Martedì, 16 Luglio 2019

VOGHERA - NELL’EPOCA DEI SOCIAL QUALI SONO I RISCHI CHE CORRONO I RAGAZZI? I GENITORI SONO CAPACI DI CAPIRE I PERICOLI? COME PREVENIRE L’UTILIZZO SMODATO DEI SOCIAL?

Nell’epoca dei social quali sono i rischi che corrono i ragazzi? I genitori sono capaci di capire i pericoli? Come prevenire l’utilizzo smodato dei social? Si tratteranno queste tematiche all’interno del convegno “Giovani emozioni e dipendenze virtuali” organizzato venerdì 17 maggio alle 20,45 in sala Zonca dall’associazione volontari “Pro Familia”, Cif (Centro Italiano Femminile) e Famiglie Nuove con il patrocinio dall’assessorato ai problemi Sociali del Comune di Voghera. Un incontro di psicologia al quale la cittadinanza è invitata (ingresso libero) in cui due professionisti, Simona Vincenzi e Roberto Pizzale, esporranno come utilizzare in maniera corretta i social. E’ emerso dagli incontri fatti nelle scuole il mal utilizzo dei social che provoca dipendenze comportamentali, molte famiglie non hanno gli strumenti per parlare di questo problema. «Abbiamo pensato ad un incontro aperto alla cittadinanza che possa stimolare la discussione e fornire gli strumenti utili ai genitori. Si tratta di una delle azioni di sostegno alla genitorialità che si va ad inserire nel progetto più ampio di lotta al bullismo e alle ludopatie», spiega l’assessore alla Famiglia Simona Virgilio. «Un incontro utile per capire e conoscere la realtà virtuale nel quale i ragazzi sono immersi», aggiunge la presidente della Consulta Volontariato di Voghera Costantina Marzano. «I social sono uno strumento con grandi potenzialità, ma si tratta di usarli nel modo più corretto. Il fatto di proporlo al di fuori della scuola è per permettere ai presenti di esprimersi più liberamente e capirne il significato evolutivo», spiegano i due psicologi. E’ fornito un servizio di babysitting da parte dell’associazione Clown di Corsia Voghera onlus durante la serata.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari