Domenica, 21 Gennaio 2018

PONTE NIZZA - EREMO DI SANT'ALBERTO DI BUTRIO : SI CELEBRA IL PROTETTORE DEGLI ANIMALI DOMESTICI

Una tradizione che attraverso i secoli giunge viva fino a noi. Domenica 21 gennaio, pochi giorni dopo la ricorrenza di Sant'Antonio, all'Eremo di Sant'Alberto di Butrio (Pavia) si celebra il protettore degli animali domestici con la tipica zuppa di castagne e latte di vacca varzese, accompagnata da un buon bicchiere di vin brulé.

Un pomeriggio all'insegna della tradizione, ma non solo. La giornata avrà infatti tra i suoi protagonisti la squadra dell'Auramala Project, il gruppo di ricerca che studia la vicenda di  re Edoardo II d'Inghilterra e cerca di scoprire se la tomba presente all'eremo è stata davvero l'ultima dimora del sovrano medievale inglese, che la storiografia ufficiale vuole invece morto e sepolto in Inghilterra.

Il programma prevede:

dalle 14:00: accoglienza (zuppa di castagne e vin brulé dalle 14:30)

ore 14.00 e ore 15.30: spiegazione degli affreschi dell'eremo, a cura della prof. Elena Corbellini

ore 15.00 e ore 16.00 racconto della vicenda di re Edoardo II presso la sua tomba, a cura dell'Associazione Culturale  Il Mondo di TELS

dalle 15:00 alle 16:00 Ivan Fowler, dell'Associazione Culturale Il Mondo di TELS, a disposizione dei presenti che vogliano aggiornamenti sullo stato della ricerca storica, genealogica e genetica The Auramala Project (theauramalaproject.wordpress.com)

ore 16.00: benedizione degli animali

Durante l'evento sarà possibile degustare la tradizionale zuppa di castagne e latte di vacca varzese cucinata dalla chef Piera Selvatico, accompagnandola con il vin brulé preparato da Caterina e Giovanna Brazzola, il tutto allietato da pifferi e fisarmonica.

Alle 16.30, conclusione con una messa solenne e benedizione. I canti liturgici sono a cura del Coro Parrocchiale di Retorbido.

EVENTO GRATUITO – NON OCCORRE PRENOTAZIONE – IN CASO DI MALTEMPO L'EVENTO NON SARÀ ANNULLATO

  1. Primo piano
  2. Popolari