Giovedì, 21 Novembre 2019

OLTREPÒ PAVESE – “LOMBARDIA MOBILITÀ LA SOCIETÀ REGIONALE CHE AVREBBE DOVUTO RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA MANUTENZIONE STRADALE NON SI FARÀ PIÙ, ERA SOLO UNO SPOT ELETTORALE”

Il Consigliere Provinciale, Paolo Gramigna, interviene in merito a  'Lombardia Mobilità Spa',  che doveva essere una società compartecipata al 50% da Regione Lombardia e Anas e doveva gestire la rete stradale regionale di 2.200 chilometri per manutenzione, efficentamento e sicurezza della rete stradale stessa.

“Lombardia mobilità la società regionale che avrebbe dovuto risolvere il problema della manutenzione stradale – scrive Gramigna -  non si farà più. Ad annunciarlo ufficialmente ieri il Presidente Fontana di Regione Lombardia in una riunione con le Province Lombarde. Il PD e pochi altri a denunciare da tempo che la costituzione della società era solo uno spot elettorale. Ora, al di là della figuraccia colossale, però rimane un impegno politico preso da Regione Lombardia con i territori che da Regione va onorato. Con la finanziaria dello scorso anno il tanto vituperato Governo Nazionale ha stanziato risorse straordinarie pari a 300.000.000 di euro per il 2017, 120.000.000 di euro per il 2018 e stabilizzato un fondo pluriennale di 300.000.000 di euro annui a partire dal 2019 per interventi di manutenzione straordinaria sulla viabilità provinciale; per la nostra provincia da questi stanziamenti 3.000.000 di euro già messi a gara a dicembre 2017 (i lavori inizieranno a breve) e 1.200.000 euro da mettere a gara entro l'estate (auspico che il nuovo Governo mantenga e integri tale stanziamento). In aggiunta ha destinato dal fondo coesione e sviluppo, attraverso il patto per la Lombardia alla nostra provincia altri 5.000.000 di euro circa per interventi di manutenzione straordinaria sulle arterie stradali principali (ex ANAS). Inoltre sempre il governo Nazionale ha finanziato la nostra Provincia con oltre 9.000.000 di euro per interventi di messa in sicurezza e adeguamento strutturale dei ponti sul fiume Po. Grazie agli stanziamenti del Governo Nazionale si sono create le possibilità di cantierare nella nostra provincia entro fine anno circa 24.000.000 di euro per opere viabilistiche. Nella citata riunione di ieri il Governatore di Regione Lombardia nel comunicare la revoca della costituzione di Lombardia Mobilità ha contemporaneamente messo sul piatto delle province lombarde 15.000.000 di euro all'anno per 3 anni per un totale di 45.000.000. Anche nella ipotesi di adottare il più vantaggioso dei criteri di riparto, per la nostra provincia saranno disponibili risorse aggiuntive per circa 1.2 - 1.3 mil di euro all'anno per 3 anni. Una risposta deludente, non accettabile che non risolve come era stato promesso dall'ex Governatore Maroni il problema della viabilità nella nostra regione. La gestione delle strade ex 112 è funzione delegata da Regione alle Provincie. Per risolvere il problema – conclude Gramigna -  la funzione deve essere finanziata totalmente dal delegante (Regione) sia per quanto la manutenzione ordinaria e straordinaria, che per il personale tecnico/amministrativo delle Provincie rendicontato su quei tratti di strada.”

  1. Primo piano
  2. Popolari