Martedì, 26 Maggio 2020

OLTREPÒ PAVESE - MORNICO LOSANA – ORTAGGI E VERDURA E EMERGENZA CORONAVIRUS “ABBIAMO RISCOPERTO IN QUESTO PERIODO COSA VOGLIA DIRE AVERE UN PICCOLO PRODUTTORE SOTTO CASA”

Anche Cesare Malerba, di Mornico Losana, ha fra le sue coltivazioni quella dello zafferano. Ma non solo: patata rossa, viola, pepe di Sichuan, timo, santoreggia, salvia, issopo, maggiorana, rosmarino, fave, ortaggi, cavolfiore violetto, cavolo rosso. Piccole produzioni che potrebbero essere la classica ciliegina sulla torta del nostro territorio, e che troveranno la loro maturazione nei prossimi mesi. Che tuttavia sono oggetto di forti dubbi circa il ritorno alla normalità.

Cesare, come sta andando il lavoro in campagna?

«La campagna non si ferma: rispettando le regole e le imposizioni noi andiamo avanti. Il ciclo agricolo deve proseguire. Ma i mercati sono bloccati, e le aziende piccole come la mia, che usufruiscono di questi canali, come anche di sagre e fiere, sono penalizzati. Mi è venuto a mancare forse l’indotto principale, avendo un prodotto anche particolare, di nicchia. I miei prodotti sono pronti per lo più in tarda primavera, in autunno, ma per me questo era il periodo in cui mi concentravo di più sulle vendite nei mercati. Per esempio, la fiera di Borgonovo a Pasqua, che è saltata, per me era una grande vetrina. Però diciamo che la mia stagionalità di produzione, i miei raccolti non sono caduti in concomitanza alla chiusura. Chi ha serre e produce tutto l’anno ora è molto più in difficoltà. Il mio punto vendita comunque resta aperto, ma mi sono dirottato su consegna a domicilio e vendita online.»

Può essere il futuro da intraprendere anche a emergenza conclusa?

«La mia idea è che la rinascita avverrà da noi piccoli produttori direttamente, non tramite il commercio su internet. Va bene, molti si sono rivolti all’online e alla consegna a domicilio. Ma forse abbiamo riscoperto in questo periodo cosa voglia dire avere un piccolo produttore sotto casa. Quindi, secondo me, finito questo momento contingente si tornerà ad apprezzare quello che ha la frutta fresca, che la coltiva direttamente, che ti porta a casa il chilo di mele, l’insalata, gli asparagi.»

Di Pier Luigi Feltri

 

  1. Primo piano
  2. Popolari