Mercoledì, 21 Febbraio 2018

SANTA MARIA DELLA VERSA - "LA SOSPENSIONE DEL SERVIZIO DI LEVA HA PENALIZZATO LE NOSTRE ASSOCIAZIONI"

Il 1 gennaio 2008 è stata istituita ufficialmente la Sezione Autieri dell'Oltrepò Pavese, inizialmente con sede a Barbianello e dal 2015 con sede a Santa Maria della Versa. Da allora, l'impegno di questi militari e dei soci sul territorio è stato notevole e apprezzato dalla gente. Abbiamo incontrato alcuni soci: parla per loro il consigliere Dante Crosignani che, unitamente agli altri membri della sezione, si sta impegnando tanto per la realizzazione di numerose iniziative e manifestazioni per la comunità di Santa Maria della Versa...e non solo.

Crosignani ci può spiegare chi sono gli Autieri?

"Autieri sono tutti coloro che hanno svolto il servizio militare presso reparti o enti del Corpo Automobilistico – ora Arma dei Trasporti e Materiali dell'Esercito Italiano – caratterizzati dalle mostrine con le fiamme nere in campo azzurro. Gli Autieri in congedo di ogni ordine e grado si riconoscono nell'A.N.A.I. (Associazione Italiana Autieri d'Italia) presenti su tutto il territorio nazionale e, in particolare, nella regione Lombardia. Nella provincia di Pavia siamo presenti noi, come Sezione Oltrepò Pavese con giurisdizione a Pavia e nel pavese, la Sezione di Vigevano e il Gruppo di Mede in Lomellina".

Come mai avete scelto Santa Maria della Versa per la vostra sede?

"In realtà, la nostra prima sede è stata a Barbianello dove, grazie alla collaborazione dell'amministrazione comunale, abbiamo realizzato un Monumento in un'area che è stata dedicata agli Autieri d'Italia. Fortunatamente il numero dei soci continuava a crescere e così è emersa la necessità di trovare una sede più grande... grazie alla sensibilità di Don Bruno Scanarotti (Parroco di Santa Maria della Versa), che ci ha concesso in comodato d'uso la struttura che anticamente era il campo da tennis parrocchiale, abbiamo inaugurato nel settembre 2015 la nostra nuova sede a Santa Maria della Versa. Un doveroso ringraziamento va ai soci, che hanno lavorato duramente per riportare allo splendore un'area ormai degradata, e a tutti quelli che abitualmente si adoperano per la buona riuscita delle intense attività associative".

Come vi trovate in questo paese?

"Ci troviamo molto bene: ci siamo adoperati fin da subito per le necessità della comunità, collaborando con l'amministrazione comunale, con le associazioni locali e con le scuole. Tali collaborazioni, ad esempio, hanno permesso di realizzare lo scorso anno un Raduno Interregionale A.N.AI. e il 1° Raduno Provinciale Assoarma, che ha visto confluire a Santa Maria della Versa più di mille persone! Quest'anno, invece, abbiamo organizzato nel mese di maggio una manifestazione che ha visto – al mattino – la benedizione di un Sacrario dedicato ai Caduti di tutte le guerre nel Cimitero Comunale, e l'inaugurazione – nel pomeriggio – del 'Parco Autieri d'Italia Caduti in guerra e nelle missioni di pace' adiacente alla nostra sede che, grazie al sindaco Maurizio Ordali e dell'amministrazione comunale, abbiamo riqualificato e reso accessibile alla popolazione. Ricordiamo che il Sacrario – fortemente voluto dall'attuale giunta – si sta arricchendo di testimonianze di guerra donate da famiglie e associazioni: rinnoviamo l'appello a contattarci a chiunque fosse interessato a donare materiale!".

Crosignani cosa fanno nello specifico gli Autieri dell'Oltrepò Pavese?

"Facciamo quello che è stabilito dal nostro statuto, ossia organizzare e presenziare a manifestazioni di carattere patriottico e rievocativo nel ricordo dei Caduti in guerra e in pace, ma ci adoperiamo anche per 'soccorrere e salvare i bisognosi', come recita la nostra Preghiera".

Ci può fare qualche esempio di soccorso che avete effettuato?

"Certamente... all'indomani del sisma lombardo-emiliano del 2012, abbiamo costituito un nucleo di supporto logistico alla Colonna Mobile di Protezione Civile A.N.A.I. ed alcuni volontari si sono inseriti nel gruppo A.N.A.I. di Protezione Civile di San Bassano (CR), contribuendo in quell'occasione a raccogliere cibo e materiale per le esigenze dei terremotati ospiti nel campo di San Giacomo delle Segnate (MN) e, successivamente, raccogliendo fondi per la comunità di San Giovanni del Dosso (MN). Altro esempio, nel 2013 con l'alluvione in Sardegna, abbiamo raccolto fondi per gli amici del 'Circolo Sardo Logudoro' di Pavia, aderendo ad un progetto della F.A.S.I. (Federazione Associazioni Sarde in Italia). Recentemente, abbiamo raccolto fondi e materiale per i terremotati di Avendita (PG), dove la Colonna Mobile A.N.A.I. ha allestito un campo adibito a mensa, nel quale alcuni dei nostri soci hanno prestato servizio di volontariato per alcuni mesi. Inoltre, unitamente alla comunità parrocchiale, siamo riusciti ad aiutare una giovane coppia di Seggiole (MC), che ha perso tutto nell'ultimo sisma del centro Italia, per l'acquisto e la posa di un tunnel per deposito foraggi. Come potete vedere, il nostro impegno verso gli altri non ha confini! Ci tengo, inoltre, a far presente il forte legame con le Forze Armate: siamo sovente presenti nelle cerimonie a carattere militare presso le caserme di tutta Italia".   

Con le scuole invece cosa fate?

"In particolare ci appoggiamo ad un bellissimo progetto approvato dal MIUR (Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca) relativamente alla sicurezza stradale, che coinvolge le scuole primarie; oltre a questo, ci sono una miriade di altri progetti legati alla salvaguardia dell'ambiente e alla natura".

Attualmente quanti soci/volontari siete in Oltrepò Pavese?

"Come Sezione Oltrepò siamo circa una settantina...".

Quali sono i progetti per il prossimo anno?

"Innanzitutto ci tengo a ricordare che in occasione delle festività natalizie, siamo stati al 'Mercatino di Natale', di Domenica 3 dicembre presso la Piazza V. Emanuele II a Santa Maria della Versa, con uno stand per promuovere la nostra associazione. In questa occasione abbiamo raccolto eventuali suggerimenti da parte della popolazione e ci piacerebbe reclutare giovani leve!

Per quanto riguarda il prossimo anno, nel mese di maggio vorremmo organizzare presso la nostra sede, in collaborazione con il nucleo A.N.A.I. di Protezione Civile di San Bassano (CR) e con la Protezione Civile di Santa Maria della Versa, un week end dedicato esclusivamente ai bambini e ai ragazzi, per sensibilizzarli sulle regole del 'vivere insieme', sul rispetto del prossimo e della natura, prevedendo diverse attività di educazione civica, che si concluderanno con racconto delle proprie esperienze intorno al fuoco e una notte in tenda tutti insieme".

Nei vostri progetti futuri, c'è il desiderio di reclutare giovani leve. Secondo lei, il servizio di leva dovrebbe tornare obbligatorio? Cosa pensa a riguardo?

"Indubbiamente la sospensione del servizio di leva ha penalizzato pesantemente le nostre associazioni; riteniamo comunque necessario il ripristino di un servizio militare adeguato agli attuali scenari socio politici ed economici per formare generazioni più consapevoli e rispettose del vivere civile".

  1. Primo piano
  2. Popolari