Martedì, 12 Dicembre 2017

“GUANCIA DI MANZO AL VINO ROSSO DELL'OLTREPÒ CON POLENTA DI MAIS OTTOFILE” by Gabriella Draghi

Cheap But Chic: piatti golosi e d'immagine al costo massimo di 3euro! , La guancia di manzo o "ganasen" in dialetto dell'Oltrepò Pavese è un taglio di carne molto economico ma prelibato. Se cucinata a dovere è tenerissima e molto saporita. Non può mancare in una selezioni di bolliti misti ma è gustosissima se cucinata con il vino rosso dell’Oltrepò e adatta ad essere accompagnata con la polenta di mais ottofile.

La farina di mais ottofile  macinata a pietra è una farina integrale molto pregiata. Nel novecento la coltivazione di questo mais venne abbandonata nelle nostre zone per lasciare spazio ai nuovi mais che rendevano di più. Oggi, fortunatamente, alcune aziende dell'Oltrepò hanno ripreso la coltivazione di questa varietà che è tornata in commercio e che mi sento di consigliare per realizzare una polenta saporita e nutriente. Ecco la ricetta.

Guancia di manzo al vino rosso dell'Oltrepò con polenta di mais ottofile

Ingredienti per 3 persone:

1 guancia di manzo

1 carota

1 canna di sedano

1 cipolla

1 spicchio d'aglio

1 foglia d'alloro

2 chiodi di garofano

1 bicchiere di vino rosso fermo dell'Oltrepò Pavese

olio extravergine d'oliva

sale e pepe

Per la polenta:

500 g di farina di mais ottofile

1 cucchiaio di sale grosso

1,5 l di acqua

Come si prepara:

Tagliamo a pezzetti sedano, carota e cipolla e li mettiamo in un tegame con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, lo spicchio d’aglio, la foglia d'alloro e i chiodi di garofano. Facciamo soffriggere un minuto e poi aggiungiamo la guancia di manzo avendo cura di rosolarla bene su tutti i lati per sigillare i succhi della carne. Aggiungiamo sale e pepe e irroriamo con il nostro bicchiere di vino rosso. Lasciamo evaporare l'alcool e poi copriamo con un coperchio e cuociamo a fuco lento per circa due ore rigirando la carne di tanto in tanto.

Prepariamo ora la polenta. Versiamo l'acqua in un tegame, mettiamo il sale e portiamo ad ebollizione. Versiamo la farina a pioggia mescolando con una frusta per non far formare grumi. Dobbiamo cuocere la polenta per circa un'ora mescolandola poi con un cucchiaio di legno.

Otterremo un composto piuttosto sodo che potremo rovesciare su di un tagliere e tagliare a fette oppure servire a cucchiaiate. A cottura ultimata, togliamo la guancia dal tegame, eliminiamo l'aglio e la foglia di alloro e con un minipimer, frulliamo il fondo di cottura. Rimettiamo nel tegame la guancia ancora per qualche minuto e poi la mettiamo su di un tagliere e la tagliamo a fette. Serviamo la polenta con il sughetto ottenuto e alcune fette di guancia. Il tutto accompagnato da un buon vino rosso dell'Oltrepò. Buon appetito!

  1. Primo piano
  2. Popolari