Giovedì, 13 Dicembre 2018

VARZI - «IO VITTIMA DI BULLISMO: INSEGNANTI, AIUTATE I RAGAZZI»

"Signor Direttore, le scrivo in riferimento alle notizie sempre più frequenti in merito alle vittime di atti di bullismo durante la scuola. Queste notizie hanno riaperto in me una ferita difficile da dimenticare, nonostante ormai siano passati più di 20 anni. Anch’io sono stato vittima di bullismo, quando frequentavo la scuola superiore. Sono stati gli anni peggiori della mia vita: i miei compagni di classe mi prendevano in giro, mi insultavano, dicendo che ero un handicappato, e me ne facevano di tutti i colori. Venivo dai monti, ero forse sì, anzi certamente un po’ imbranato e loro mi consideravano un ignorante, uno scemo... Mi ricordo di un episodio che può sembrare insignificante, ma aggiunto a tanti altri è sufficiente a rendere la vita di un ragazzino un vero inferno. L’insegnante di lettere aveva chiesto alla classe, compreso me, se eravamo d’accordo a programmare le interrogazioni. Avremmo semplicemente dovuto sorteggiare qualche cognome. E il risultato? Usciva sempre il mio per primo! Una volta, due e tre … Avevo capito che c’era qualcosa di strano. Senza contare che quando sorteggiavano il mio cognome, mi ridevano sempre in faccia. Un giorno, nel quale per l’ennesima volta avrei dovuto affrontare per primo l’interrogazione programmata, sono stato a casa, anche su consiglio dei miei genitori. Quando sono rientrato a scuola, ho spiegato alla docente il motivo della mia assenza. I miei compagni si sono arrabbiati e vi lascio immaginare cosa è successo dopo… Un vero putiferio! Una volta, mi hanno pure messo un uccellino morto nell’astuccio. Tra questi compagni, ce n’era uno che mi metteva le mani addosso. Diceva che lo faceva per scherzo, ma io sapevo benissimo che non era vero. Qualche volta mi picchiava nei bagni della scuola, qualche volta all’uscita. Non so perché non ne ho parlato subito con gli insegnanti o con i miei genitori. Probabilmente temevo ripercussioni ancora peggiori. Uno, due, tre e quattro, non ce la facevo a tenere tutto dentro e un giorno mi sono messo a piangere come una fontana, mentre tornavo a casa in macchina con mio padre. Devo ringraziare i miei genitori che a quel punto sono intervenuti in mio aiuto, parlando con il dirigente scolastico e gli insegnanti. Sicuramente ho sbagliato a non confidarmi subito con i miei genitori e a non dirlo agli insegnanti, che per primi devono adoperarsi per contrastare qualsiasi forma di bullismo. In cinque anni i miei docenti non si sono mai accorti di nulla. Mi chiedo ancora come sia stato possibile. Forse hanno visto ma non sono stati in grado di intervenire in modo giusto. Parlatene subito a qualcuno, alle vostre famiglie, ma soprattutto ai vostri insegnanti che devono assolutamente intervenire. Laddove la famiglia non arriva, credo che la scuola abbia un compito fondamentale: insegnare il rispetto per gli altri, anche se considerati «diversi»." 

Lettera firmata - Varzi        

INVIATE  LE VOSTRE LETTERE INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

agierre-marzo quarto-serteca TecnoSerramenti-copia studio-medico-tagliani ASM-INTERA panificio-santa-maria-AGOSTO-copia

  1. Primo piano
  2. Popolari