Venerdì, 03 Aprile 2020

CIGOGNOLA - «CANCELLATI ANNI DI BUONA AMMINISTRAZIONE»

Superata la delusione per la sconfitta elettorale, l’ex sindaco e attuale leader dell’opposizione del comune di Cigognola Marco Fabio Musselli attacca la giunta Orioli, rea di aver sconfessato quanto di buono fatto dalla sua Amministrazione.

Musselli, è stata dura digerire la sconfitta?

«Il comune di Cigognola è uno dei comuni più virtuosi della Provincia di Pavia perché ci siamo sempre impegnati per migliorare la situazione economica e finanziaria ottenendo ottimi risultati; abbiamo lavorato molto per la cura del territorio, con particolare attenzione al dissesto idrogeologico,  sulla  manutenzione degli spazi pubblici (edifici, piazze, verde pubblico) e per la promozione territoriale con una serie molto importante di iniziative sia durante il periodo invernale sia durante il periodo estivo. Abbiamo dedicato anche una particolare attenzione al settore del sociale affinché nessuno si sentisse abbandonato di fronte alle difficoltà della vita. Forte della convinzione di aver operato bene per il mio Comune non mi aspettavo di perdere, anche se durante la campagna elettorale mi sono reso conto che le cose fatte passavano in secondo piano di fronte a promesse elettorali e attacchi all’amministrazione uscente che non avevano alcun fondamento di verità».

Quali fattori l’hanno maggiormente penalizzata, secondo lei?

«Sicuramente la situazione politica nazionale ha avuto una forte ricaduta anche sul livello locale: l’attuale Amministrazione ha potuto contare sulla presenza di Ministri e Parlamentari allora al Governo mentre io avevo fatto la scelta di presentarmi con una lista civica dove le appartenenze politiche erano secondarie rispetto all’azione amministrativa».

Continuerà a ricoprire un ruolo attivo all’interno del comune? Da che cosa sarà caratterizzata la minoranza consiliare nei prossimi 5 anni?

«In veste di consigliere comunale, rappresento pur sempre il 45% della popolazione che ha votato e quindi, insieme agli altri due consiglieri di minoranza vigileremo sull’operato di questa Amministrazione e faremo un’opposizione positiva e propositiva».

è stata la sua ultima candidatura?

«Non so cosa farò tra  quattro anni, ci penserò a tempo debito insieme al gruppo di persone che in questi anni hanno condiviso con me questo percorso»

Ritiene valida questa nuova amministrazione? Secondo lei ha delle potenzialità e quali sono?

«Devo dire che pur avendo amministratori che negli anni precedenti sono stati in consiglio comunale, non mi pare che riescano a mettere a frutto quello che avrebbero dovuto imparare, anzi, mi pare che per ora l’unico obiettivo sia quello di fare esattamente il contrario rispetto alle scelte della  precedente amministrazione anche se si tratta di situazioni che hanno dato risultati positivi, senza però avere la capacità di proporre soluzioni nuove. Sembra piuttosto che si sia tornati indietro nel tempo cancellando anni di buona ed efficiente amministrazione».

I rapporti tra maggioranza e minoranza sono buoni? Esiste un dialogo efficace tra le due controparti?

«I rapporti personali ovviamente sono buoni, perché siamo persone civili, ma i rapporti tra maggioranza e minoranza sono molto difficoltosi perché c’è una totale chiusura della maggioranza nei nostri confronti».

Condivide qualcuna delle scelte fatte dall’attuale amministrazione?

«Assolutamente no, siamo proprio su posizioni diverse per quanto riguarda l’idea di come deve funzionare un Comune e di come si debbano utilizzare le risorse».

Ci sono problemi argomento di dibattito?

«Ci sono molti problemi a partire dal bilancio appena presentato che non contiene nulla di quanto promesso in campagna elettorale. Nonostante, come dicevo, l’attuale vice sindaco sia stato consigliere di minoranza nella precedente amministrazione, quindi avrebbe dovuto conoscere la situazione finanziaria del Comune, in campagna elettorale hanno promesso di togliere l’addizionale comunale (irpef) che vale circa 50mila euro ma ovviamente non sono in grado di farlo perché non è così semplice recuperare questa somma da altri capitoli di bilancio. Inoltre, mentre la mia giunta  aveva rinunciato agli emolumenti facendo risparmiare al Comune circa 20mila euro all’anno (100mila in 5 anni) l’attuale non lo farà e quindi devono recuperare altre risorse per coprire anche questa posta di bilancio. Non c’è traccia quindi di nessun nuovo progetto, un bilancio che prevede solo ordinaria amministrazione. L’unica opera in cantiere è stata finanziata con fondi arrivati alla fine del mio mandato, destinati a opere di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile e si è pensato bene di fare più di mille metri quadrati di parcheggio in asfalto (quindi certamente non ecocompatibile) al servizio della scuola dell’infanzia che secondo noi non ne aveva alcuna necessità in quanto già dotata di parcheggio. Su questa vicenda abbiamo presentato una diffida a procedere con i lavori in quanto, per avere il benestare dal Ministero per l’utilizzo dei fondi, si è esposta la situazione in modo fuorviante lasciando credere che ci fosse la necessità di una messa in sicurezza per tutelare i bambini durante l’ingresso e l’uscita dalla scuola materna».

Ritiene che la nuova amministrazione li stia affrontando in modo risolutivo e che dia il peso adeguato ad ognuno di essi?

«Ritengo che la nuova Amministrazione non abbia ancora capito quanto  tempo, attenzione e dedizione  siano necessari per fare un buon lavoro ed ottenere dei risultati. Certo, possono sempre accontentarsi di fare solo ordinaria amministrazione, con la situazione che abbiamo lasciato possono vivere di rendita almeno per i prossimi due anni....».

di Cecilia Bardoni

  1. Primo piano
  2. Popolari