Lunedì, 23 Aprile 2018

STRADELLA - I VOLONTARI AIRC SI STANNO PREPARANDO PER IL PRIMO IMPORTANTE APPUNTAMENTO ANNUALE

I volontari Airc si stanno preparando per il primo importante appuntamento annuale: tornano infatti, sabato 27 gennaio, in tutte le piazze d’Italia, le arance della salute. L’associazione italiana per la ricerca sul cancro inaugura così il nuovo anno di raccolta fondi e lo fa con il frutto simbolo dell’alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà.

A Stradella è presente da tantissimi anni un bel gruppo di volontari, al cui timone c’è Annalisa Mossi, stradellina doc, sempre pronta a dare il proprio contributo.

Annalisa, ci racconta di questa iniziativa?

“Sono anni che Airc propone queste giornate, a gennaio con le arance e a maggio con le azalee. Sono manifestazioni nazionali. Ultimamente è nata anche la giornata dei cioccolatini, in concomitanza con la giornata nazionale dell’associazione, che cade in novembre.”

Come ha iniziato a fare la volontaria Airc?

“E’ stata una cosa molto casuale, in quanto una amica della mia cara mamma l’aveva invitata a fare la volontaria in piazza tantissimi anni fa. Quando mia mamma mi aveva raccontato questa cosa mi ero offerta di andarci io: così è stato e da allora ho cominciato a dare una mano, andando sempre alla mattina presto ad allestire i vari banchetti, sia per arance che per azalee, e aiutando nella distribuzione durante il corso della giornata. Quando ho iniziato facevo l’ultimo anno delle scuole superiori…e nel mese di maggio del 1997 sono diventata responsabile per la mia città.”

Si occupa solo di Stradella?

“No, a dir la verità a Stradella sono legati anche alcuni paesi limitrofi. Si tratta di Arena Po, Bosnasco, Portalbera, Ripaldina, Rovescala, Ruino, San Damiano e Santa Maria della Versa. Con questi paesi stringo collaborazioni in quanto mi occupo di ordinare i quantitativi di arance (o azalee) che vogliono distribuire nelle loro piazze. Loro poi si organizzano e vengono a ritirarle a Stradella il giorno dell’evento.”

Come quantitativi di arance, da quando ha iniziato ad essere responsabile, è cambiato qualcosa?

“Vent’anni fa i quantitativi erano sicuramente più alti, poi nel corso degli anni il numero è un po’ diminuito. Per questo gennaio saranno 525 i sacchetti che saranno distribuiti tra Stradella e paesi limitrofi. I tempi sono cambiati, ma il riscontro è sempre molto positivo. La manifestazione si è concretizzata negli anni, anche perché ci sono stati tanti casi purtroppo di malattie tumorali e la sensibilità è maggiore.”

Cosa vuol dire essere responsabile e referente per queste giornate Airc?

“Vuol dire organizzare tutto nei minimi dettagli, cercando collaboratori che mi diano una mano. Anche questi si sono concretizzati negli anni e sono sempre disponibili ad aiutarmi per fare la distribuzione in piazza. Io inizio comunque una decina di giorni prima rispetto alla manifestazione a pubblicizzare la giornata, con giri di telefonate e nei negozi per portare anche le varie locandine.”

A Stradella quanti punti di distribuzione ci saranno?

“Due come sempre: uno in piazza Vittorio Veneto, nei pressi della Torre, e uno in piazzale Trieste, accanto alla rotonda.”

Quest’anno ci sarà anche una piccola novità, oltre alla arance.

“Sì, il comitato Lombardia ha aderito a questa novità…ossia saranno distribuiti nelle piazze anche vasetti di miele di fiori d’arancio e di marmellate d’arance. Io ne ho presa una quantità minima perché voglio vedere come reagisce la gente, essendo, appunto, una novità. Quest’anno quindi ci sarà più possibilità di scelta.”

Se potesse fare un appello per cercare nuovi volontari cosa direbbe?

“Mi sono accorta negli ultimi anni che i giovani iniziano ad avvicinarsi di più ai banchetti, proprio per partecipare alla manifestazione, fare la donazione e acquistare il sacchetto di arance. E’ chiaro che tra i miei collaboratori c’è chi è di età un pochino alta: questo va benissimo perché il volontariato è aperto a tutti, ma vorrei che in futuro ci siano anche delle giovani forze ad aiutarmi. Si tratta di due giornate, un impegno piccolo: un sabato all’anno per le arance e una domenica all’anno per le azalee. Un minimo sforzo, ma si tratta di un gesto enorme. Sarebbe davvero bello vedere un po’ di giovani con la pettorina Airc, pronti a “marciare” durante queste giornate! Per chi comunque volesse saperne di più può vedere il sito generazioneairc.it o chiamare il numero 027797777. Airc cerca sempre nuovi volontari.”

  1. Primo piano
  2. Popolari