Domenica, 22 Aprile 2018

VOGHERA: GIUSEPPINA BECCARI DAL 1984 “SI PRENDE CURA” DELL’ A112 DEL GENERALE DALLA CHIESA.

L’Autobianchi A112 su cui vennero uccisi il generale Carlo Alberto dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro, si trova nella stanza centrale del museo Beccari di Voghera, per farla entrare hanno dovuto abbattere mezzo muro, poi ricostruito per evitare che a qualcuno venisse in mente di rubarla. Si trova a Voghera dal 1984, esattamente così come era il 3 settembre del 1982 dopo che un commando mafioso la crivellò di colpi. A  prendersene cura dal quel dì è Giuseppina Beccari, vedova di Giuseppe, che nel 1971 fondò l’esposizione. Giuseppe Beccari volle creare a Voghera un museo militare ed  iniziò con pochi cimeli della seconda guerra mondiale allargando di anno in anno la collezione, fino a che, a metà anni settanta gli fu assegnata l’ex caserma di cavalleria di via Gramsci. La A112 è certamente il pezzo di punta dell’esposizione che vanta però altri pezzi, quali la Beretta 34 calibro 9 matricola 778133 con la quale fu giustiziato Benito Mussolini. Purtroppo l’arma non è esposta, ma si trova nascosta in una località segreta in quanto  il museo non può permettersi un sistema d’allarme. La A112 si trova a Voghera per il legame della famiglia Setti Carraro con la città, la moglie del generale Dalla Chiesa, Emanuela come la madre Maria Antonietta, (capogruppo delle crocerossine che durante la Seconda guerra mondiale salvò la vita a padre Molteni, figura carismatica in città) era una crocerossina e frequentava la sezione locale della Cri

agierre-marzo buscone-intera-GENNAIO-2018-(2) consorzio2.JPG INTERA-IMM-OLTREPO-MARZO RC-garden_intera-copia RALLY4 quarto-serteca consorzio-1-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari