Domenica, 22 Ottobre 2017

ORDINANZA ANTIPROSTITUZIONE DEL SINDACO : RICORSO, NORMA SU 'LUCCIOLE' ILLEGITTIMA

Via al primo ricorso al Tar contro l'ordinanza antiprostituzione del sindaco di Firenze che prevede sanzioni salatissime, fino a tre mesi di arresto, se viene violato il divieto di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Il ricorso contro l'ordinanza è stato presentato da un legale fiorentino, l'avvocato Francesco Bertini. "Non è l'atto di un cliente indispettito", spiega al quotidiano La Nazione che oggi pubblica la notizia del ricorso, facendo capire che si tratta dell'iniziativa di un uomo di legge, che ha titolo per ricorrere al Tar in quanto residente a Firenze contro "un'ordinanza incostituzionale e contraria anche al decreto Minniti al quale dice di ispirarsi". Secondo l'avvocato Bertini, infatti, l'ordinanza del sindaco Dario Nardella violerebbe le leggi dello Stato al quale la Costituzione riserva le questioni di sicurezza e ordine pubblico, determinando a Firenze una situazione diversa da quella del resto del Paese.

giift

  1. Primo piano
  2. Popolari