Sabato, 24 Agosto 2019

OLTREPÒ PAVESE - CASTEGGIO - “IL TUO SUV MI SOFFOCA... IL TUO SMARTPHONE MI PUÒ UCCIDERE” lettera al Direttore

"Spett. Direttore, ormai pressoché settantenne, cicloamatore, cicloturista, camminatore da sempre. Posso affermare Il tuo Suv mi soffoca... Il tuo smartphone mi può uccidere. Non è più ormai una sensazione o una paura. È la realtà.

Automobili sempre più grandi: e chi si ricorda la 500 Fiat o la Mini Morris Anni ’70? Confrontiamole con le attuali omonime. Motori che normalmente ormai superano abbondantemente i 100 CV e ricordiamoci tutti che il motore delle automobili rende il 30% in trazione. Il restante 70% viene disperso in calore. Riscaldamento globale e cambiamenti climatici non ne giovano. Contiamo le macchine in circolazione nel mondo e facciamo due conti. Dove dobbiamo correre? A prendere il bimbo che esce da scuola, magari guidando con tacco da 12 e contemporaneamente telefonando? Oppure facciamo preventivi, leggiamo fatture a 80 Km/ora?

Opportuno sarebbe partire due minuti prima e fare pure la telefonata in anticipo. Purtroppo devo constatare che questi comportamenti sono ogni giorno in aumento. Guidando e usando lo smartphone si può uccidere o uccidersi. Sulle supermacchine, quelle che possono andare a più di 200 Km/ora... e dove possono andare? Magari nelle poche stradine di campagna rimaste, come miseramente qualcuno di rimpetto al balcone di casa mia faceva stamane.

Le auto a disposizione oggi, possono sviluppare una potenza che bisogna saper «domare» prima ancora con la testa che con la tecnica, e non tutti sono in grado di farlo, i giovanissimi in particolare. Il tutto complicato poi dall’attuale intensità di traffico. Quanto alle distrazioni dovute all’uso del telefonino mentre si guida, che pure è vietato per legge e punito con pesanti sanzioni, sono una delle cause più frequenti di incidenti che finiscono spesso per coinvolgere drammaticamente anche altre persone. Al di là di controlli e multe (quelli per l’utilizzo in auto dello smartphone dovrebbero essere incentivati), quel che è evidente, sotto gli occhi di tutti, mi pare sia la necessità sulle nostre strade di darsi al più presto una bella auto-regolata

Carlo Gramegna - Casteggio"

INVIATE LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

agierre-marzo TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari