Martedì, 21 Novembre 2017
Lavoro

Lavoro (93)

È cominciata l’era digitale. Evoluzione tecnologica nei diversi campi dello sciibile, dalla scienza, alla medicina, ma anche in agricoltura e nell’industria. Era digitale significa però anche nuove competenze nel mondo del lavoro, che si adatterà naturalmente all’evoluzione tecnologica. Ecco dunque che le competenze che oggi appaiono sufficienti per trovare un’occupazione, domani non serviranno più, anzi potrebbero diventare del tutto inutili. É da leggere in quest’ottica lo studio pubblicato dal “The Brookings Institution”, organizzazione nonprofit con sede a Washington. La ricerca s’intitola “Digitalization and the American workforce” ed è stata redatta dagli studiosi Mark Muro, Sifan Liu, Jacob Whiton e Siddharth…
Potrebbe arrivare dalla Germania l’ultima bastonata contro le classi lavoratrici. Mentre la Cancelliera Angela Merkel sta impostando con diverse difficoltà la cosiddetta coalizione Jamaica, ecco che uno dei primi atti governativi di questa grande “intesa” potrebbe essere proprio l’abolizione delle 8 ore lavorative. Un Consiglio di esperti vuole abolire le 8 ore di lavoro La proposta è arrivata dal German Council of Economic Experts. Si tratta di un “corpo accademico che suggerisce la politica tedesca in materia di economia politica”, così recita il sito ufficiale di questa particolare organizzazione. In Germania sono conosciuti come i “cinque saggi” dell’economia e ogni…
Negli esiti riferiti ai contenziosi fiscali registrati in tutte le Commissioni tributarie provinciali del paese, nel 45% dei casi definiti nel 2016 ha avuto ragione il fisco, nel 31,5% invece, ha vinto il contribuente. L'11,8% si è risolto con un giudizio intermedio, l'1% con un condono e il 10,7% con un condono o con altri esiti. Lo scarto aumenta quando il risultato è riferito al valore economico del giudizio: sempre nel 2016, gli importi delle sentenze a favore del fisco sono stati pari al 48,1%, mentre la percentuale di vittoria ad appannaggio del contribuente si è fermata al 23,4%. Anche…
Incontro e proposte tra governo e sindacati a Palazzo Chigi per trovare un accordo sull’adeguamento dell’età pensionabile alle aspettative di vita. APE SOCIALE - Il Governo avrebbe proposto ai sindacati l'istituzione, attraverso una norma, di un fondo con potenziali risparmi di spesa per consentire la proroga e la messa in regime dell'Ape sociale, al termine del periodo di sperimentazione. 67 ANNI - L'esecutivo avrebbe poi deciso di arricchire il pacchetto di provvedimenti proposto la settimana scorsa con altre misure di un certo peso e, in particolare, l'estensione dell'esenzione per le 15 categorie - escluse dall'innalzamento dell'età pensionabile a 67 anni,…
Giovani sempre più a rischio esclusione sociale. E' la fotografia poco rassicurante del rapporto Caritas 2017 sulla povertà giovanile presentato oggi a Roma da mons. Nunzio Galantino, segretario generale della Cei e da don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana. "Il futuro di molti giovani in Italia non è serenamente proiettato verso l’avvenire", sottolinea il rapporto dal titolo significativo 'Futuro anteriore'. Nel dettaglio, nella fascia di età 18-34 anni è povero 1 su 10 e il rischio povertà ed esclusione sociale tocca il 37% dei giovani italiani. Complessivamente, in dieci anni la situazione è andata peggiorando visto che il numero…
Pagare lo stipendio solo attraverso gli istituti bancari o gli uffici postali. La proposta di legge, approvata questa mattina alla Camera (ora deve passare all'esame dell'altro ramo del Parlamento), ha come prima firmataria Titti Di Salvo, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera. Il disegno di legge per una busta paga tracciabile esiste già da tempo. "I datori di lavoro o committenti corrispondono la retribuzione ai lavoratori, nonché ogni anticipo di essa, attraverso un istituto bancario o un ufficio postale con uno dei seguenti mezzi: a) accredito diretto sul conto corrente del lavoratore; b) pagamento in contanti presso lo sportello bancario…
giift

  1. Primo piano
  2. Popolari