Domenica, 16 Dicembre 2018

STRADELLA - «LA QUALITÀ VIAGGIA IN RETE, IL FUTURO DEL COMMERCIO È L’ONLINE»

Tra le tante botteghe storiche che animano il centro di Stradella, Manuela Fiore, ha voluto proporre il concetto di e-commerce abbinato a prodotti di alta qualità e rigorosamente locali. Nasce così “Organica”.

Organica è il nome del negozio situato nel centro di Stradella, ma anche il nome del sito internet attraverso il quale è possibile effettuare ordinazioni online. Come funziona quest’ultimo aspetto che è poi la vostra principale attività?

«Sì, l’attività principale è online, con la possibilità di ordinare anche tramite mail o telefono. I nostri clienti ricevono a casa ogni settimana una scatola - un box - di frutta e verdura biologica prodotta da aziende agricole locali a cui possono aggiungere prodotti come pasta, uova, formaggi, confetture... Tutto prodotto da piccole aziende della zona. Il nostro obiettivo è quello di portare a casa una spesa il più completa possibile per la famiglia privilegiando la qualità delle materie prime e la ricerca di prodotti d’eccellenza delle nostre zone d’origine laddove è possibile farlo».

Consegnate solo nel territorio di Stradella?  

«Consegniamo in tutta la provincia e Pavia città dal lunedì al sabato. Il negozio fa da base per la raccolta e lo smistamento dei prodotti da consegnare e offre la possibilità, a chi desidera ancora fare spesa personalmente, di venire ad acquistare i nostri prodotti nel punto vendita».

Da dove è partita l’idea di creare un’attività così innovativa?

«Alla base sta un principio che sovverte i canoni classici della spesa, vale a dire: sono le aziende agricole a proporre ciò che producono e non i clienti a scegliere liberamente, questo inverte totalmente la dinamica di domanda e offerta a cui siamo abituati ma è l’unico iter che permette di accedere a un cibo buono, sano, raccolto al momento giusto e con i giusti tempi. Proprio per questo motivo seguiamo pedissequamente la stagionalità dei prodotti con un’offerta che può apparire limitata agli occhi di un consumatore poco consapevole. L’altro principio alla base è la tracciabilità dei prodotti: per tutto ciò che consegniamo è indicata l’azienda agricola produttrice e la filiera di produzione. Inoltre crediamo che lo sviluppo del settore agricolo, a cui tanti giovani si stanno avvicinando, come mezzo per creare lavoro e sviluppare l’economia locale vada assolutamente sostenuto. In questo modo possiamo aiutare a crescere il tessuto economico e imprenditoriale di un territorio come il nostro».

All’interno del suo negozio si possono trovare solo prodotti locali o anche  altri tipi di alimentari?

«Gli unici prodotti non locali sono quelli appartenenti alla dieta macrobiotica, che nasce in Giappone  ma oggi molto diffusa anche in Occidente e molto richiesta dalla mia clientela. Per il resto, dove non abbiamo la possibilità di avere un prodotto locale, privilegiamo in senso assoluto le eccellenze italiane. Tutti i ragionamenti che stanno dietro all’inserimento di una nuova referenza all’interno del nostro paniere partono sempre dalla qualità e tracciabilità dei prodotti».

Il cliente che decide di acquistare on line cosa deve fare, quali sono i passaggi?

«Tramite il sito si può acquistare il “box” contenente i prodotti: ci sono diverse possibilità di contenuto e dimensione, dopodichè si riceve una mail di conferma e insieme concordiamo giorno e orario di consegna e la modalità di pagamento. Diamo la possibilità di abbonarsi al servizio oppure fare la spesa solo quando si desidera. Molti clienti invece sono usi ordinare tramite WhatsUp o telefonando quindi offriamo con grande piacere anche queste possibilità».

Attività virtuale e attività reale. Quali sono le differenze maggiori?

«Il negozio è nato più come magazzino per la logistica ma vista la buona risposta della clientela per ora permette ancora di fare la spesa dei nostri prodotti dal martedì al sabato. Nel punto vendita organizziamo anche incontri con i produttori, piccole conferenze e serate su vari argomenti, dall’agricoltura all’alimentazione. L’obiettivo di Organica, da qui a 3 anni, è quello di diventare un’attività gestita quasi unicamente tramite piattaforma online».

Quali sono i prodotti preferiti dalla sua clientela?

«La mia clientela ama i sapori genuini, dalle conserve ai succhi di frutta ai legumi, ma in assoluto la frutta e la verdura:  una volta che la provano non la lasciano più! Spero che ai nostri clienti passi in modo chiaro l’attenzione che profondo nella scelta dei prodotti che poi loro trovano a tavola e la grande ricerca che sta alle spalle della nostra offerta. Solo per frutta e verdura, per garantire freschezza e stagionalità, ci rivolgiamo a più di 6 diverse aziende agricole».

Quali sono le aziende locali con le quali lavora?

«Le aziende sono tutte a dimensione famigliare, tutte gestite da giovani, che praticano agricoltura biologica, biodinamica o lotta integrata. Abbiamo anche piccole  attività che praticano agricoltura naturale o permacultura non certificate biologico. Lo stesso discorso vale per la frutta e la verdura. L’unico punto comune è la qualità della materia prima».

Che caratteristiche devono avere le aziende agricole per essere offerte nel suo negozio?

«Noi abbiamo con le aziende agricole un rapporto diretto, amiamo visitare le aziende periodicamente per conoscere le modalità di lavoro e  le fasi della produzione.

Devono essere piccole aziende a gestione famigliare, praticare un’agricoltura rispettosa della salute e dell’ambiente. Facciamo del rapporto personale e dello scambio di idee una parte integrante della partnership lavorativa».

Un’attività così nuova a cui sicuramente la popolazione di un piccolo paese non era abituata, sarà stata una novità per tutti: come ha risposto la popolazione stradellina?

«Hanno risposto benissimo, ma io non ho mai avuto dubbi in merito! Nel settore alimentare in tanti auspicano a un ritorno ai tempi passati, beh noi siamo i primi a sostenere il ritorno al cibo vero e genuino ma guardando avanti! In tutti i settori ci vuole progresso per rispondere alle esigenze della vita quotidiana delle persone che non è più quella di 50 anni fa: dobbiamo guardare avanti puntando ad un futuro sostenibile. Come dicevo prima dobbiamo ritornare padroni delle nostre decisioni, soprattutto da un punto di vista alimentare. La proposta della GDO non segue nessuna regola qualitativa o di stagionalità, hanno raggiunto lo scopo di dis-educare le persone. Il nostro obiettivo è contrario, vogliamo portare conoscenza e informazioni affinché ognuno possa scegliere in maniera oggettiva».

Le “botteghe” sono senza dubbio una risorsa importante per Stradella, cene sono diverse e molte delle quali storiche. Non crede che il servizio che lei propone stia sovrastando la possibilità di servire in maniera “reale” il cliente in un negozio portando alla scomparsa delle botteghe?

«Non penso sia una start up a poter mettere in difficoltà attività con una storicità di 30/40 anni. Tuttavia aziende più grandi e importanti di me insegnano che oggi le tre caratteristiche più importanti di un’attività sono: qualità dell’offerta, rapporto prezzo-prodotti e non in ultima il servizio. Ho scelto di offrire ai miei clienti la comodità di poter fare la spesa seduti a casa. Con la velocità con cui evolve il settore tecnologico la possibilità di acquistare online e la consegna a domicilio sono caratteristiche fondamentali. Inoltre per creare nuove imprese che sostengano l’agricoltura sostenibile e lo sviluppo locale, creando nuovi posti di lavoro dobbiamo essere innovativi e guardare avanti».

Ci sono novità in arrivo nel suo negozio?

«Le idee di Organica stanno per prendere anche nuove strade. Tra pochissimo, con l’inizio della primavera, inizieremo a consegnare su prenotazione delle ottime insalate di stagione e degli estratti per una pausa pranzo veloce, buona e salutare. Servizio pensato per tutti coloro che in settimana pranzano fuori casa, inizialmente sarà servito solo il comune di Stradella e limitrofi, poi speriamo di arrivare oltre!». 

di Elisabetta Gallarati

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari