Sabato, 11 Luglio 2020
 
Lettere al Direttore

Lettere al Direttore (121)

"Egregio Direttore, le scrivo per condividere la mia esperienza da pendolare sulla tratta Voghera-Milano all’epoca del Covid19. L’altra mattina, come milioni di persone da lunedì tornate al lavoro, mi sono recata alla stazione ferroviaria di Voghera con largo anticipo vista l’incognita dovuta alla ridotta capienza dei treni. Giungo in una stazione pressoché. Anche la biglietteria è chiusa. Salgo al binario e attendo, con pochi irriducibili del treno, l’arrivo del regionale delle 6:56, destinazione Milano. Il treno arriva con qualche minuto di ritardo, ma come tutti i pendolari sanno, sono fisiologici e visto il momento c’è solo da rallegrarsi che il…
"Gentile Direttrice, in Oltrepò ci sono anche le notizie «quelle belle», e fortunatamente sono tante. Basta avere occhi e cuore per vederle. Anche in tempi duri e bui come quelli del Covid. Anzi, in tempi bui e duri come questi si apprezzano ancora di più. Sono una figlia di una madre positiva, ospite in casa di riposo. Sono una figlia preoccupata e in sofferenza per non abbracciarla da tantissimo tempo. Sono una figlia che si affida completamente alle cure dei medici ed al personale interno. Grazie per questo spazio direttrice, questo è un momento importante per me, in questi giorni…
"Gentile Direttore, vivo in un piccolo paese dell’Oltrepò, Pinarolo Po. Da noi la quarantena è esistita per molti in modo rigoroso per altri in modo blando. In particolare, in questi ultimi giorni assistiamo a ritrovi di vicinato, persone anche non residenti nel comune che vanno e vengono, per giunta senza alcuna protezione come mascherine e guanti, che si intrattengono nei cortili e purtroppo anche in qualche locale pubblico a fare aperitivi e merende e a chiacchierare del più e del meno. Essendo un piccolo centro abitato, è comprensibile il fatto che non ci siano posti di blocco e controlli assidui…
"Egregio direttore, le autorità competenti invitano a segnalare gli assembramenti. Chiedere ai cittadini dell’Oltrepò di essere controllori di altri cittadini, invitandoli ad indicare potenziali “untori”, è in questo momento un grande rischio. Trasformare la Società Civile in una sorta di “Grande Fratello” in cui tutti controllano tutti, e chiunque può puntare il dito contro chiunque, a torto o a ragione, mi fa paura. Una società di delatori, non è una società libera. Le forze dell’ordine hanno il dovere di far rispettare i decreti, e tutti noi cittadini il dovere di fare la nostra parte al meglio possibile. Non possiamo sopperire…
"Egregio direttore, per l’ennesima volta, ci siamo trovati di fronte al non rispetto delle regole su come gestire il proprio cane all’interno del parco di Salice. Abitiamo vicino a Salice e abbiamo due bambini piccoli, quindi siamo ritornati ad andarci spesso. Sarà una coincidenza... ma tutte le volte che andiamo noi alcuni cani girano liberi non tenuti al guinzaglio. Ora, premesso che amiamo gli animali, che in famiglia abbiamo un cane, che capiamo quanto un animale possa essere un compagno di vita per alcune persone, ci troviamo in questo specifico momento ad essere genitori e a mettere davanti a tutto…
"Signor Direttore, ancora non c’è il vaccino per difendersi dal coronavirus ma mi chiedevo quando - e speriamo il prima possibile dal mio punto di vista - sarà disponibile sul mercato, come verrà gestita la sua obbligatorietà. La logica direbbe che visti i danni che ha creato il virus, renderlo obbligatorio sarà una necessità, ma leggendo le dichiarazioni ad un noto quotidiano nazionale di un consigliere grillino della Regione Lazio, noto per le sue posizioni ‘free vax’ mi è venuto un dubbio. Il consigliere dichiara: «No all’obbligo per tutti del vaccino anti-Covid. I vaccini devono essere somministrati secondo un’anamnesi personale,…
 
 
  1. Primo piano
  2. Popolari