Sabato, 11 Luglio 2020
 

La coda di una perturbazione sul nord Europa raggiungerà tra la serata di oggi e la giornata di domani anche l’Oltrepò portando temporali e venti, sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un'allerta meteo che prevede precipitazioni diffuse, che localmente potranno essere anche molto intense e accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento. A tal proposito la Protezione civile della regione Lombardia ha emanato alcune allerte meteo, valide dalle dalla serata di oggi 10 luglio fino alle ore 6 di Domenica 12 luglio, che interessano anche la nostra zona, allerta “gialla”, che interessa la parte pianeggiante, ed allerta “arancione” per la parte collinare e montuosa dell’Oltrepò. Entrambe le allerte sono inerenti a “temporali forti” ed a “vento forte”.  

“Si è chiusa la ‘fase 1’: abbiamo raccolto le proposte progettuali per il rilancio del sito di Riccagioia. Immaginiamo un futuro votato all’agricoltura, al turismo e alla valorizzazione di tutto il territorio dell’Oltrepò Pavese”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, che, questa mattina, ha incontrato proprio a Riccagioia, sul territorio comunale di Torrazza Coste, i rappresentanti istituzionali del territorio.

“Si è parlato tanto di questo sito, ora è il momento dei fatti. Stiamo procedendo con gradualità, prima la manifestazione di interessa – ha ricordato – e ora il bando, per arrivare all’obiettivo e soprattutto con un coinvolgimento di tutti gli attori del territorio”.

La Regione Lombardia, tramite Ersaf, ha raccolto quattro proposte progettuali attraverso la manifestazione di interesse: una riguarda la realizzazione di un HUB Agri 4.0 con partner selezionati, la seconda concerne la realizzazione di un sito turistico ricreativo, la terza si basa sulla realizzazione di un Parco Tematico e l’ultima è un contributo metodologico per l’orientamento del progetto.

“Ora – ha detto l’assessore – siamo alla ‘fase 2’: quella dei progetti esecutivi e dei piani economici e finanziari, da presentare entro il 31 ottobre. Come modello gestionale abbiamo scelto la costituzione di una fondazione di scopo”. “Entro fine anno – ha spiegato – Ersaf provvederà a effettuare tutte le attività di valutazione dei progetti esecutivi presentati e utili alla decisione di assegnazione del progetto. Quindi, entro febbraio 2021 intendiamo assegnare il progetto e partire con tutte le attività di start-up operative”. “La sfida del futuro in agricoltura – ha sottolineato – è la sostenibilità, sia ambientale che economica, che si realizza solo con l’innovazione in tutti i campi. Dobbiamo e vogliamo accompagnare l’innovazione nelle aziende per renderle più competitive e in grado di essere in linea con le sfide che i consumatori chiedono in termini ambientali. Digitale, robotica, genetica e utilizzo sostenibile della chimica sono solo alcuni temi sui quali si concretizza l’agricoltura del futuro che deve vederci protagonisti”.

L’obiettivo della Regione Lombardia è quello di costituire a Riccagioia un bacino di tech-ingegneria applicata al settore primario e agroindustriale che si integri con il settore del turismo a livello agro-enologico, in grado di stimolare e valorizzare il territorio dell’Oltrepò. Tutto questo è volto a favorire lo sviluppo di un’economia sostenibile, basata sulla biodiversità locale, la tutela e valorizzazione del prodotto tipico.

“Riccagioia – ha spiegato – sarà la base di sviluppo iniziale e si evolverà nel tempo, sia dal punto di vista dei contenuti che di associazione, coinvolgendo e avendo riscontri evidenti su tutto il territorio”. “L’Oltrepò – ha concluso Rolfi – ha potenzialità enormi e intendiamo sfruttarle sia per il bene economico della zona che per una giusta valorizzazione dello straordinario patrimonio culturale, paesaggistico ed enogastronomico”.

Nell’ambito della graduale ripresa dell’attività ambulatoriale, a seguito dell’emergenza sanitaria Covid 19, anche presso gli Ospedali di Voghera e Varzi, nel pieno rispetto delle norme vigenti, in tema di utilizzo dei dispositivi di protezione e di sanificazione, sono riprese le prenotazioni relative ai seguenti ambulatori:

Ospedale Civile di Voghera

• U.O. Medicina Servizio di Pneumologia – prime Visite e controlli Ambulatorio di Fisiopatologia respiratoria – Ambulatorio Tubercolosi;

• U.O. Neurologia – Ambulatorio Alzheimer - Elettromiografia – Centro Cefalee;

• U.O. Urologia – Ambulatorio Uroflussimetria, Oncologia, Andrologia, Andrologia doppler, Ecografia Urologica;

• U.O. Riabilitazione – Fisiatria Centro Osteoporosi – prime Visite ed Urgenze Telemedicina MAC – Visite Fisiatriche e controlli;

• U.O. Chirurgia – prime Visite e controlli – Ambulatorio di Senologia e Vulnologia;

• U.O. Endoscopia Digestiva – Colonscopie primo accesso e controlli screening del colon – Esofagogastroduodenoscopia primo accesso e controllo – Colonscopia e Esofagogastroduodenoscopia priorità U e B;

• U.O. Cardiologia – Test da sforzo con cicloergometro o tappeto rotante – Ambulatorio Visita Cardiologica ed Elettrocardiogramma urgenze;

• U.O. Ortopedia – prime Visite e Controlli - Ambulatorio urgenze;

• U.O. Radiologia – prestazioni strumentali: RMN Neurologica e RMN Osteoarticolare;

• U.O. Nefrologia – Ambulatorio Ecografie - Ecocolordoppler dei reni e surreni e dei grossi vasi addominali – Apparato urinario.

Ospedale di Varzi

• U.O. Medicina Interna – Ambulatori di: Ecografia Internistica, Cardiologia, Cardiologia TAO, Oncologia, Diabetologia, Endocrinologia;

• U.O. Chirurgia Generale– prime Visite e controlli – Ambulatorio Angiologia – Ecografia Vascolare prime Visite ed urgenze – Ambulatorio medicazioni.

In questi giorni, l’attività ambulatoriale in tutte le strutture dell’azienda è impegnata al recupero delle visite che, a causa dell’emergenza, sono state sospese e rinviate. Sarà a cura dell’Ufficio Comunicazione aggiornare gli utenti in merito alla ripresa delle varie attività ambulatoriali prenotabili, promuovendo l’utilizzo dei sistemi online: il cittadino può effettuare la prenotazione contattando telefonicamente il Contact Center Regionale al numero verde 800 638 638 gratuito da rete fissa (oppure al numero 02.99.95.99 da rete mobile, a pagamento al costo previsto dal proprio piano tariffario), attivo dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 20.00, esclusi i festivi, o prenotando online dal portale https://prenotasalute.regione.lombardia.it/prenotaonline/ (web app disponibile anche su cellulare). Tutti gli aggiornamenti sono pubblicati sul sito istituzionale di ASST Pavia all’indirizzo www.asst-pavia.it, raggiungibili dall’HOME PAGE alla voce RIPRESA DELL’ATTIVITA’ AMBULATORIALE.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Questa mattina, nel giardino del Country Club di Voghera, Alessandra Bazardi segretario del Partito Democratico vogherese ed Ilaria Balduzzi hanno illustrato i venti obiettivi del loro programma elettorale per le prossime votazioni comunali. 

"Siamo pronti! Abbiamo lavorato per costruire il miglior programma per la città, lo abbiamo fatto raccogliendo le idee delle associazioni, forze sociali, economiche e culturali. Ora lo presentiamo e siamo disponibili a confrontarci con altre forze politiche per integrarlo e condividerlo. La nostra sfida è “Scommettiamo su Voghera” perché siamo sicuri che abbia le potenzialità per ripartire.

Rilanciando e mettendo la città al centro di una agenda che coinvolga tutto il territorio. Questo è il compito di chi governerà nei prossimi anni. Noi ci siamo e tu? Il nostro manifesto politico. La città è in una forte crisi che ha prodotto una situazione di totale paralisi e di involuzione economica, sociale e culturale del tessuto cittadino. Crisi economica, che ha colpito innumerevoli settori produttivi della nostra realtà come l’edilizia, il piccolo commercio, l’artigianato; ha moltiplicato le aree dismesse e ha accentuato le differenze sociali portando a un sempre più evidente impoverimento culturale. La grave e pesante carenza di opportunità di lavoro e di occupazione hanno costretto tanti, troppi cittadini a recarsi quotidianamente in altre città, cosicché il fenomeno del pendolarismo è divenuto endemico ed estremamente diffuso, trasformando la città in una città dormitorio.

Le risorse a disposizione sono scarse, ma è per questo che serve la capacità politica e amministrativa di mobilitare investimenti privati e di attingere a quelle risorse europee che Voghera non è stata in grado di intercettare e di utilizzare al meglio. La prossima amministrazione comunale dovrà operare per contrastare la perdita di posti di lavoro aumentando la propria attrattività, investendo sull’innovazione d’impresa e sul capitale umano; dovrà rispondere ai nuovi bisogni e alle fragilità sociali dei nostri concittadini intervenendo sul welfare locale; dovrà creare le condizioni più favorevoli e necessarie per la nascita e l’apertura di nuove realtà commerciali, specie nel centro cittadino inteso come cuore pulsante della città e di nuove realtà culturali, ludiche, sportive e di aggregazione sociale giovanili e per anziani, specie nelle periferie.

Dovrà impegnarsi e investire sulla riqualificazione delle aree dismesse e su quelle esistenti, sulla riduzione delle emissioni inquinanti, sull’incremento delle aree verdi, delle aree pedonali e delle piste ciclabili, sulla riqualificazione delle periferie e coinvolgimento dei quartieri. La rinascita di Voghera sarà possibile solo attraverso la definizione di un piano pluriennale composto da progetti finanziati sia da risorse interne sia da risorse private, sia da risorse regionali o statali, sia da finanziamenti europei; progetti tutti complementari fra loro e tutti funzionali al raggiungimento degli obiettivi definiti nel piano medesimo. Il cambiamento e la rinascita della città non possono prescindere da un nuovo modo di intendere la politica, da un nuovo stile di governo fondato sulla trasparenza e sulla partecipazione; il tutto accompagnato da una civile, educata, rispettosa e corretta dialettica politica.

Il bene comune va perseguito senza condizionamenti di interessi o pseudo interessi di parte e corporativi. Per il PD il consenso non va rincorso, ma meritato con l’impegno, attraverso un’azione politica coraggiosa in grado di rivolgersi solo ed esclusivamente all’interesse di tutti ed al bene esclusivo della città. Il PD intende rivolgersi ai concittadini delusi e demotivati presentando loro un articolato piano per la città tutto rivolto e indirizzato alla rinascita e alla rivitalizzazione economica, sociale e culturale del tessuto cittadino; presentandosi loro come un partito trasparente e offrendo la disponibilità di candidati nuovi, seriamente determinati a lavorare con tutti nell’interesse unico della città, senza deleterie forme di personalismo e di inutile protagonismo.

Il PD intende cogliere e calamitare la delusione di larga parte di vogheresi offrendo loro un’opportunità di reale cambiamento in un contesto di coinvolgimento e partecipazione di tutti, nessuno escluso. Costituisce obiettivo fondamentale per il PD la costruzione della “casa comune” di tutti i moderati e progressisti e di tutti coloro che intendono partecipare alla vita politica della città; un punto di incontro e di riferimento aperto, certo e sicuro dove è possibile, attraverso un civile e leale confronto, essere ascoltati e apportare il proprio contributo di idee, proposte e di critica costruttiva. La nostra scommessa: 20 obiettivi per gli Anni 20 da raggiungere per rilanciare la città.

OBIETTIVO #1: DISABILITÀ

OBIETTIVO #2: PREVENZIONE

OBIETTIVO #3: ASSISTENZA AGLI ANZIANI

OBIETTIVO #4: PERSONE IN GRAVE DIFFICOLTÀ SOCIALE

OBIETTIVO #5: LA FAMIGLIA

OBIETTIVO #6: LA CITTÀ 6.1) LA CITTÀ E I NUOVI CITTADINI 6.2) LA CITTÀ E I GIOVANI 6.3) LA CITTÀ DEI DIRITTI 6.4) UNA CITTÀ SICURA

OBIETTIVO #7: LA CASA

OBIETTIVO # 8: DECENTRAMENTO, PARTECIPAZIONE E TECNOLOGIA

OBIETTIVO#9: BILANCIO E GESTIONE ENTRATE E SOCIETÀ PARTECIPATE

OBIETTIVO #10: LA RINASCITA E LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

OBIETTIVO #11: UFFICIO DI PROGETTAZIONE EUROPEA

OBIETTIVO #12: VIVIBILITA’ DELLA CITTA’-VOGHERA VERDE E PULITA

OBIETTIVO # 13: SANITÀ

OBIETTIVO #14: RECUPERO PIAZZA DUOMO

OBIETTIVO #15: RECUPERO PIAZZA SAN BOVO

OBIETTIVO #16: TEATRO SOCIALE

OBIETTIVO #17: ENTE FIERA

OBIETTIVO #18: CULTURA

OBIETTIVO #19: LA NUOVA CAVALLERIA

OBIETTIVO #20: LA CITTA’ NELLA CITTÀ"

"Estate&Bollicine" è il claim del ricco programma di eventi estivi organizzato da Terre d'Oltrepò e La Versa. Musica, aperitivi, degustazioni nei caveau ed un coinvolgente spettacolo di fontane danzanti per animare i fine settimana di luglio catalizzando l'attenzione di giovani e adulti. "Abbiamo predisposto un ricco calendario di appuntamenti – spiega il presidente, Andrea Giorgi – che coinvolgeranno la cantina di Broni e quella storica di Santa Maria della Versa. Le persone, oggi più che mai, hanno bisogno di trascorrere qualche ora di svago, magari degustando prodotti d'eccellenza, dopo i mesi tremendi che ci hanno costretto a rimanere tra le mura domestiche. Così abbiamo deciso di proporre un ricco calendario di manifestazioni, aperte a tutti, che culminerà il 25 luglio, alle 22, presso il piazzale della cantina la Versa, con uno maestoso, colorato e coinvolgente spettacolo di fontane danzanti. La cantina tornerà dopo decenni ad ospitare, come nel glorioso passato, un evento di richiamo territoriale. Si tratta di un segnale importante che dimostra quanto la cantina La Versa sia ritornata un "faro" per la produzione e per il territorio. Al termine brinderemo all'estate con le nostre bollicine. Ovviamente tutti gli eventi a Broni e a Santa Maria della Versa rispetteranno le norme Covid in quanto siamo consapevoli che questo virus è ancora fuori dalla porta di tutti noi".
Entriamo nel dettaglio degli eventi: ogni sabato, dal 10 luglio al primo agosto, a partire dalle 19,30, presso il wine garden esterno della cantina Terre d'Oltrepò a Broni è previsto Music e Happy Hour con la presenza del Dj Ottiper e diretta social con Monkey.  

Sabato 25 luglio il grande evento delle Fontane Danzanti: spettacolari giochi d'acqua a ritmo di musica e luci animeranno il suggestivo cortile della storica cantina La Versa di Santa Maria della Versa. Dalle 20 sarà possibile visitare i suggestivi caveau dove si affinano gli spumanti sui lieviti e degustare alcuni prodotti della spumantistica La Versa in accostamento ai prodotti del territorio. Alle 22 il via allo spettacolo: un'ora emozionante con spruzzi d'acqua di varia altezza che balleranno a ritmo di musica e di colorate luci.  La serata si concluderà con un brindisi sotto le stelle.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sta per essere avviata nel Comune di Redavalle l’attività di sostituzione contatori con nuovi “smart meter”. L’intervento, che sta già coinvolgendo diversi Comuni del territorio provinciale, riguarderà i contatori tradizionali fabbricati prima del 2014 per un totale di circa 400 installazioni. Ad occuparsi delle sostituzioni, che inizieranno lunedì 13 luglio, saranno i tecnici dell’impresa incaricata da Pavia Acque, Barbagli Srl. Ricordiamo che l’intervento sarà gratuito e avrà, di norma, una durata indicativa di circa 15 minuti, nel corso dei quali sarà interrotta l’erogazione dell’acqua. 

L’attività potrà riguardare un luogo “accessibile” (dove non è necessaria la presenza dell’utente, ad esempio i pozzetti in strada), “parzialmente accessibile” (dove è necessario che l’utente metta in condizione il tecnico di raggiungere il luogo d’intervento, ad esempio gli spazi comuni in condominio) o “non accessibile” (dove è necessaria la presenza dell’utente, ad esempio le abitazioni). La data prevista per la sostituzione del contatore verrà comunicata alcuni giorni prima dell’intervento mediante l’esposizione, presso le utenze, di specifici avvisi che riporteranno anche i recapiti per richiedere eventuali informazioni o per concordare un appuntamento in data diversa. Gli operatori che si occuperanno delle sostituzioni saranno dotati di un tesserino di riconoscimento munito di fotografia, che potrà essere verificato utilizzando il numero antitruffe di Pavia Acque, 0383 1940114, attivato in collaborazione con l’arma dei Carabinieri proprio per gestire le segnalazioni sui falsi operatori e sui tentativi di furto. 

I nuovi contatori elettronici installati consentiranno la telelettura dei consumi senza la necessità di accedere alla proprietà privata, limitando i possibili tentativi di truffe da parte di falsi letturisti. Inoltre, quando il sistema di trasmissione sarà a regime, gli utenti non dovranno più preoccuparsi di inviare l’autolettura e riceveranno sempre bollette emesse sulla base di consumi effettivi, senza fatture in acconto. 

Nel corso delle sostituzioni dei contatori, i tecnici adotteranno tutte le disposizioni di precauzione emesse dal Ministero della Salute e relativi aggiornamenti, al fine di contenere il rischio di contagio: sono dotati dei dispositivi previsti (mascherine, guanti, occhiali e soluzioni disinfettanti), manterranno la distanza di sicurezza da ogni persona e sanificheranno il luogo di intervento una volta terminato il lavoro.

All’utente sarà richiesto, al fine di velocizzare le operazioni di sostituzione del contatore, di liberare preventivamente l’area intorno al contatore e di mantenersi ad una distanza di sicurezza di almeno due metri dal tecnico, oltre ad indossare una mascherina protettiva o altro indumento idoneo a coprire naso e bocca (ad esempio un foulard o una sciarpa).

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il Codacons Pavia, attraverso una nota stampa informa che un cittadino di Salice Terme denuncia disservizi di Autoguidovie nella tratta Milano - Varzi.  "Per aumentare le corse verso Voghera quelle da e per la valle Staffora sono state completamente eliminate!" E' la denuncia del Sig. P.C. di Salice Terme, che prosegue "Io usavo questa linea salendo a Salice Terme: ora - oltre a avere eliminato il servizio al 100% nei festivi - resta solo una corsa da Milano a Varzi (che parte alle ore 18.30 da Famagosta). Le altre (peraltro pochissime) fermano a Voghera e basta.  Lo stesso al ritorno: da Salice Terme dovrei andare a Voghera in stazione e da lì aspettare un'ora per prendere la 120 fino a Milano. La valle Staffora è isolata!!!  La linea diretta per Milano - seppure con pochissime corse - garantiva un mezzo di trasporto per bypassare Trenord e non avere cambi (sempre scoordinati come orari). Dunque non è vero che Autoguidovie ha potenziato la 120 (linea Milano Varzi) con nuove corse! Hanno solo potenziato la Milano Voghera lasciando senza servizio di trasporto chi non ha alternative all'auto (la valle Staffora non è servita dalla ferrovia)". Codacons: "Ci auguriamo che Autoguidovie sappia dare una spiegazione a quanto denunciato dal Sig. P.C anche perché in caso contrario significherebbe che vi sono cittadini di serie A e cittadini di serie B. Il trasporto pubblico è un diritto di tutti ed è inaccettabile che un'intera fetta della provincia di Pavia sia letteralmente tagliata fuori!."

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Ammontano a 6 milioni di euro le risorse messe a disposizione dall’Inail per la sicurezza nelle campagne della Lombardia. Lo rende noto la Coldiretti nell’esprimere soddisfazione per l’avviso pubblico Isi Agricoltura 2019-2020 pubblicato dall'Inail per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nelle micro e piccole imprese del settore agricolo. 

E’ importante incentivare l’innovazione per garantire un livello sempre più alto della sicurezza sul lavoro in agricoltura – commenta la Coldiretti – un settore che in Lombardia nei primi cinque mesi del 2020 ha fatto registrare una riduzione del 25,3% degli infortuni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, nonostante sia stato uno dei pochi settori rimasti operativi anche durante il lockdown. 

A livello nazionale – spiega la Coldiretti – le risorse stanziate dall’Inail per l’avviso pubblico Isi Agricoltura 2019 -2020 sono pari a 65 milioni di euro a fondo perduto. Nei primi cinque mesi di quest’anno – precisa la Coldiretti - in Italia l’agricoltura ha fatto registrare una riduzione record del 24,7% degli infortuni, che raggiunge un incoraggiante -27% per quelli mortali. Un andamento che conferma il prezioso lavoro di ammodernamento delle imprese agricole fatto in questi anni per rendere il lavoro nei campi tecnologicamente più avanzato, ma anche più sicuro. 

Molto resta tuttavia ancora da fare e per questo – conclude la Coldiretti – è necessario continuare con decisione sulla strada intrapresa con interventi per la semplificazione, la trasparenza, l’innovazione tecnologica e la formazione, che sappiano accompagnare le imprese nello sforzo di prevenzione in atto. Per questo sono importanti le risorse che Inail mette a disposizione delle imprese agricole per rinnovare ed ammodernare il parco macchine attualmente in circolazione.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

La cantina Terre d'Oltrepò - La Versa, con un comunicato stampa informa che nonostante il lockdown chiude un altro anno positivo. "Il Covid non ferma il futuro della cantina cooperativistica Terre d'Oltrepò/La Versa. Nonostante i due mesi di lockdown, marzo ed aprile, la realtà oltrepadana, guidata dal presidente Andrea Giorgi, conferma - scrive la cantina -  il fatturato del passato esercizio e chiude il bilancio sulla cifra di 32milioni di euro. Con la notizia positiva di un lieve aumento rispetto all'anno precedente (dato ancora in fase di elaborazione, ma già evidenziabile).
"Un risultato positivo – spiega il numero uno della cantina con sede a Broni – che dimostra quanto gli sforzi messi in campo sotto il profilo commerciale e comunicativo stanno pagando. Ovviamente non basta e per questo abbiamo messo in atto operazioni di qualità anche in vigna come dimostra il progetto legato al nome dell'enologo Riccardo Cotarella che ci ha permesso di mettere sul mercato vini che stanno riscuotendo pareri favorevoli dalla critica e, soprattutto, dai winelovers. Un lavoro corale su più fronti che, dal 2017, ci sta impegnando quotidianamente, un lavoro reso possibile grazie ad una squadra affiatata su tutti i fronti: dalla vigna alla cantina, dall'amministrazione al commerciale. Per questo il mio ringraziamento va a tutto il personale perché, in un periodo così delicato, solo con professionalità si raggiungono determinati risultati come quelli attuali".

Inoltre è iniziata un'intensa attività di comunicazione anche interna, mirata ad informare gli oltre 700 soci su questioni di carattere amministrativo ed agronomico. "Il socio rappresenta la spina dorsale della nostra cooperativa – spiega Giorgi – e per questo deve essere informato di quanto stiamo facendo. Abbiamo creato da qualche settimana una newsletter interna che fornisce informazioni di carattere dirigenziale, tratta questioni economiche e commerciali. A questa si è affiancata quella agricola realizzata dal nostro agronomo Nicola Parisi che fa il punto settimanale sulla situazione in campagna".

E' tempo di bilanci per la cantina di Broni, ma anche per gettare le basi al futuro. "Fare prospettive in questo momento – spiega il presidente Giorgi - è davvero difficile, ma è nostro compito guardare avanti nonostante la situazione di precarietà ed insicurezza causata dall'emergenza sanitaria. E' inutile negare il fatto che le prospettive future sono incerte per l'evoluzione del Coronavirus e per le conseguenze che potrà avere sul mercato. La strada, già delineata negli ultimi anni, è quella di valorizzare i prodotti di qualità come, ad esempio, il Riesling Doc rispetto al tradizionale Igt. Quest'ultimo soffre il mercato in quanto considerato prodotto di massa e la grande quantità di questa uva prodotta dai soci è un problema che si misura con l'evidente riduzione di prezzo degli ultimi anni. Sappiamo tutti, basta guardarsi indietro, cosa purtroppo ha rappresentato questo vitigno per la storia del nostro territorio e della nostra cantina. Nel primo caso è stato l'oggetto di tante speculazioni che i grandi trasformatori hanno perpetuato,a metà secolo scorso, nei confronti di soci e produttori senza dare la possibilità a quest'ultimi di investire commercialmente sul prodotto. Nel secondo è stato oggetto di scandali che hanno messo in ginocchio la nostra grande realtà cooperativa. Ora il Riesling ha un'opportunità di rilancio grazie alla tipologia Renano, dovrà diventare un prodotto di punta che si affiancherà agli altri top di gamma che costituiscono la nostra linea produttiva. Il Progetto Qualità con l'enologo Riccardo Cotarella va verso questa direzione, quella di valorizzare una produzione iconica per tutti noi. Solo così riusciremo a garantire una giusta remunerazione ai soci per quest'uva ed una commercializzazione facile del prodotto". In ottica di miglioramento della qualità il presidente Giorgi avanza un invito ai soci in vista dell'imminente vendemmia: "Sarà indispensabile la tempestività della raccolta dell'uva, essenziale per preservare le caratteristiche delle basi spumanti che necessitano di freschezza e adeguato ph, piuttosto che il grado zuccherino. Aggiungo che fra una settimana chiude la possibilità di adire alle iniziative di raccolta manuale con personale fornito dalla cantina. Per informazioni ci si può rivolgere presso la nostra struttura".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

"L'assessore Rolfi ieri non ha ben chiarito in quale modo Regione Lombardia risolverà il problema della graduatoria relativa al bando per la misura 4.1.01, quella dedicata agli incentivi per le aziende agricole, che vede escluse, per esaurimento delle risorse, 275 aziende per un importo finanziabile di circa 69 mln di euro. Noi abbiamo insistito affinché non siano aperti nuovi bandi, ma sia invece fatta scorrere la graduatoria per poter permettere alle piccole aziende escluse di rientrare. Con un nuovo bando si rischierebbe di favorire nuovamente solo le grandi a scapito delle piccole aziende che sono sicuramente in maggiore difficoltà".

Questo il commento del consigliere regionale del PD Giuseppe Villani dopo aver ascoltato la risposta dell'assessore alle Politiche agricole, ieri in aula, alla interpellanza del gruppo PD relativa allo stato di attuazione del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 e al finanziamento delle aziende agricole.

"Per quanto riguarda invece la questione relativa all'avanzamento della spesa effettivamente sostenuta da Regione Lombardia sul Psr – aggiunge Villani - l'assessore ha comunicato i dati aggiornati al 30 di giugno che però vedono sempre la nostra regione (46,06%) dietro le altre regioni del nord e più colpite dall'emergenza (Piemonte 52%, Emilia-Romagna 56% e Veneto 62%) e comunque sempre sotto il livello nazionale (48,64%). Purtroppo, in due anni nulla è cambiato".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 
 
  1. Primo piano
  2. Popolari