Martedì, 12 Dicembre 2017

LICIO GELLI: A VILLA WANDA NASCOSTI UN QUINTALE D'ORO E L’ARCHIVIO DELLA P2

Licio Gelli non smette mai di far parlare di sé, anche a due anni di distanza dalla morte. Il maestro venerabile della tanto discussa loggia massonica P2, continua a lasciare una scia di segreti e misteri. In questo caso si parla del suo testamento, otto pagine delle sue ultime volontà in cui  vengono elencati beni più che cospicui destinati in eredità ai tre figli, parenti, alla governante e alla storica segretaria. Non solo Villa Wanda e un'altra villa in Costa Azzurra ma anche veri e propri latifondi in Sudamerica, con fattorie, palazzi e terreni edificabili; in Paraguay, Gelli avrebbe posseduto addirittura 172mila ettari di terra. Ma quello che desta particolare scalpore è l'indicazione sul "tesoro". Nel documento si scrive: "Nella valigetta c'è una mappa che indica il luogo e il quantitativo dei lingotti d'oro - scriveva il famoso massone - E per la consistenza delle monete d'oro c'è un mistero". I lingotti sarebbero stati accumulati addirittura per 163 chili, interrati nei vasi da qualche parte del giardino di Villa Wanda. E sarebbe citato anche il celeberrimo archivio della P2, servito a Gelli per costruirsi il suo grande potere.

 

  1. Primo piano
  2. Popolari