Mercoledì, 14 Novembre 2018

INDEPENDENT ATTACCA GOVERNO : "BANDA DI POPULISTI"

"Vergognosi anche per i loro stessi bassi standard, la banda di populisti che attualmente sta cercando di governare l'Italia ha tentato di sfruttare il tragico crollo del ponte di Genova per fini politici". Un editoriale durissimo - cui nel pomeriggio ha replicato il M5S - per puntare il dito contro il governo italiano e le dichiarazioni dei suoi leader nelle ore immediatamente successive alla tragedia di Ponte Morandi. Questo quanto pubblicato stamane dal 'The Independent' in un articolo non firmato e dal titolo 'La folle reazione del Governo italiano al crollo del ponte di Genova non fa che aggravare la tragedia di una nazione'.

Sotto accusa del quotidiano britannico, in particolare, le parole del ministro Matteo Salvini che, si legge, "ha perso tempo a incolpare la detestata Unione Europea per la perdita di vite umane. La sua argomentazione era che le restrizioni di bilancio dell'Ue per gli Stati membri impediscono loro di realizzare costosi progetti infrastrutturali. È, naturalmente, sbagliato. Tutto ciò che le regole fiscali richiedono è che gli Stati membri della moneta unica europea salvaguardino l'integrità dell'euro nel rispettare limiti ampi sui disavanzi di bilancio e il livello generale del debito nazionale. Nessuno in Europa - ribadisce il quotidiano - ha mai posto il veto a nessun piano per rendere sicuro un ponte". 

Quello che in realtà è andato storto "tra gli altri fattori", afferma l'Independent riferendosi al post sul blog delle stelle che parlava di "favoletta del crollo", "è che i miglioramenti programmati al ponte sono stati aspramente contrastati dai partner della coalizione di Salvini, il Movimento Cinquestelle". Lo stesso Movimento che, accusa il quotidiano, "fedele al suo crudo istinto populista, voleva ottenere il sostegno politico dai residenti locali che si risentivano per le interruzioni e i cambiamenti che le opere avrebbero creato". Un atteggiamento che gli inglesi chiamano "nimbyismo", ma qui "elevato a una filosofia politica".

I populisti diventano così per il giornale dei "faccia tosta", incarnazione di quella "caratteristica del politico di successo che può distorcere la verità come desidera, mentre attacca in modo indignato coloro che cercano di riferire notizie vere", di cui "Donald Trump è il principale esponente globale". Sulle pagine dell'Independent, Salvini viene descritto come "leader de facto d'Italia - dopo tutto è soprannominato 'Il Capitano' - che ombreggia l'attuale primo ministro" Conte, definito a sua volta "un eurofobo anti immigrati" che tuttavia "manca del talento di Salvini per la pubblicità".

Ma la polemica della testata non riguarda solo Genova. Nel mirino finisce infatti, in modo ancor più ampio, la stessa politica del governo: dagli esponenti della "destra dura" all'interno del Parlamento, alla "denigrazione del normale dibattito politico", passando dalle posizione anti euro dell'esecutivo e contro la Bce, fino ad arrivare alle "misure più spietate contro i rifugiati che arrivano dall'Africa" che prima o poi, taglia corto il giornale, renderanno i rappresentanti dello Stato "responsabili della morte di persone innocenti" anche se "è improbabile che il signor Salvini e i suoi colleghi sentiranno molto rimorso". Non i rifugiati, insomma, ma una "economia stagnante, le finanze pubbliche gestite male e il sistema bancario sempre più utilizzato come una sorta di salvadanaio per i ministeri italiani", sono per il quotidiano tutto ciò che si trova dietro "la disastrosa demografia in Italia".

"La grande ironia è che la migrazione, che è composta in modo schiacciante da lavoratori più giovani, potrebbe iniziare a correggere gli squilibri demografici e la conseguente tensione economica. Invece - sottolinea il quotidiano britannico -, il governo italiano incolpa e vittimizza proprio le persone che potrebbero aiutare il Paese a ricostruire infrastrutture scadenti e creare posti di lavoro. Questa - conclude l'Independent - è un'ulteriore tragedia nazionale".

LA REPLICA DEL M5S - "Il fatto che la stampa estera alimenti la polemica sulla questione Gronda dopo il crollo del Ponte Morandi è gravissimo. La tragedia, che ha causato la morte di 39 persone e che impegna ancora i nostri generosissimi soccorritori nella ricerca dei dispersi, non dovrebbe vedere testate così illustri inserirsi in querelle basate su menzogne. Potrebbe al massimo far riflettere sulla mancanza di manutenzione, su una classe politica disattenta sullo stato di salute delle nostre infrastrutture, su una società concessionaria che oggi si preoccupa del proprio andamento in borsa". Così, in una nota, il senatore del Movimento 5 Stelle Primo Di Nicola, componente della Commissione Finanze e vicepresidente della Commissione Vigilanza Rai.

La Gronda, aggiunge, "che sarebbe stata operativa tra dieci anni, c'entra ben poco visto che in nessun caso sarebbe stata sostitutiva del Ponte: al contrario, il Ponte Morandi nel progetto di Autostrade era funzionale al senso stesso della Gronda. Peccato che all'estero a quanto pare non se ne siano accorti".

"E pensare che è dal 2015 che sono stati segnalati, addirittura con interrogazioni parlamentari rivolte al governo guidato dal Pd, i problemi strutturali e di cedimento del ponte. Nel 2017 il nostro deputato Alberto Zolezzi sollevò, con un'interpellanza, la questione delle criticità nel capoluogo ligure chiedendo un controllo su tutte le infrastrutture genovesi. Il resto, purtroppo, è storia di oggi", chiosa Di Nicola.

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari