Martedì, 12 Dicembre 2017

STRADELLA -"I CASSONETTI SPARIRANNO DAPPERTUTTO PER EVITARE FENOMENI DI MIGRAZIONE"

Agostino Mazzocchi, assessore del comune di Stradella, con deleghe all'ecologia, ambiente e lavori pubblici, parla del progetto che riguarda il suo assessorato e tutta la città di Stradella, ovvero "La raccolta porta a porta spinta". Per Stradella questo tipo di raccolta rappresenta una grossa novità.

"In realtà in due zone della città il progetto è partito qualche anno fa. Ma la vera novità è, rispetto a parecchie altre realtà, l’orario di ritiro e l’estensione del servizio a tutta la città e alle frazioni.

Per evitare l’ingombro dei marciapiedi dalla sera al mattino dopo e non creare problemi ai pedoni, soprattutto in centro, si è scelto di fare così: i cittadini potranno esporre i rifiuti dalle 19.00 alle 21.30. Il ritiro sarà poi fatto dal personale specializzato dalle 21.30 fino a circa mezzanotte. E questo avverrà per tre sere la settimana, il martedì, il giovedì e la domenica, per quanto riguarda l’utenza domestica e gli esercizi con chiusura serale. La raccolta dell’umido avverrà in tutte e tre le giornate, affiancata di volta in volta dalla raccolta di carta, plastica ed indifferenziato".

Nei condomini faranno senz'altro più fatica…

"La realtà condominiale la conosco bene in quanto amministro stabili da molti anni ma penso comunque che con una buona organizzazione e, perché no, in alcuni casi anche con il volontariato dei condòmini stessi, ogni problema si potrà superare"

C'è già stata qualche lamentela dei cittadini per quanto riguarda i costi della Tari che subiranno qualche aumento.

"Inizialmente i costi della raccolta subiranno un sensibile aumento dovuto alla presenza di maggior personale ed alle spese di investimento per l’acquisto dei nuovi mezzi necessari. Il piano finanziario sarà discusso in Consiglio Comunale insieme con il bilancio in una prossima seduta, entro la fine dell’anno".

A Stradella quindi si sta già facendo una prova da qualche tempo. La gente che sta già facendo questa raccolta cosa ne pensa?

"è questione di buona volontà ed anche di… farci l’abitudine. Se lo si vuole, si può collaborare e contribuire a migliorare le percentuali della raccolta differenziata. Con il porta a porta il risultato che si vuole raggiungere è quello di migliorare la qualità dei rifiuti, in modo che possano essere suddivisi per tipologia ed arrivare ad un futuro abbassamento della tassa Tari. Più differenzi, meglio lo fai, meno rifiuti produci, meno paghi. La novità rispetto a quanto già fatto in alcune zone è che la raccolta dell’umido passerà da due a tre volte alla settimana".

In città quindi non si vedranno più bidoni?

"Rimarranno le campane per il vetro oltre alla raccolta del verde che dovrà essere esposto una volta a settimana, di lunedì. I cassonetti spariranno dappertutto per evitare fenomeni di 'migrazione' dei rifiuti da una zona all’altra della città, come tutt’ora, anche se in parte, avviene nelle due zone sperimentali dove si sta svolgendo il servizio porta a porta. Sarà attivo anche un servizio di conferimento alla piattaforma ecologica di via Zaccagnini 24 ore su 24 a servizio di cittadini che occasionalmente non potranno attendere il giorno stabilito per quel tipo di rifiuto".

Così si dovrebbe combattere anche l’inciviltà dell’abbandono dei rifiuti.

"Questo è un progetto e un servizio che conta molto sulla collaborazione della gente. Noi facciamo davvero un grosso affidamento sui cittadini e sul loro senso civico. Come dicevo, si tratta solo di organizzarsi un attimino meglio ed in poco tempo si potranno ottenere ottimi risultati. Naturalmente il servizio potrà essere migliorato seguendo i risultati del lavoro, con continue verifiche e, soprattutto, ascoltando la voce dei cittadini stessi ed i loro suggerimenti".

Quando partirà la raccolta?

"L’idea è di partire nei primi mesi del prossimo anno. Al momento si stanno programmando incontri con commercianti, artigiani etc. etc. nonché con gli amministratori condominiali. Sono in programma incontri con tutte le scuole e, importantissimo, con i cittadini nelle varie zone della città. Ritengo che sia importante una celere partenza del servizio ma, fondamentale, che si cominci ad attuarlo al termine di una capillare campagna di informazione".

Sono previsti controlli ed eventuali sanzioni per chi non rispetta le regole?

"Voglio sperare di non arrivare a tanto perché sono certo dell’impegno e della collaborazione delle persone. Per questo motivo credo che l’informazione, come già detto, sia fondamentale e che occorra impegnarsi per far capire l’importanza ed il valore aggiunto di una raccolta differenziata ben fatta. Quindi, prima di 'reprimere' bisogna informare".

Quali sono quindi gli obiettivi di questo importante progetto?

"Con l’estensione della raccolta porta a porta a tutta la città e frazioni l’obiettivo è quello di migliorare la performance che dovrebbe quindi passare dall’attuale 35% al 50% nel 2018 e al 60% nel 2019, perseguire la cosiddetta economia circolare, recuperando energia da riutilizzare nei processi produttivi, monitorare i feedback provenienti dai cittadini e dagli operatori e analizzare periodicamente i dati. Per un buon inizio bisogna avere ben presenti questi obiettivi".

  1. Primo piano
  2. Popolari