Sabato, 24 Agosto 2019

RETORBIDO – ELEZIONI COMUNALI «VOGLIAMO CHE I NOSTRI GIOVANI ABBIANO LUOGHI SICURI E TRANQUILLI IN CUI POTERSI AGGREGARE»

Isabella Cebrelli, impiegata presso il Policlinico San Matteo in qualità di funzionario amministrativo, sposata con una figlia, Martina, dopo varie esperienze all’oratorio e in diverse associazioni, da 10 anni è il sindaco di Retorbido.

Cebrelli che cosa le fa pensare di essere il sindaco giusto?

«Perché in questi dieci anni abbiamo amministrato con oculatezza, attenti a non contrarre debiti di bilancio, anzi abbiamo ridotto il debito pubblico del 40% mantenendo e garantendo allo stesso tempo tutti i servizi ai cittadini in ambito sociale, scolastico, lavori pubblici e migliorando le aree verdi per i bambini che rappresentano il nostro futuro».

Tre priorità della sua futura azione amministrativa in caso di vittoria?

«Priorità agli investimenti, cercando con la revisione del PGT, che stiamo attuando, soluzioni che favoriscano nuovi insediamenti produttivi in linea con la vocazione del nostro territorio; recupero dell’ex asilo per il quale abbiamo partecipato ad un bando regionale e che intendiamo trasformare in spazi per la biblioteca e le associazioni, ma soprattutto per ambulatori medici convenzionati con il Sistema Sanitario; i ragazzi e gli anziani sono anch’essi al centro del nostro programma elettorale: vogliamo fortemente che i nostri giovani abbiano luoghi sicuri e tranquilli in cui potersi aggregare, svolgere attività ludiche e sportive, crescere come singoli e come comunità; per quanto riguarda i nostri anziani, devono trovare nel Comune un punto di riferimento e l’amministrazione comunale a tal proposito deve offrire loro sostegno economico e sociale». 

Viviamo in un periodo complesso, la ripresa dalla crisi è difficoltosa e molte famiglie faticano a tirare avanti. In questo contesto, quanto e cosa crede che un’amministrazione comunale possa fare per migliorare concretamente la vita dei cittadini?

«Abbiamo investito e stiamo investendo molte risorse per offrire ai cittadini i migliori servizi che riguardano il sociale, la scuola, i lavori pubblici, i servizi ai giovani ed agli anziani, nello specifico: l’apertura da diversi mesi di uno sportello CAAF per assistenza e consulenza pratiche, il sostegno alla scuola attraverso il finanziamento di offerte formative e la realizzazione di opere pubbliche. Penso però che soprattutto per il particolare momento di crisi economica e sociale che stiamo attraversando, anche i Comuni devono prestare attenzione al proprio bilancio, attingendo risorse da bandi regionali e nazionali o utilizzando avanzi di bilancio, ma non ricorrendo a prestiti che indebiterebbero ulteriormente il Comune e di conseguenza i cittadini. Certamente l’amministrazione oltre ad offrire servizi deve essere vicino e tra i cittadini, ascoltare le loro istanze e risolvere eventuali problemi, sempre con onestà e professionalità».

Perché la popolazione dovrebbe votare Lei e la sua squadra e cosa c’è di differente in contrapposizione agli altri?

«Perché, come già detto, abbiamo ridotto il debito pubblico, garantito ed implementato i servizi e realizzato opere per i cittadini. Noi siamo per “il fare”, sempre a disposizione dei nostri residenti, aperti ad ogni suggerimento o consiglio. Ogni giorno io sono presente in Comune, a disposizione di tutti coloro che hanno problemi o necessità varie. I cittadini che ci conoscono, riconoscono e riconosceranno la nostra onestà e trasparenza, che sono i cardini fondamentali su cui basare una buona amministrazione pubblica. Per principio non giudico “gli altri”, saranno i cittadini, attraverso il lavoro svolto ed il programma presentato a scegliere il candidato sindaco per i prossimi cinque anni».

Un sogno nel cassetto per il suo paese?

«Un paese sicuro, innovativo, al servizio dei cittadini e del territorio e rispettoso delle sue tradizioni».

agierre-marzo TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari