Venerdì, 24 Maggio 2019

OLTREPÒ PAVESE - TERRE D’OLTREPÒ COMMENTA POSITIVAMENTE L’ACCORDO SUL MONDO DEL VINO : “SOLO UNITI SI PUÒ USCIRE DALLA DIFFICILE SITUAZIONE”

Andrea Giorgi, presidente di Terre d’Oltrepò s.c.a.p.a. nata  il 1 luglio 2008 a seguito dell’Atto di fusione tra la Cantina Sociale Intercomunale di Broni  e la Cantina di Casteggio,  fusione ha originato la più importante realtà vitivinicola di tutto l’Oltrepò Pavese, attraverso un comunicato stampa commenta positivamente l'accordo raggiunto tra il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ed il Distretto del Vino di Qualità. Ecco il comunicato stampa emesso da Terre d'Oltrepò .  "Commenti positivi dal presidente Andrea Giorgi di Terre d’Oltrepò sull’accordo siglato tra il Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese ed il Distretto del Vino di Qualità. Una svolta epocale per il territorio oltrepadano e per tutta la filiera del mondo vitivinicolo. “Terre d’Oltrepo è fiduciosa di questo passo in avanti – spiega Giorgi - . Ci siamo impegnati in questo risultato confidando nel fatto che solo uniti si può uscire dalla difficile situazione del nostro territorio”. L’attenzione del presidente ricade poi sulla centralità dell’unione tra le varie forze in campo. “Condivido il fatto – spiega Andrea Giorgi – che sono diversi interessi e diverse aziende, ma il futuro del nostro territorio si puo’ costruire solo insieme, solo cercando di comprendere le diverse esigenze e collaborando pazientemente per una viticoltura soddisfacente sopratutto per i viticoltori”. Un messaggio chiaro che evidenzia quanto sia importante la coesione di un intero territorio per superare i temi negativi che hanno contraddistinto l’Oltrepò Pavese. L’obiettivo è quello di aiutare un territorio sempre più svalutato, con tutti i problemi del caso: spopolamento, perdita di valore dei terreni e delle aziende stesse. Il presidente Giorgi commenta positivamente anche il percorso che ha portato a questo risultato. “In questi mesi – spiega - ci siamo impegnati nel Consorzio per buttarci alle spalle il passato. Compiuta l’unione del territorio è necessario dare un taglio netto con il passato per poter iniziare a ricostruire il futuro fatto di territorio, di qualità e remunerazione. Questo accordo è solo il primo passo di un cammino che deve procedere inesorabile”.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il-periodico-FASTCON Verde-Ferrari_mezza-01-copy-copia
  1. Primo piano
  2. Popolari