Mercoledì, 13 Novembre 2019

VARZI –LE TRE EDUCATRICI DOVRANNO DIFENDERSI DALL’ACCUSA DI MALTRATTAMENTI E COMPORTAMENTO VIOLENTO NEI CONFRONTI DEI BIMBI DELL’ASILO ZUCCHERINO

Il 12 settembre 2019 ci sarà la prima udienza del processo delle tre educatrici, dell'asilo nido Zuccherino di Varzi, denunciate il 27 marzo scorso dalla Guardia di Finanza

Le tre educatrici sono : Monica Figheti, di Bagnaria, di anni 50, Sonia Catenacci, di Val di Nizza, di anni 24 Antonella Ruiu, di Bagnaria, di anni 45.  Per le tre educatrici il capo d’accusa è maltrattamenti e di aver  un comportamento violento e vessatorio nei confronti di bambini di età tra uno e tre anni che frequentavano l'asilo nido Zuccherino.

La posizione processuale, più complicata è quella di Monica Fighetti, che dal momento dell’arresto avvenuto il 28 Marzo 2019,, si trova da 4 mesi agli arresti domiciliari.   

Il lavoro investigativo della Guardia di Finanza è iniziato nel Dicembre 2018, in seguito alle diffuse voci sui comportamenti, almeno strani, delle educatrici dell'asilo. A quel punto, gli uomini della Gdf hanno installato delle telecamere nella scuola e le immagini hanno restituito una realtà fatta di sofferenze per i bimbi.

Nei video, infatti, si vedono le educatrici prendere a schiaffi i piccoli o urlare contro di loro. In un momento delle immagini, una educatrice prende un bimbo, lo trascina via e lo butta in un angolo. In un altro ancora una donna sgrida un piccolo, che piange a dirotto dopo essere stato colpito: "Adesso - dice - quando la mano sarà bordeaux forse capirai che la devi smettere".

All’asilo nido Zuccherino i bimbi dovevano essere al sicuro. Lì, dove passavano gran parte della loro giornata, dovevano imparare a stare con gli altri bimbi e dovevano essere curati ed educati. E invece per loro - tutti piccoli tra uno e tre anni - quel posto era diventato un vero e proprio inferno, tra botte, insulti e minacce. Nella struttura, hanno accertato a fine marzo 2019, gli investigatori delle fiamme gialle, i bambini venivano continuamente colpiti con schiaffi, spinte, strattoni e sottoposti a violenze psicologiche.

Installare subito sistemi di videosorveglianza in tutte le strutture scolastiche italiane. A chiederlo il Codacons, proprio in conseguenza, l'ennesimo, caso di maltrattamenti a danno di bambini avvenuto a Varzi, nel Pavese. “Si stanno moltiplicando i casi di violenza nelle strutture scolastiche portati alla luce solo grazie a telecamere nascoste piazzate dalle forze dell'ordine- queste le del presidente Codacons Carlo Rienzi - per questo ribadiamo la necessità di installare telecamere in tutti gli asili e scuole elementari, per controllare l'operato del personale scolastico ed evitare abusi e violenze che possono avere conseguenze anche gravi sui minori".

ECCO IL VIDEO DELLA GUARDIA DI FINANZA CON LE IMMAGINI DEI MALTRATTAMENTI : https://www.youtube.com/watch?v=QAF3rL4qMfU

  1. Primo piano
  2. Popolari