Giovedì, 13 Dicembre 2018

SANTA GIULETTA - EX VINAL, LA BONIFICA ENTRO IL 2019

La bonifica della ex Vinal sarà la priorità dell’amministrazione comunale di Santa Giuletta per l’anno in corso. Regione Lombardia ha messo a disposizione un importante finanziamento che supera i 2 milioni e 200mila euro da impiegare per la bonifica dell’area, che saranno erogati solo dopo che i lavori saranno stati affidati. Il tempo utile per venire a capo dell’appalto scade nel 2019. Per il sindaco Simona Dacarro e tutti i cittadini un sospiro di sollievo, ma è anche l’inizio di una corsa contro il tempo.

Sindaco, sarà una corsa difficile o il traguardo è di quelli agevoli?

«Considerando i nuovi criteri e le procedure per il finanziamento degli interventi previsti dall’art.17 bis della l.r.26/03  abbiamo tempo nel biennio 2018 e 2019 per far partire la macchina burocratica. La Regione ci invierà i fondi man mano che le opere procederanno e saranno rendicontate. Noi confidiamo di affidare l’appalto entro l’anno e di poter iniziare i lavori al più tardi nel 2019».

Come vi state muovendo?

«C’è un progetto d’intervento prevede la rimozione delle lastre in cemento-amianto, bonifica e lavaggio dei serbatoi, rimozione e smaltimento dei rifiuti sparsi all’interno dello stabilimento e verifiche ambientali in corso d’opera».

Cambiando argomento. Si è appena chiuso il 2017, cosa ha portato l’anno al suo Comune?

«L’opera più importante realizzata è stata la strada vicinale che dal passaggio a livello di Santa Giuletta porta fino al confine col Comune di Redavalle. Opera necessaria in seguito alla chiusura del passaggio a livello di Manzo, contemporaneamente sono stati sistemati alcuni fossi in zona.

Nell’ultimo trimestre dell’anno, grazie a variazioni di bilancio positive, siamo riusciti poi ad intervenire sistemando alcuni tratti di strade particolarmente rovinati».

Quali opere sono in programma per l’anno in corso?

«Riusciremo quest’anno a fare un primo intervento importante nell’edificio scolastico. Abbiamo inserito a bilancio la sostituzione della vecchia caldaia che ultimamente ha causato un po’ di problemi. è necessario ed è anche un bel segnale per il nostro plesso scolastico che concentra in un unico luogo le scuole primaria di primo e secondo grado, la secondaria e la grande palestra utilizzata da varie scuole e da più associazioni sportive durante quasi tutto l’anno. In quanto a ristrutturazioni meritano un cenno i lavori svolti da rete ferroviaria italiana per la riqualificazione della stazione ferroviaria. con l’inaugurazione il 12 gennaio del sottopassaggio pedonale per l’attraversamento dei binari. A breve dovrebbe aprire anche l’accesso verso via Melegazza consentendo ai cittadini di giungere in paese senza passare dal passaggio a livello. Dopo tante informazioni raccolte e colloqui con varie società siamo quasi al via anche per la riqualificazione della pubblica illuminazione a led che ingloba anche telecamere per videosorveglianza. Non voglio illudere, anche in questo caso le procedure sono abbastanza lunghe e complesse, ma la direzione è questa».

Il suo Comune è sempre piuttosto vivace in quanto ad eventi promossi da varie associazioni locali..

«Sono veramente contenta, direi orgogliosa, di tutte le associazione presenti sul territorio che con impegno organizzano manifestazioni ed eventi culturali, interessanti, divertenti e/o svolgono attività socialmente utili,  ad esempio la biblioteca con varie presentazioni di libri e attività nelle scuole, che non si dimentica mai della vocazione enologica del nostro bellissimo Oltrepò Pavese collaborando con vinum narrantes. Poi c’è il museo delle bambole: quest’anno sarà la proloco ad organizzare la mostra mercato della bambola e del giocattolo a maggio oltre a tutte le altre manifestazioni che aveva già in programma; la polifonica san colombano col festival musicale; l’Avis che proseguendo l’importante compito di raccolta sangue festeggia quest’anno il 35°anniversario di fondazione della sezione; auser, caritas, oratorio San Colombano e le associazioni storiche: alpini, combattenti e reduci, Anpi. A proposito di storia abbiamo ricordato nel 2017 due centenari legati a Santa Giuletta: commemorazione del granatiere agostino setti, medaglia d’oro al valore militare della grande guerra nel centenario della morte quirino cristiani : creatore del primo lungometraggio animato “el apostol” 1917-2017 apprendiamo inoltre un commovente fatto storico: il milite ignoto di Giovi-Arezzo, diciannovenne ucciso nel ’44 dalla guardia nazionale repubblicana, in seguito ad una lunga ricerca e grazie alla prova del dna fortemente voluta dalla nipote Daniela, è stato riconosciuto come Pietro (pierino) Montagna di Santa Giuletta. A breve i resti verranno portati nel cimiero della frazione Castello».

Si parla spesso della necessità di arrivare alla fusione dei comuni più piccoli, lei cosa ne pensa?

«Penso che oggi varie comunità siano mature per unioni stabili ed in qualche caso anche per fusioni. Le sinergie portano a razionalizzare ed economizzare in alcuni settori e alcuni costi , liberando risorse da dedicare alla cura del territorio e ai bisogni dei cittadini. quindi sono propensa ad unioni ed anche a fusioni…ma ideate e gestite con la volontà e la delicatezza di rispettare quei borghi, quei territori, che motivazioni storiche hanno fatto resistere fino a oggi come piccoli o piccolissimi comuni. questa amministrazione sta valutando la possibilità di aderire ad una unione».

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari