Lunedì, 25 Marzo 2019

PORTALBERA - «SCUOLE E SICUREZZA, ECCO IL NOSTRO 2019»

Il Comune di Portalbera per il 2019 punterà su scuole e telecamere: messa in sicurezza antisismica degli edifici e sicurezza sono i capisaldi della politica che il sindaco Pierluigi Bruni porterà avanti in questo nuovo anno. «Abbiamo investito parecchi fondi in questo settore. A Portalbera la nostra amministrazione ha sempre dato molta importanza alla scuola: un comune che perde le scuole perde tutto».

Sindaco, com’è amministrare Portalbera? è un posto tranquillo?

«Bella domanda! Non è che sia difficile, però la burocrazia crea tanti problemi. Ci sono tante cose, a volte inutili, da fare. Però si governa. C’è stato il periodo un po’ più duro, quando hanno bloccato tutto con il patto di stabilità. Adesso c’è un po’ più di elasticità e qualcosa abbiamo fatto. Sono soddisfatto e spero in futuro di avere ancora qualche fondo a disposizione per poter realizzare progetti e terminare lavori».

Cos’ha in cantiere per il suo paese?

«Abbiamo cercato di spingere sul patto scolastico a favore delle scuole. Vogliamo metterle in sicurezza sia dal punto di vista dell’antincendio, che da quello antisismico. Per noi è una ‘voce’ importantissima. Abbiamo il nido, la scuola materna e la scuola elementare. Mi piacerebbe che anche i paesi limitrofi potessero pensare di mandare i bambini nelle nostre scuole, già i bambini di San Cipriano vengono da noi. Noi mettiamo a disposizione il pulmino e facciamo anche il doposcuola gratuito: si paga solo un’iscrizione e poi per tre giorni alla settimana i bimbi possono stare fino alle 16.15».

Per quanto riguarda invece le strade, l’illuminazione, le telecamere come siete messi?

«Quest’anno potenzieremo la parte della sicurezza con telecamere all’avanguardia. Controlleremo direttamente dal Municipio i filmati delle telecamere, è un bel passo avanti. Abbiamo speso 20 mila euro per questo e altri ventimila andranno per l’illuminazione, potenziandola laddove manca. Se si apriranno altri fondi vedremo cosa fare, dobbiamo anche terminare di asfaltare un pezzo di via».

Da voi funziona bene anche la Proloco?

«Sì, collaboriamo insieme in modo molto positivo. Per esempio tutti gli anni organizziamo il pranzo dell’Epifania con gli anziani e il risultato è sempre bello. Poi la Proloco fa diverse programmazioni durante l’anno, soprattutto d’estate».

Lei è in politica da tanti anni. Come ha visto cambiare questo mondo?

«Una volta era davvero più semplice. Oltre a questi anni da Sindaco, ho fatto per dieci anni il vice, quindi ho una bella esperienza. Non c’erano così tanti vincoli e burocrazia, adesso è tutto molto più complicato».

Dei giovani cosa ne pensa?

«Per quanto riguarda la disoccupazione non posso dire che ce ne siano tanti, forse ci sono più disoccupati in un’altra fascia d’età… quello che posso dire sui giovani è che vivono un po’ poco il paese, a lavorare vanno in molti su Milano e anche per il divertimento vanno spesso a Stradella…».

Il suo comunque è un giudizio positivo sul suo paese?

«Assolutamente sì! Abbiamo due società sportive, la Proloco, la Protezione Civile. Cerchiamo di mantenere e se possibile migliorare quello che abbiamo».

di Elisa Ajelli

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari