Lunedì, 25 Maggio 2020

OLTREPÒ PAVESE - PREZZI GONFIATI DI GUANTI E DISINFETTANTI. CARREFOUR, MD, LIDL, EUROSPIN, ALCUNE CONAD, ALCUNE COOP, DIVERSE SISA, SIGMA E CRAI NEL MIRINO DELL'ANTITRUST

Codacons Pavia in una nota stampa informa di una notizia che interessa i cittadini della provincia di Pavia. "Da tempo ci veniva segnalato che il conto del supermercato - scrive Codacons - era lievitato soprattutto a causa di detergenti, disinfettanti e guanti la cui maggior necessità di approvvigionamento è dovuta ovviamente all'emergenza sanitaria in corso. Ebbene, l'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato ha avviato un'indagine preistruttoria inviando richieste di informazioni a numerosi operatori della Grande Distribuzione per acquisire dati sull'andamento dei prezzi di vendita al dettaglio e dei prezzi di acquisto all'ingrosso di generi alimentari di prima necessità, detergenti, disinfettanti e guanti, al fine di individuare eventuali fenomeni di sfruttamento dell'emergenza sanitaria a base dell'aumento di tali prezzi. Nello specifico, dalle analisi preliminari svolte dall'Autorità sui dati Istat sono emersi a marzo 2020, per i prodotti alimentari, aumenti dei prezzi rispetto a quelli correnti nei mesi precedenti differenziati a livello provinciale. I principali destinatari delle richieste di informazioni sono, tra le altre Carrefour Italia SpA, MD SpA, Lidl SpA, Eurospin SpA, alcune cooperative Conad, alcune cooperative e master franchisor Coop, diversi aderenti a SISA, SIGMA e CRAI. 

Attendiamo con interesse l'esito dell'istruttoria dell'Antitrust. Non si può certo escludere che i maggiori aumenti siano dovuti anche a fenomeni speculativi. Infatti, non tutti gli aumenti osservati appaiono immediatamente riconducibili a motivazioni di ordine strutturale, come il maggior peso degli acquisti nei negozi di vicinato, la minore concorrenza tra punti vendita a causa delle limitazioni alla mobilità dei consumatori, le tensioni a livello di offerta causate dal forte aumento della domanda di alcuni beni durante il lockdown e dalle limitazioni alla produzione e ai trasporti indotte dalle misure di contenimento dell'epidemia. Staremo a vedere - conclude Codacons - e, nel caso in cui dovessero emergere davvero fenomeni speculativi, non mancheremo di fare sentire la nostra voce a tutela dei consumatori"

  1. Primo piano
  2. Popolari