Lunedì, 26 Agosto 2019

VOGHERA - MONICA SISSINIO : «DO IL MIO PERSONALE BENVENUTO AL NUOVO DIRETTORE»

L’avevamo incontrata lo scorso autunno, in piena buriana di fatture “in ritardo”. Lei, con i suoi modi affabili e gentili, ci aveva assicurato e rassicurato: assicurato il massimo impegno, rassicurato della veloce soluzione all’empasse. Siamo ritornati, proprio ad inizio anno nuovo, per capire se le rassicurazioni e le assicurazioni, tradizione di famiglia oltretutto... sono andate a buon esito. Abbiamo incontrato la Presidente di Asm Vendita & Servizi, Monica Sissinio.

Presidente ci eravamo incontrati alcuni mesi or sono, con il massimo impegno, da parte sua, profuso alla normalizzazione della fatturazione: in che condizioni siamo ora?

«Attualmente, la cosa importante, che è importante anche a livello ovviamente nazionale, è l’innovazione della Fatturazione Elettronica: noi non siamo ancora “partiti” con questa nuova modalità, che inizierà, ritengo, dal prossimo mese. Al momento, siamo arrivati a fatturare sino alle scadenza di Ottobre 2018. Dobbiamo fatturare l’ultimo bimestre, Novembre e Dicembre 2018. Temo, mia opinione personale ma per la quale ho già richiesto chiarimenti tecnici, che non riusciremo a portare a termine la fatturazione suddetta nei termini temporali perfetti... probabilmente avremo ancora un piccolo ritardo...».

 

Si potrebbe quindi dire che, a seguito di quest’ultimo ritardo, diciamo nei termini di 30 giorni, la fatturazione rientrerebbe nelle tempistiche normali?

«Esatto. Siamo comunque vicini al traguardo della ripresa della normalità, con mio grande piacere ed orgoglio... se penso all’anno che ho ed abbiamo trascorso...».

Non voglio intristirla né smorzare il suo giusto entusiasmo, ma si è presentato anche il problema della doppia fatturazione...

«Ahimè sì. A causa di moduli Mav mal numerati, abbiamo dovuto riemettere alcune fatture, stornando quelle abbinate ai Mav invalidati. Le fatture online, purtroppo, hanno subito doppia emissione, ma solo le bollette! Gli addebiti bancari sono comunque stati singoli, non doppi! Come è sempre stato, sia chiaro! Anche tra gli errori ed i ritardi dell’anno passato, gli addebiti contabilizzati sono sempre stati corretti! Sono altresì consapevole che ci sia stato disagio, soprattutto ritengo emotivo, creato da un’inattesa confusione, all’epoca. Capivo che il cliente avvertiva soprattutto l’empasse del dubbio per il futuro, a cosa potevano andare incontro... e di questo mi sono sempre, unitamente al mio staff, immensamente scusata con i nostri clienti, storici e nuovi. E molti clienti non sono mai stati toccati da questo disagio, ricevendo puntualmente le nostre fatture, come nulla stesse accadendo...».

Facciamo un passo indietro, alla fatturazione online: quindi, il suddetto problema non ha toccato le emissioni cartacee, solo quelle online? Sono molti gli utenti privati, non aziende, intendo, ad aver richiesto l’emissione online della propria fatturazione?

«Le fatture cartacee con Mav errato sono state stornate e sostituite da quelle valide, quindi le prime non sono andate in spedizione. Sì, parecchi clienti hanno aderito alla formula di fatturazione online. Mi pregio, a seguito d’intelligente riflessione suggeritami dal neo Direttore di Asm Vendita & Servizi, di citare i cittadini che ci scelgono come clienti e non utenti: l’utente è un soggetto che “distaccatamente” paga un servizio, il cliente è una persona con la quale si instaura un rapporto di fiducia, prima, e di servizio, consequenzialmente, ma in un contesto di rapporto personale più stretto, più accudente, con un diverso appeal tra le parti...».

Veniamo allora anche alla persona da lei citata, altra novità dell’anno burrascoso appena conclusosi: il nuovo Direttore...

«Il nuovo Direttore si chiama Michele Chiappa. Proviene dal settore, da un’azienda di maggior volume d’affari rispetto ad Asm, 45enne manager d’assalto ma che, dagli inizi del suo percorso, ha effettuato proprio una completa gavetta nei vari comparti aziendali! Grande esperto delle problematiche amministrative, le devo dire che si è oltremodo rivelato un ottimo motivatore nei confronti dei subalterni aziendali: sia i nostri esperti impiegati sia i nuovi entrati, con meno esperienza sul campo intendo, hanno respirato un’aria decisamente nuova grazie alla fiducia che il Direttore infonde loro! Una squadra, per brava che sia, ha certamente sempre bisogno di un grande allenatore per diventare una grande squadra, ed io sono certa di averlo trovato! Tutti i nostri dipendenti sono già, seppur in poche settimane, più, come dire, sicuri ed appassionati delle ed alle loro mansioni! In più, abbiamo potenziato anche le mansioni dell’ingegnere Bedini, che ha attualmente in carico la gestione di tutto il back-office».

Quando è iniziata la collaborazione con il nuovo Direttore?

«Per l’esattezza il 20 Dicembre 2018, a ridosso delle festività natalizie. A seguito dell’ottima impressione che ci ha dato, io ho fortemente voluto che iniziasse prima del nuovo anno, essendo comunque la nostra emergenza si in fase di risoluzione ma, parlo per me in quanto Presidente, ben presente nei miei costanti pensieri quotidiani... Devo dire che il Direttore è immediatamente piaciuto a tutti, come credo si sia capito anche dalla precedente risposta, con un felice approccio immediato! Ha subito infuso fiducia ed un senso di “protezione” a tutto lo staff, che sta lavorando decisamente meglio rispetto agli scorsi mesi, e possibilmente con carico di lavoro maggiorato».

Si parla di imminente concorso: è vero?

«Sì, corrisponde a verità. Nei prossimi giorni cominceremo a stendere un “fabbisogno” del personale, insieme appunto al nuovo Direttore, capendo di quali figure abbiamo necessità, e faremo il tanto atteso concorso».

è previsto nell’arco del 2019?

«Personalmente cercherò e mi impegnerò affinché venga svolto entro la metà del 2019! Vorrei arrivare alla fine del mese di Giugno con il concorso già effettuato! Anche perché, dall’ultima legge uscita, diminuiscono drasticamente le possibilità di proroga contrattuale delle attuali forze in campo, e non vorrei doverne ancora formare di nuovi, operazione che costerebbe tempo e denaro».

L’opposizione politica all’attuale maggioranza amministrativa guidata dal Sindaco Barbieri ha, a sua parere personale, espresso una qualsivoglia verità nella critica all’operato gestionale dell’Azienda?

«Dalle fila dell’opposizione politica, anche in Consiglio Comunale, ove sono andata per rispondere ad interrogazioni a riguardo, certamente si sono alzate critiche, e più in generale commenti, che mi hanno fatto capire solamente che i detrattori della maggioranza amministrativa hanno fatto “bene il loro lavoro”, adducendo però motivazioni estranee alle vere difficoltà gestionali: un po’ come se l’Azienda non riguardasse anche loro, dal punto di vista cittadino, tanto per intenderci. O come non sapessero che, ad esempio, la Legge Madia, il Decreto Dignità, etc. sono stati veri bastoni tra le ruote... o la richiesta di annullare il Cda da me presieduto! In questo momento? Lasciando così davvero tutto allo sbaraglio?! La tattica delle “code agli sportelli per le contestazioni” urlata ai quattro venti è stata davvero, poi, la punta dell’iceberg! Tra rinnovi, switch, potenziamenti, e tante altre pratiche d’ufficio, le posso assicurare che la percentuale di contraddittori agli sportelli, nei tempi più “caldi” fortunatamente passati, non ha mai superato il 20% ! Chiederei a questi Signori, in virtù dei cambiamenti recentemente effettuati e del percorso ostico affrontato in questi mesi, di darmi il tempo necessario, così come fa la maggioranza comunale, per dimostrare l’ottimizzazione dell’Azienda. Nei momenti bui non mi sono nascosta, attenendomi con responsabilità al ruolo che mi è stato assegnato».

Ultimo argomento: gli indennizzi. Perché sono dovuti e come avverrà il rimborso?

«Dunque... Sto attendendo il dato finale. Ecco, questo è un “consiglio”, amicale e professionale che faccio mio, ricevuto anche da un esponente dell’opposizione, come lei mi ha prima chiesto, esperto del settore energia: non mi sono fermata al primo calcolo, a riguardo indennizzi, ma ho preteso di sentire più voci, come fossero pareri medici... Quindi, insieme al mio Cda, al Direttore ed al Collegio Sindacale, decideremo come rimborsare questi indennizzi diretti, che sono dovuti in virtù del ritardo di fatturazione».

Concludendo: l’Azienda è sempre sana, e lei è più soddisfatta e serena in questo inizio di 2019?

«Assolutamente! L’Azienda è sanissima e sempre nel cuore dei cittadini oltrepadani, che ce lo dimostrano quotidianamente! Io si, sono decisamente più sollevata, in confronto ai mesi passati, e determinata e pro-attiva nel condurla a futuri successi!».

di Lele Baiardi

agierre-marzo TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari