanziari in città e il ripristino dei locali dell’ex tribunale che presto ospiteranno anche il comando guardia di finanza; l’ampliamento del Palaoltrepo che da mille posti è passato a 1800 con la possibilità di far gareggiare squadre di professionisti del basket (leggi Berthram Derthona); realizzazione di una pista di atletica al campo giovani, inaugurazione del parco inclusivo Moschini tempo libero e sport, lavori al museo Beccari, ripristino strade comunali disastrate, valorizzazione di prodotti tipici, avvio alla conclusione dei lavori per il ripristino del teatro Sociale iniziati nel 2018 e (qui non si può sottacere anche l’impegno dell’ex assessore Marina Azzaretti) avvio e prossimo inizio dei lavori per la bonifica Recology (un grande risultato ottenuto grazie all’impegno degli esponenti UDC) mentre la frazione Oriolo avrà l’ampliamento del cimitero con la realizzazione di nuovi loculi. Un futuro avranno le nostre farmacie comunali per cui si è deciso di non procedere alla vendita salvaguardando un patrimonio pubblico, ma di affidarle in house ad Asm mantenendone la proprietà. Particolare attenzione è stata data attraverso il nostro assessorato competente alla salute e quindi alle nostre strutture ospedaliere assicurando collaborazione alla direzione generale dell’ASST. Non si può neanche sottacere il risultato insperato raggiunto nella raccolta differenziata che ha raggiunto il 70%, mentre dal punto di vista istituzionale  grazie al lavoro del presidente del consiglio Nicola Affronti abbiamo un nuovo statuto comunale,  i vogheresi emeriti che hanno onorato la città nei contesti nazionali ed internazionali hanno ricevuto la civica benemerenza ‘summa viqueria’ (grazie al nuovo Regolamento che ha istituito le Civiche Benemerenze) senza tralasciare l’impegno per cercare di aiutare il commercio con le evidenti difficoltà che si registrano un po’ in tutte le città delle nostre dimensioni vicine a centri commerciali di grande importanza ,talune oggi anche nel nostro territorio».

Qual è la posizione dell’UDC oggi?

«La mia non è una risposta molto diversa rispetto a quella data dalla Lega. Noi abbiamo le nostre idee ed eventuali programmi, ma vogliamo concentrarci su progetti possibili ed attuabili e tendiamo a cogliere ogni opportunità per le nostre attività produttive. In primis vogliamo parlarne con le forze di centro destra e poi se ci saranno con quelle forze disponibili al confronto. I Grillini dichiarano di non voler discutere con noi, ma nessuno ha mai chiesto di confrontarsi con loro. Li sappiamo troppo impegnati a dibattere su progetti di legge sul tema della prevenzione del suicidio e quindi non li disturberemo per banalità locali».

Fino ad oggi avete avuto colloqui più o meno ufficiali?

«A parte gli incontri con Sindaco e segretario di Forza Italia mi pare che sia avviato un discorso tra sordi, ognuno si bea dei risultati raggiunti, ma che comunque vanno rivisti  e considerati per una consultazione amministrativa quale è la nostra e non si va oltre». 

E di candidati sindaci si è parlato ?

«Mai in sede di incontri. Sui giornali la Lega parla di candidature della società civile, si intuisce possa essere un industriale di  materie plastiche ben evidenziato anche in un convegno (Massimo Bergaglio ndr) e per il segretario di Forza Italia di una nota e apprezzata commercialista. Da parte delle due forze politiche non si fa riferimento a persone con esperienza di consiglio comunale o militanti in partiti politici».

Lei è d’accordo di ricercare all’esterno?

«Prima di tutto mi spiace che la coalizione attuale FI e UDC non presentino al confronto candidati comuni (una rosa ben inteso) e poi non accetto il metodo secondo cui chi ha esperienza e non ha nulla per essere dichiarato impresentabile debba essere messo da parte a priori».

Quale è la vostra candidatura?

«La nostra numerosa assemblea lo ha ribadito a gran voce, la candidatura che offriremo alla maggioranza possibile e quella dell’attuale presidente del consiglio comunale Nicola Affronti. Un politico di buona esperienza e di indubbie conoscenze amministrative e giuridiche: conosce la realtà della città e soprattutto nel suo curriculum può far risaltare  di essere un pendolare perché lavora a Milano e tutte le mattine raggiunge il proprio posto di lavoro».

Valmori, Fratelli d’Italia, Italia Viva. anche il PD vorrebbe il confronto…

«Con Valmori il problema non si pone siamo amici da sempre ,con Fratelli d’Italia ci fa piacere che sollecitino il tavolo di centro destra, con gli altri il confronto è sempre possibile, naturalmente non trascurando la realtà».

di Silvia Colombini

  1. Primo piano
  2. Popolari