Martedì, 21 Novembre 2017

ACCUSE DI MOLESTIE A TRUMP..... SONO STATE PRESENTATE DALL’AVVOCATO DELLA CLINTON

 “Nello Studio Ovale abbiamo uno che ammette di essere un assalitore sessuale”. Queste parole – che suonano tragicamente comiche, dato il passato di Bill – sono state pronunciate Hillary Clinton. L’assalitore sessuale, invece, sarebbe Donald Trump, che ora, messo momentaneamente da parte il Russiagate, si troverebbe davanti a un ben più complesso Sexgate, almeno sulla carta.

Il presidente americano, infatti, è stato citato in giudizio da Summer Zervos, un’ex concorrente del reality show “Apprentice”, diretto proprio dal tycoon. Secondo quanto fanno sapere i media americani, sarebbero una decina le donne che hanno denunciato abusi dal capo della Casa Bianca.  La richiesta è stata presentata nel marzo 2017, ma è giunta all’attenzione della corte solo lo scorso mese e, sui media, è esplosa solamente in questi giorni, proprio in concomitanza con il caso di Harvey Weinstein che ha imbarazzato non poco il partito democratico.

Le denunce contro Trump, compresa quella della Zervos, sono state presentate dall’avvocato Gloria Allred, che da anni si occupa di diritti civili, con una particolare attenzione alla violenza sulle donne.

Un tema molto caro alla Allred, dato che lei stessa è stata vittima di una violenza sessuale nel1966 mentre si trovava ad Acapulco.

Gloria, in più di un’occasione, ha sfidato celebrità del calibro di Arnold Schwarzenegger e Sacha Baron Cohen. Ma non solo: durante la campagna elettorale si è subito schierata al fianco della candidata democratica Hillary Clinton, parlando anche alla convention democratica di Filadelfia per sostenerla. Ma non solo. Nel vivo della campagna elettorale, la Allred si è detta disposta ad offrire un aiuto legale alle donne che volevano accusare Trump per molestie. Proprio per questo motivo, i difensori di Trump hanno affermato che l’accusa della Zervos è “politicamente motivata”, che la causa da lei intentata “non ha alcun merito legale” e che, quindi, dovrebbe chiudersi rapidamente.

Certo, in passato Trump ha usato parole volgari nei confronti delle donne, come testimonia un audio del 2005 in cui l’attuale inquilino della Casa Bianca, non sapendo di essere registrato, diceva al conduttore di una trasmissione tv: “Quando sei una star, le donne te lo lasciano fare. Puoi fare ogni cosa. Afferrale nelle parti intime, ovunque”. Ma il fatto che dietro a queste accuse ci sia un avvocato che ha fatto di tutto per eliminare politicamente il tycoon dimostra come la partita sia più grande. E riguarda il futuro della Casa Bianca.

giift

  1. Primo piano
  2. Popolari