Giovedì, 22 Febbraio 2018

I BOERI DELLA GABRY - CHEAP BUT CHIC: PIATTI GOLOSI E D'IMMAGINE AL COSTO MASSIMO DI 3EURO! a cura di Gabriella Draghi

Questo mese vi consiglio la ricetta di dolci che possono essere utilizzati anche per fare un gradito omaggio. La spesa è un pochino maggiore di tre euro ma otterrete un vassoio di 18 gustosissimi boeri. Mi sono chiesta quali fossero le origini di questo cioccolatino irresistibile.

La storia dei cioccolatini boeri non è molto chiara. Sembra siano stati inventati durante i primi del Novecento da un pasticcere svizzero, Emil Gerbeaud che da Ginevra si trasferì a Budapest e aprì la sua pasticceria, il Cafè Gerbeaud, tuttora esistente. Emil voleva esportare in Ungheria il raffinato gusto francese e inventò questi cioccolatini che nel resto del mondo sono conosciuti proprio come "Gerbeaud bonbon". Poi, come dall'Ungheria siano diventati una specialità del Nord Italia non è chiaro, né come mai abbiano assunto il nome di boeri... probabilmente perché il colore della carta che li racchiudeva, rosso fuoco, era lo stesso delle casacche dei soldati Boeri sudafricani.

Vi propongo la mia particolare versione che ha incontrato il gusto di tutti i miei amici più esigenti.

I BOERI DELLA GABRY

Ingredienti:

260 g di cioccolato fondente

18 ciliegie sotto spirito denocciolate

50  ml di panna

50 ml di rum bianco

zucchero a velo

Come si preparano:

scoliamo le ciliegie dallo spirito, le denoccioliamo con l'apposito attrezzo e le facciamo asciugare  su di un foglio di carta assorbente.

Sciogliamo 130 g di cioccolato a bagnomaria con la panna. Togliamo il tegame dal fuoco, incorporiamo il rum, mescolando bene e versiamo il composto ottenuto in una ciotola.

Facciamo raffreddare e poi poniamo in frigorifero per 2 ore. Spolverizziamo  il piano di lavoro con lo zucchero a velo e lavoriamo il composto tolto dalla ciotola  formando dei rotoli di 2 centimetri di diametro. Tagliamo a pezzetti lunghi 3 centimetri e farciamo ognuno con una ciliegia, modellando  in modo da dare la forma di boero. Disponiamo i boeri su di un vassoio ricoperto da carta da forno e facciamo raffreddare in congelatore per 2 ore. Sciogliamo ora  il cioccolato rimasto a bagnomaria e, con l’aiuto di una forchettina da dolci, vi  tuffiamo i boeri uno alla volta, mettendoli ad asciugare su di un foglio di carta da forno. Facciamo asciugare in frigorifero e poi disponiamo i nostri boeri nei pirottini di carta.".

  1. Primo piano
  2. Popolari