Giovedì, 14 Novembre 2019

OLTREPÒ PAVESE - RISCALDAMENTO , BANDI E FILIERA FORESTALE IN OLTREPÒ

Legambiente Voghera-Oltrepò, attraverso un comunicato informa : "Utilizzare le biomasse (legna, pellet o cippato) per riscaldare edifici di pubblica utilità oppure le case e produrre acqua calda sanitaria permette di evitare il consumo di idrocarburi. Le caldaie, le termostufe e i termocamini di ultima generazione, oltre ad essere molto efficienti, emettono in atmosfera meno inquinanti rispetto alle vecchie stufe . Se poi pensiamo al nostro territorio questo significa attivare l’importante filiera forestale . Uno sfruttamento sostenibile di questa risorsa permette una manutenzione adeguata della superficie boscata ed una prevenzione del dissesto idrogeologico , soprattutto se si interviene sulle briglie laterali dei torrenti , abbandonate a se stesse da anni Abbiamo guardato con interesse pertanto ai bandi del GAL . L’asse portante è costituito dagli interventi di attivazione della filiera forestale ed a questo si unisce la sostituzione di caldaie obsolete . Un circolo virtuoso più che benvenuto Peccato che alcune amministrazioni ci stiano segnalando come la sostituzione di tali caldaie non guarda al territorio , ma favorisce l’alimentazione a metano , ritenuta – peraltro erroneamente – più vantaggiosa economicamente , viste le tariffe incentivate per edifici ed attività di pubblica utilità Chiediamo pertanto chiarezza su questo punto . Incentivare fonti rinnovabili presenti sul territorio è fondamentale . Se si devono apportare correttivi all’accesso ai bandi ed ai fondi , riteniamo che gli attori in gioco – Comunità Montana , Fondo Sviluppo Oltrepò , GAL – debbano intervenire adeguatamente e subito Viceversa continueremo a sentire parlare dell’Oltrepò come una terra di grandi potenzialità ma di poca concretezza per il presente ed il futuro e per l’ennesima volta i fondi stanziati non saranno usati "

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

  1. Primo piano
  2. Popolari