Mercoledì, 17 Luglio 2019

MONTECALVO VERSIGGIA «APRIRÀ IN COMUNE LA SEDE CULTURALE DEL PINOT NERO»

Potenziare il museo del cavatappi e creare la “sede culturale” del Pinot Nero. Sono questi i primi due impegni per il neo-rieletto sindaco di Montecalvo Versiggia Marco Torti, che ha appena inaugurato il suo secondo mandato.

Sindaco, cosa ha in serbo per il museo del Cavatappi?

«Si tratta di un progetto che si è potuto realizzare con la collaborazione di ‘Attiva-aree’. In pratica ci hanno fornito dei proiettori video per proiettare immagini che parlano della zona. Un progetto che si concretizzerà a luglio quando faremo l’inaugurazione».

Già di per sé è una realtà unica in Italia. Sta riscuotendo successo?

«Assolutamente sì, è unico nel suo genere in Italia. È aperto solo la domenica dalle 15 alle 18 oppure su richiesta. Nel caso basta chiamare in Municipio e chiedere. Funziona bene anche se le visite non sono numerosissime, ma tutte le domeniche c’è qualcuno che viene nel nostro Museo. È una realtà che per alcuni può sembrare ‘strana’, ma fare un museo del genere ci è sembrata una giusta conclusione per il territorio».

Il progetto legato al Pinot Nero invece cosa prevede?

«Come comune abbiamo ristrutturato tutto il primo piano del municipio e pensavamo di fare diventare questo posto la sede culturale del pinot nero: un centro unico in Oltrepò, con lo scopo di lavorare per il territorio e ricostruire la memoria di questo vino. Un centinaio di anni fa, nella nostra zona si è cominciato a piantare Pinot nero al fine di produrre spumante. E poi la produzione di pinot è diventata il business locale. Volevamo quindi ricordare questo, creando un centro di documentazione che raccogliesse tutto quello che riguarda questo settore a disposizione di chi ne volesse usufruire. Uno sguardo al territorio diverso, come non c’è stato finora, vedendolo anche come integrazione di diverse realtà, imprenditoriali e culturali».

Quando si realizzerà?

«Ci auguriamo di inaugurare prima della fine dell’anno. Il locale è stato ristrutturato, lo stiamo arredando, ma rimane in fase di definizione la parte gestionale. Stiamo studiando come gestire e definire al meglio tutto quanto. Pensavamo inoltre di coinvolgere qualche Università e qualche imprenditore locale del vino, non solo di Montecalvo, ma tutti coloro che in zona producono uve e vino pinot nero».

Ha appena iniziato un nuovo mandato ma un altro si è concluso. Che cosa siete a realizzare nei primi cinque anni di Amministrazione?

«Devo dire che la prima esperienza amministrativa ha rappresentato un periodo fortunato dal punto di vista dei lavori: siamo infatti riusciti a fare parecchie cose. Abbiamo riqualificato tutta l’illuminazione pubblica, sostituendo i lampioni con luci a Led che permettono un grande risparmio energetico, abbiamo asfaltato parecchie strade. E abbiamo infine riqualificato anche l’edificio comunale esternamente e fatto lavori di manutenzione straordinaria al cimitero. Quindi, nonostante le scarse risorse, mi sento di dire che abbiamo lavorato bene».

è stato rieletto Sindaco. La gente le ha dato dimostrazione di aver apprezzato quanto fatto nel mandato precedente.

«Certo. In questa nuova giunta abbiamo cambiato un po’ di persone, cercando di dare spazio ai giovani. Penso che proseguiremo nel senso della continuità di quanto realizzato finora».

  di Elisa Ajelli

agierre-marzo TecnoSerramenti-copia lidobuca-copia studio-medico-tagliani panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari