Giovedì, 14 Dicembre 2017

RIVANAZZANO TERME - "NESSUN DISAGIO A SEDERE IN CONSIGLIO COMUNALE CON LEGA E FORZA ITALIA"

Stefano Alberici, 54 anni, conosciuto negli ambiti sportivi come istruttore di ginnastica e gestore di alcuni centri sportivi e natatori, è il segretario del circolo PD di Rivanazzano Terme, Godiasco Salice Terme e Retorbido dal 2010. Candidato sindaco a Rivanazzano Terme per la lista di centro sinistra nel 2012 venne allora sconfitto. Da giugno di quest'anno è consigliere del comune di Rivanazzano Terme  con delega al bilancio, pubblica istruzione, rapporti con le associazioni, politiche giovanili e mobilità sostenibile.

Candidato nella lista unica presente alle elezioni guidata da Marco Poggi in continuità con l'amministrazione uscente. Ad Alberici non possiamo non chiedere come è nata questa larga coalizione.

"Si è trattato di una lista civica sostenuta da Forza Italia,  Partito Democratico e Lega. La partecipazione del Partito Democratico nasce da rapporti partecipativi e visioni comuni con la giunta Ferrari, attualmente vice sindaco, in merito alle scelte amministrative".

E della collaborazione con la Lega, formazione politica agli antipodi rispetto al PD cosa ci può dire?

"Sul piano politico siamo e saremo alternativi. Ad esempio il 22 ottobre la Lega di Maroni ha indetto un referendum per noi inutile e strumentale. Inutile perché è prevista dalla costituzione la possibilità,  per le regioni, di chiedere maggior autonomia attraverso una contrattazione stato/regioni (come sta facendo l'Emilia Romagna ) e non con un referendum che di conseguenza è solo propaganda elettorale pagata dai cittadini, circa 50 milioni di euro.

Quindi nessun disagio a sedere in consiglio comunale con Lega e Forza Italia perché sappiamo distinguere i due piani".

Quali sono i vostri obiettivi?

"Il nostro obiettivo a livello locale è quello di realizzare un programma condiviso. Sarei a disagio se non dovessimo realizzare, ad esempio, la raccolta differenziata o a garantire ai nostri concittadini standard qualitativi dei servizi e così via...

Abbiamo, come amministratori, una responsabilità importante: dobbiamo lavorare per il futuro dei nostri comuni e quindi sapere che le scelte che facciamo oggi avranno ricadute per gli anni a venire. Le faccio un esempio: Rivanazzano e Godiasco devono saper lavorare insieme per il bene dei due comuni e di Salice Terme in particolare".

Quindi lei è favorevole alla eventuale fusione dei due Comuni?

"La scelta più corretta è  quindi quella di avviare un tavolo per dare iniziale avvio alla gestione in unione di alcune funzioni comunali. A mio avviso si dovrà tendere all'unione completa dei servizi e del bilancio, un'unione che sia il preludio alla fusione. Dialogo che non deve prescindere anche dal coinvolgimento di Retorbido altro comune confinante. Dato non trascurabile avremmo a disposizione  circa 500 mila euro all'anno per i prossimi dieci anni. Non vorrei dovessimo farlo quando sarà obbligatorio e prima o poi succederà con buona pace della Lega".

Lei personalmnte all'interno della coalizione di cosa si occuperà?

"Io personalmente, anche se tutte le decisioni sono collegiali, sto lavorando a due progetti: il Piedibus che spero di poter attivare con l'inizio dell'anno scolastico.  Si tratta di un "autobus umano" formato da un autista e un controllore (nonni o genitori volontari) che 'trasportano' gli alunni a piedi, con ogni condizione meteo, tutti i giorni a e da scuola seguendo una linea e con orari prestabiliti.

L'obbiettivo è utilizzare meno le auto, fare più movimento e socializzare con gli altri bambini. Sarà rivolto alla scuola primaria e sarà gratuito. I bambini dovranno però essere iscritti e dotati di giubbini ad alta visibilità  che il Comune provvederà a fornire.

Il secondo progetto è la realizzazione di una pista ciclabile che dal paese arrivi al cimitero e alla zona industriale. Sono stati attivati gli uffici e dopo le ferie contatteremo le industrie Bormioli e Valvitalia che sono certo ci aiuteranno nella realizzazione di questo progetto. In questa ottica stiamo lavorando per migliorare la vivibilità del paese anche attraverso un progetto educativo che coinvolge la scuola".

Lei si occupa anche di scuola, quali progetti oltre al Piedibus sono già in cantiere?

"Abbiamo parecchia carne al fuoco, ma preferirei parlarne quando avrò maggiori certezze, certamente stiamo lavorando per recuperare un miglior rapporto di collaborazione con il mondo scolastico e contiamo sul fatto di poter condividere con la dirigenza scolastica alcuni progetti".

Al neo consigliere Alberici, auguriamo buon lavoro, con l'auspicio che i progetti che sta seguendo siano realizzabili in tempi stretti, ma d'altra parte è abbastanza evidente che Alberici voglia tenere in forma i rivanazzanesi... ed è una cosa che sa far bene visto il lavoro che fa...".

  1. Primo piano
  2. Popolari