Lunedì, 09 Dicembre 2019

OLTREPÒ PAVESE - «ABBIAMO CREATO PERCORSI LUNGO LA VALLE STAFFORA, LUNGO LA RISERVA DEL MONTE ALPE E LA VIA DEL SALE»

Era il 2014 quando iniziai a proporre a hotel e agriturismo sparsi per l’Oltrepò le prime biciclette a pedalata assistita. Per un paio d’anni, nonostante il mio fisico non esattamente da ciclista, ho girato il territorio in lungo e in largo, a dimostrazione di quanto fosse facile e divertente questo modo di andare in bicicletta. All’inizio i duri e puri della mountain bike mi prendevano in giro e dicevano che mai avrebbe avuto senso, poi durante un giro sugli sterrati delle nostre colline, che tanti anni fa percorrevo con una Mazzilli 125, l’incontro con Massimiliano Nobile, Guida MTB. Due chiacchiere e il professionista che è in lui ha subito capito che presto la pedalata assistita avrebbe generato una vera rivoluzione nel suo mondo. Da lì è partita una stretta collaborazione, fino alla creazione del Romagnese Bike&Trail Park. Oggi Massimiliano è la guida più richiesta dagli amanti di questo sport e pure lui si muove con una e-Bike.

Massimiliano, cosa rappresenta l’avvento delle e-Bike nel vostro sport?

«L’e-bike o mountain bike a pedalata assistita, per come la vedo io, è riuscita ad “espandere” (nel vero senso della parola!) gli orizzonti di molte persone. Di quelli, che per vari motivi, non praticavano questo splendido sport, e utilizzavano la bicicletta solo per brevi spostamenti. L’e-bike riesce ad accompagnarti su percorsi, che fino ad ora ritenevi troppo difficili o irraggiungibili. Riduce la fatica e aumenta il divertimento. Insomma, l’e-bike è una vera bici ecologica, silenziosa, rilassante e divertente e rappresenta una nuova possibilità di sviluppo territoriale. Soprattutto in un territorio come il nostro, che non ha niente da invidiare ad altri siti, ma ha solo bisogno di essere conosciuto. E quale modo migliore?».

Da qualche tempo collabora anche con il Pian del Poggio Bike Park. Quale progetto sta seguendo?

«Sì da circa un anno è nata la collaborazione con il Bike Park di Pian del Poggio. Nato tutto davanti ad una birra (o forse due!). La passione era la cosa che più si leggeva nelle nostre parole, per cui era inevitabile collaborare. L’idea era di proporre escursioni accompagnate sul territorio con possibilità di noleggio e-bike. Avere una rete di tracciati che consentisse di provare l’e-bike dall’Oltrepò fino agli Appennini. Con partenze da Varzi (dove abbiamo la sede) abbiamo così creato una serie di percorsi lungo tutto il versante della Valle Staffora, lungo la Riserva del Monte Alpe e la Via del Sale. Nasce così l’E-Touring Project che dà la possibilità, tutti i fine settimana, di organizzare tour in e-bike, accompagnati in sicurezza, e a fine giro di degustare alcuni dei prodotti tipici della zona».

Mi da qualche numero? Quanti sono gli appassionati che accompagna e quanti, secondo lei, quelli che complessivamente pedalano sui sentieri dell’Oltrepò ogni anno?

«Gli appassionati stanno aumentando sempre di più. è sempre più facile trovare “nuovi” mtbiker sui percorsi in Oltrepò. Anche grazie all’e-bike. Anche grazie al progetto E-Touring! Abbiamo infatti avuto un ottimo riscontro in questo primo anno. Quasi inaspettato. L’interesse è stato veramente tanto, sia dalle famiglie che dai puri appassionati di bicicletta. Abbiamo ricevuto feedback molto positivi sul lavoro fatto e ne siamo felici. Vede anche i contatti che registriamo ogni giorno sui nostri siti web, dove è possibile anche scaricare le tracce di alcuni dei nostri percorsi. Ma è solo l’inizio! La collaborazione con il Bike Park di Pian del Poggio ha già prodotto interessanti iniziative per la stagione 2019, che presto verranno comunicate. L’Oltrepò ha bisogno anche di queste nuove iniziative. Un’#oltrepochefunziona!».

So che il mountain biker ama fermarsi quando incontra trattorie e punti dove degustare le specialità locali. Me lo conferma?

«Assolutamente! è parte integrante anche della nostra proposta. Siamo un territorio ricco di storia, di grandi vini e di eccellenti prodotti gastronomici. Abbiamo dei meravigliosi agriturismi, osterie e trattorie storiche, dove è possibile assaggiare eccellenti piatti. Cosa c’è di meglio che fare un bel tour in mountain bike, e sapere che a fine giro si può degustare un buon bicchiere di vino e un ottimo salame? Per questo #amoilmioterritorio!».

Dove può trovarla un appassionato?

«Sul sito www.bikeoltrepo.it – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.».

Ma la passione sportiva legata alla natura non si ferma alla mountain bike. Tanti di voi avranno visto volare sopra le colline oltrepadane grandi “aquiloni” che, nel silenzio più totale, disegnano percorsi su strade immaginarie disegnate dal vento e dalle correnti termiche. Un gruppo di appassionati, associati nel club Le Poiane d’Oltrepò, da 14 anni organizzano voli, corsi e discovery partendo da Cà del Monte, Borgo Priolo, Montalto e dal Lesima. Chiedo a Lucia Tuoto, responsabile comunicazione del club, di raccontarci di più.

«Il parapendio è uno sport che è molto più simile ad uno “stile di vita” che ad un’attività sportiva comunemente riconosciuta come tale. Grazie alle nostre “ali” possiamo volare sulle meravigliose colline dell’Oltrepò, un territorio polivalente, non solo per il vino, ma anche per il parapendio. Qui abbiamo colline dolci per poter frequentare la scuola ed imparare in totale sicurezza, come ad esempio dal Belvedere di Montalto Pavese e pendii che consentono voli alti panoramici, come il sito di volo di Ca’ del Monte a Cecima e il Monte Lesima, dove nelle giornate limpide si ha una visibilità a 360° su Appennini, Pianura Padana e sul Mar Ligure, sì, avete letto bene, si vede anche il mare! La nostra è una grande “famiglia”, condividiamo la passione per il volo, per la natura, per le cose belle e semplici che rendono la vita piena e speciale, e quando non si può volare perchè Eolo non ce lo permette… bè, un bicchiere di bonarda ed una fetta di pane e salame non ce lo toglie nessuno!».

Un importante evento che organizzate  è il “Festival del Volo - Dove la Terra tocca il Cielo”, che nella passata edizione ha richiamato migliaia di visitatori

«Anche quest’anno ripeteremo l’esperienza a Cà del Monte ed è un modo per diffondere l’entusiasmo e la passione che ci anima anche a chi non è ancora pilota. Lo scorso anno ha registrato più di mille visitatori provenienti da tutto il nord Italia. Un evento che vede collaborare le due scuole di volo presenti sul Territorio, il Comune e la Pro Loco di Cecima, gli agricoltori locali e diverse associazioni e scuole che operano sul nostro territorio, tra cui; Oltrepò Trail Accademy, l’Osservatorio astronomico di Ca’ del Monte, le Terme di Rivanazzano, Decathlon Voghera... Vi aspettiamo per vivere con noi la magia della mongolfiera, dei falconieri, l’elicottero, l’aliante! Grandi e piccini, grazie ad un laboratorio didattico sul volo, avranno la possibilità di imparare le tecniche e la storia del volo e divertirsi senza svuotare le tasche, perchè abbiamo pensato anche a questo; il Club offre ai bambini fino agli 8 anni di età la salita in mongolfiera gratuitamente, mentre per i più grandi è possibile fare un volo in parapendio con l’istruttore ad un costo agevolato solo per la giornata di domenica; vogliamo permettere a più persone possibili di provare l’emozione, che noi conosciamo bene, di staccare i piedi da terra per la prima volta!».

Quanti e chi sono i suoi compagni di volo?

«Il Club Le poiane d’Oltrepò conta, ad oggi, 80 soci e l’età varia dai 18 ai 75 anni. Tra noi vi sono operatori di qualsiasi tipologia di professione, quindi posso davvero affermare che il volo è per tutti, o meglio, per tutti coloro che vogliono mettersi in gioco e vedere il mondo da una prospettiva privilegiata, nel totale silenzio e relax a contatto con la natura».

Qualche numero...

«Difficile definire un numero, ma oltre ai piloti iscritti vi sono le famiglie e gli amici che si uniscono a noi, e capita spesso che altri Club vengano a trovarci sui nostri decolli conoscendo per la prima volta l’Oltrepò. La reazione è sempre la stessa “wow, non pensavo fosse così bello l’Oltrepò”! I voli discovery partono da Cà del Monte (Cecima), Monte Lesima, Borgo Priolo, Montalto Pavese. Mentre il costo dell’attrezzatura parte dai 2.000,00 € in su (chiaramente dipende dal tipo di attrezzatura)».

Una domanda che rivolgo a tutti gli imprenditori che si dedicano allo sviluppo di attività legate al turismo: quanto avete investito in questi anni?

«Tempo tanto, tantissimo. Denaro... riceviamo solo donazioni spontanee».

Quanti sono stati i finanziamenti pubblici?

«Nessuno, non abbiamo mai fatto richiesta».

Dove si possono trovare altre informazioni?

«Sul nostro sito o sulla nostra pagina facebook».

Ecco, ancora una volta, un #oltrepochefunziona.

di Gianni Maccagni

  1. Primo piano
  2. Popolari