Lunedì, 24 Giugno 2019

VOGHERA - «DA 30 ANNI AIUTIAMO GIOVANI MADRI E FAMIGLIE IN CRISI»

Da 30 anni portano aiuto a giovani madri in difficoltà, favorendole emotivamente ed economicamente, sostenendole in un percorso difficile con l’obiettivo di scongiurare il ricorso all’aborto. Era il 2 febbraio del 1989 quando è nato il C.A.V., il “Centro di Accoglienza alla Vita” vogherese, ispirato da un’idea di una ostetrica in pensione, Giuliana Armella, che desiderava poter aiutare il prossimo in modo ancora più concreto. All’epoca la prima sede era sita al 263 di via Emilia, presso la parrocchia S. Pietro dei Don Orione. Oggi dimora in via Mentana 43, dove ad ospitare l’associazione sono i padri Barnabiti. Tra volontarie e volontari iscritti i membri attivi del Cav sono 41 e nei 30 anni appena trascorsi sono riusciti a prendersi cura e ad aiutare oltre mille famiglie in difficoltà economiche. Il socio-presidente è Luigi Ermano.

Presidente, è piuttosto chiara la forte appartenenza Cattolica della vostra associazione…

«Certamente.  Ci ispiriamo ai valori umani a difesa della vita, salvaguardati dalla Tradizione e dal Magistero della Chiesa Cattolica. A livello statutario Il nostro obiettivo è la riaffermazione nella società civile, nelle istituzioni, nella legislazione, del diritto e dovere del cittadino di sostenere e difendere la vita fin dal suo concepimento in tutte le sue esigenze e in tutto l’arco del suo sviluppo. Allo stesso modo l’organizzazione e il sostegno delle iniziative idonee a far si che la paternità e la maternità siano atti responsabili nel rispetto per la vita».

A chi vi rivolgete?

«Alla donna che si trova di fronte ad una maternità difficile per realizzare un’accoglienza generosa della nuova vita, ma anche al bambino bisognoso di accoglienza. Alla coppia in vista di una procreazione responsabile e più in generale a tutti coloro che si trovano soli ad affrontare situazioni di difficoltà e di emarginazione».

Che tipo di assistenza fornite?

«Assicuriamo gratuitamente sulla base di un rapporto di ascolto e di dialogo personale, tipi di intervento quali: promozione di corsi, incontri ed ogni altro tipo di iniziativa educativa per favorire la crescita di una cultura ed una pratica di accoglienza e solidarietà. Tali iniziative potranno essere proposte sia all’interno delle strutture del Centro di Accoglienza alla Vita Vogherese sia all’esterno di esse, anche in collaborazione con altri Enti ed Associazioni esistenti. Un aiuto ai genitori a ricercare e possibilmente rimuovere la non accettazione del figlio».

A livello economico che tipo di supporto date?

«In questi 30 anni con l’ operosità di ben 72 volontari che si sono avvicendati, abbiamo distribuito gratuitamente alle mamme in difficoltà : latte medicato per lattanti, omogeneizzati, biscotti, pastine, pannolini, accessori per neonati e riciclato moltissimi capi di vestiario per l’ infanzia oltre ad una straordinaria disponibilità all’ ascolto».

Come riuscite a finanziarvi?

«Contiamo principalmente su molti sostenitori generosi, i contributi 8 x mille concessi dal Vescovo di Tortona e la collaborazione con la Caritas locale».

Com’è la situazione attuale a Voghera?

«Nel 2018 abbiamo sostenuto ben 106 nuclei familiari in difficoltà. In particolare, per loro,   abbiamo raccolto e acquistato e poi distribuito aiuti concreti per un valore economico importante, del quale hanno beneficiato complessivamente ben 125 bambini. Inoltre abbiamo distribuito generi di prima necessità e spese per utenze familiari straordinarie da noi precedentemente acquistati  con le offerte ricevute per un valore complessivo di 15.500 euro. Alla fine di gennaio sono già 60 nuclei familiari in difficoltà che stiamo aiutando».

Come venite a conoscenza dei casi di cui poi vi occupate?

«Alcuni si rivolgono a noi, altre volte ci vengono segnalati in particolare dagli operatori Caritas di Voghera e dai servizi sociali. Abbiamo stipulato anche una convenzione con l’ Ospedale Civile di Voghera che ci consente di colloquiare con le donne in gravidanza che si trovano in condizioni economiche disagiate e per sostenerle cristianamente dinanzi ad una eventuale gravidanza indesiderata».

Dove è possibile trovarvi?

«Oltre che alla sede di via Mentana siamo presenti nei pressi del reparto di ginecologia il lunedì mattina dalle ore 10 alle 12 per colloqui dove possiamo offrire  aiuto ed una testimonianza importante. Abbiamo anche un sito internet, www.cav-voghera.it, dove è possibile contattarci».

 di Christian Draghi

Il-periodico-FASTCON Verde-Ferrari_mezza-01-copy-copia
  1. Primo piano
  2. Popolari