Sabato, 07 Dicembre 2019

Domenica 8 dicembre alle ore 17.30 al Teatro Carbonetti di Broni andrà in scena lo spettacolo “Cenerentola”. Tratto dall'omonima fiaba il balletto, coreografato da Caterina Colombini e da Gino Potente, storica coppia artistica dall'ormai lontano 2004, vedrà alternarsi sul palcoscenico professionisti del calibro di Sergio Nigro danzatore della Scuola Svizzera Rudra Bèjart, successivamente danzatore presso l'Aterballeto e Francesco Scalas danzatore presso il BIT di Torino, l'Arena di Verona e la Fenice di Venezia. Francesca Demartini, diplomata presso la Royal Academy di Londra sarà accompagnata dalle future diplomande della scuola, che si alterneranno in ruoli solistici e corali. Alla nota musica di S. Prokofiev, i coreografi hanno scelto di accompagnare altre partiture musicali per completare ed arricchire la loro versione coreografica. Il cast sarà completato dai giovani danzatori della scuola ArteDanza, provenienti dalle sedi di Belgioioso e Pavia, e dagli allievi delle sedi di tutta la provincia, da Voghera a Casorate Primo, da Miradolo a Bereguardo. Le scenografie saranno a cura del M°d'arte Claudio Paolo Bonvini il quale, dopo la suggestione scenografica della precedente produzione “la Bella Addormentata nel bosco”, saprà ancora una volta stupire il suo pubblico.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 I Comuni di Broni e di Stradella, anche in rappresentanza di altre 20 amministrazioni comunali dell'Oltrepò Pavese orientale, si sono fatti carico di chiedere un incontro urgente con i vertici regionali di Areu per sollevare alcune criticità circa i mezzi avanzati di primo soccorso. La missiva inviata sulla scrivania del Direttore Generale, Alberto Zoli e del Direttore Sanitario, Claudio Mare, solleva criticità e carenze riguardanti i mezzi ed il personale per il primo soccorso notturno in gran parte del territorio dell'Oltrepò Pavese. «In primo luogo – spiegano i sindaci di Broni, Antonio Riviezzi e di Stradella, Alessandro Cantù - è stata manifestata una problematica riguardante l'estensione dell'area coperta dai mezzi afferenti all'ospedale di Stradella. Si tratta di una zona molto vasta, visto che interessa una quarantina di comuni; il tempo di raggiungimento dell'ospedale può estendersi anche oltre i trenta minuti. Inoltre le ambulanze e le auto mediche in partenza da Stradella devono coprire anche il tratto autostradale tra Casteggio e il confine con la provincia di Piacenza: in caso di incidente in autostrada i mezzi medici provenienti da Pavia o Voghera possono essere impegnate anche per lungo tempo. A questo si aggiunge l'impossibilità di ricorrere all'elisoccorso in caso di maltempo».

I sindaci sollevano un'ulteriore criticità legata alle ore notturne. «Con altrettanta, se non maggiore preoccupazione, – spiegano i primi cittadini di Broni e Stradella - è stato segnalato che, a differenza dei Presidi di Voghera, Vigevano e Pavia, che nella fascia oraria notturna (dalle 20 alle 8) possono contare sulla presenza di un'auto con a bordo un medico, e di quelli di Mortara e Mede, dove nella stessa fascia è presente un'auto con a bordo un infermiere addestrato alle emergenze, a Stradella il soccorso è affidato ai soli volontari. I volontari, per quanto adeguatamente formati alle manovre di primo soccorso, non possono somministrare taluni farmaci che in alcuni casi possono essere fondamentali per la vita dei pazienti (per esempio shock anafilattico, grave crisi ipoglicemica, edema polmonare). Qualora vi sia un paziente colpito da patologia in cui il fattore tempo è fondamentale (infarto, ictus), la presenza in loco di un medico o di un infermiere consentirebbe di indirizzare il paziente verso un centro adeguato alla cura di queste patologie e non si dovrebbe necessariamente passare da Stradella, evitando perdite di tempo che potrebbero risultare fatali. Il mezzo con personale qualificato a disposizione del Presidio di Stradella si trova a circa 30 chilometri di distanza, sempre che sia al momento disponibile e non già non sia impiegato in altri soccorsi». Infine i primi cittadini dei due Comuni più popolosi dell'Oltrepò Pavese orientale, insieme ai colleghi dello stesso territorio, avanzano una precisa richiesta con l'invito anche a discuterne in un incontro interlocutorio con i vertici regionali di Areu. «Per tutti questi motivi – spiegano – auspichiamo che anche il Presidio Ospedaliero di Broni – Stradella possa avere in dotazione un mezzo "avanzato" di pronto soccorso con relativo personale durante il servizio notturno. Ci rendiamo disponibili anche un summit proprio per illustrare ai vertici aziendali le nostre criticità con la speranza che si possa risolvere il problema di primaria importanza per la salute dei cittadini di questo territorio».

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Mino Baldi e la sua arte..con Broni nel cuore.

Si terrà sabato 7 dicembre alle ore 17 presso il complesso San Contardo, l’inaugurazione della mostra dedicata allo storico cittadino bronese Mino Baldi, mancato nel maggio 2018.

Mino Baldi era un appassionato della cultura e delle tradizioni bronesi. È stato l’autore di “Bron, re di pais” e "Storia di Broni per immagini", con i quali ha ripercorso lo sviluppo del centro storico dal II secolo avanti Cristo sino l primo Novecento. Mino è stato importante anche per l’associazionismo, come promotore di due circoli storici, quello fotografico e il gruppo archeologico. La sua instancabile passione nel raccontare e vivere Broni gli sono valsi la benemerenza civica nel 2009.

La mostra a lui dedicata sarà aperta dal lunedì al giovedì dalle 10,30 alle 13 e dalle 15 alle 19,30; sabato e domenica dalle 10,30 alle 13 e dalle 16 fino alle 20. Si potrà visitare fino al 29 febbraio 2019.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Festeggiare la Giornata mondiale del Volontariato mettendosi al servizio dei "diversamente giovani": è il proposito del Comitato di Voghera della Croce Rossa Italiana per il pomeriggio di giovedì, 5 dicembre, data in cui a livello internazionale si celebra l'impegno gratuito e spontaneo a favore del prossimo. A partire dalle 15:30, il centro polifunzionale di via Maggioriano ospiterà momenti ricreativi dedicati alla terza età, seguendo la formula ampiamente collaudata nei mesi estivi con il progetto "Rinfreschiamoci". «Ai nostri ospiti – spiega Ondina Torti, presidente della Cri Iriense – offriremo una merenda, seguita da iniziative di intrattenimento e in particolare dai giochi di prestigio di Edoardo Gronda, giovane volontario del nostro Comitato. Approfitteremo dell'occasione per porgere a tutti gli auguri di un sereno Natale, distribuendo in omaggio piccoli gadget realizzati dai ragazzi dell'Area giovani. Con questo evento, libero e aperto, andiamo a chiudere il percorso avviato la scorsa estate – conclude Torti – e pensato proprio allo scopo di dare ai "diversamente giovani" la possibilità di trascorrere qualche ora in compagnia».

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Durante l'ultimo consiglio Comunale, il Sindaco ha informato dei ripetuti incontri avuti con AIPO (l'Autorita' Interregionale del Po), dell'esercitazione di coordinamento svolta il 13 Novembre e di un meeting, tenutosi il 18 Novembre in Regione Lombardia, con i vertici di AIPO e della Direzione Territorio e Protezione Civile, durante il quale, insieme all'Assessore Fantin e al Capogruppo Giglio, sono state esposte le criticita' del nostro territorio e la sua fragilita', chiedendo supporto sia per interventi necessari nel breve periodo che per una valutazione strategica.

AIPO sta pianificando, nel breve termine, con fondi propri e della Regione, gli interventi necessari alla messa in sicurezza del tratto del Torrente in territorio comunale e nel medio termine, l'aggiornamento dello studio idrologico-idraulico dell'asta del Curone di sua competenza AIPO, al fine di individuare interventi necessari per la mitigazione del rischio idraulico gravante sull'abitato.

A questo proposito, Regione Lombardia ha emesso il 28 Novembre il Decreto 17309 col quale assegna e contestualmente liquida ad AIPO 150,000 euro per il ripristino delle difese spondali del Torrente in Comune di Casei Gerola.  "Questa Amministrazione continuera' a battersi, per quanto di sua competenza, su questo tema e ringrazia i cittadini e i volontari per l'aiuto, il supporto e le segnalazioni".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 Il presidente di Terre d'Oltrepò, Andrea Giorgi, boccia senza giri di parole la gestione dell'ultimo anno del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese. Una presa di posizione che si basa su alcune situazioni che si sono venute a creare con la presidenza di Luigi Gatti che hanno portato Giorgi, per divergenze sull'operato, ad abbandonare l'ultimo consiglio di amministrazione.
"Ci sono aspetti estremamente positivi come l'assunzione del direttore Veronese – spiega il numero uno del colosso vitivinicolo oltrepadano - Altri invece non sono concepibili. Ad esempio l'immobilismo presidenziale nell'affrontare questioni organizzative: non è tollerabile, come non è comprensibile, la chiusura rispetto all'aiuto che possono dare gli altri consiglieri e soprattutto i vicepresidenti. Per non parlare delle mancate risposte ai consiglieri o i silenzi su questioni che sono state sollevate. In questo contesto non è possibile lavorare e per questo motivo, mio malgrado, sono stato costretto a lasciare anzitempo l'ultimo consiglio. Proprio per questo spero che la consapevolezza e la responsabilità di tutti i consiglieri e dei produttori associati ponga fine ad una situazione surreale che da troppi anni si protrae. Dico tutto questo per il bene del nostro territorio. Per troppo tempo Terre d'Oltrepò è stato il facile capro espiatorio, ora gli altri dimostrino di assumersi le proprie responsabilità".
Il presidente di Terre d'Oltrepò entra ancor più nel dettaglio delle situazioni contestate al presidente Gatti. "In questo anno la nostra cantina cooperativistica all'interno del consiglio – spiega -  ha dato il proprio apporto in merito a decisioni importanti quali l'allargamento del numero dei consiglieri, le azioni per ripulire la gestione da precedenti ed incomprensibili decisioni che hanno minato credibilità e funzionamento del consorzio stesso. Oggi viene richiesto un ulteriore sforzo all'ente, non ci tiriamo indietro ma con delle doverose precisazioni. La riforma del diritto di voto all'interno dei consorzi è una giusta richiesta ma occorre puntualizzare che nel consorzio la nostra cantina non detiene assolutamente la maggioranza assoluta. Anzi, il voto risulta molto distribuito e diffuso. I problemi sbandierati negli ultimi mesi sorgono solamente per la mancata partecipazione dei soci alle assemblee. È infatti usuale, in Oltrepò, blaterare fuori e poi fuggire davanti alle scelte e alla responsabilità. Comunque se una riforma del voto in consorzio può servire, noi non ci tiriamo assolutamente indietro. Tutto questo per il bene di un territorio e per il bene dei produttori. Detto questo non possiamo partecipare e condividere alcune delle scelte operate nella gestione perpetrata in questo anno".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Anche quest'anno Upol Pedale Lungavilla ha ben figurato alla cerimonia delle premiazioni della FCI del Comitato di Pavia presso il teatro Volta al quartiere Scala di Pavia. Tante le società ciclistiche affiliate presenti e i campioni provinciali su strada e mountain bike. C'erano anche Aurora Pernigotti, premiata con la targa come campione provinciale di specialità 2019 su strada nella categoria G4 femminile, e Paolo Cecchetto, campione provinciale esordienti, secondo anno. Una bella soddisfazione per la squadra ciclistica per Giovanissimi guidata da Angelo Bianchi e da Don Cesare De Paoli: "I nostri ragazzi affrontano con impegno tutta la stagione, tra allenamenti e gare la Domenica. A loro va un sentito ringraziamento per le ottime prove che hanno dato ancora una volta i loro frutti, ora aspettiamo altri giovani pronti a mettersi in gioco per la nuova stagione, dai 6 agli 12 anni tra i Giovanissimi e i 13 e 14enni tra gli Esordienti". La società oltrepadana è anche alla ricerca di persone, anche nonni, che abbiano qualche ora di tempo libero per supportare i dirigenti nella fase degli allenamenti dei ragazzi durante la settimana o per le trasferte domenicali. Tutti gli interessati possono chiamare il 339.4557100 o il 340.8384687, o ancora scrivere a upolpedalelungavilla@libero.it o sulla pagina facebook "Pedale Lungavilla".

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Da venerdì 13 a domenica 15 dicembre Casteggio apre le porte a BirrArt, la Rassegna delle birre artigianali che quest'anno festeggia la sua decima edizione. Un appuntamento unico, ormai entrato nella tradizione per assaggiare le migliori birre artigianali e conoscere le capacità, la fantasia e la creatività dei mastri birrai di 10 microbirrifici italiani. Alla cerimonia di inaugurazione, che si svolgerà venerdì 13 dicembre alle ore 19:00, saranno presenti i rappresentanti delle istituzioni: in prima fila Regione Lombardia, Provincia di Pavia, Comune di Casteggio e C.C.I.A.A. (Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Pavia). La rassegna, ben integrata nel territorio oltrepadano, non solo porta in scena le eccellenze della produzione brassicola, ma offre ai visitatori sapori e gusti di diverse tradizioni gastronomiche per cercare l’abbinamento più gourmet o anche solo quello più gustoso. Quest'anno l'area food, oltre ad ospitare i sapori dell'Oltrepò, propone una selezione di piatti della cucina ligure e numerose proposte gastronomiche tra street food e bistrot. BirrArt anche nella decima edizione conferma le sue finalità istituzionali che superano il mero food and beverage. Non solo sostiene una cultura gastronomica nel senso più ampio, ma promuove gli aspetti imprenditoriali, l’agricoltura, il turismo, la salute e la sicurezza. Un vero e proprio punto di riferimento per il territorio che anche quest'anno conferma un programma ricco e articolato di eventi. Come da tradizione, per l'edizione 2019 non mancheranno incontri con esperti del mondo brassicolo, showcooking e laboratori del gusto, resi ancor più gradevoli da i momenti di svago e di divertimento con musica e dj set. Quest'anno l'ingresso alla manifestazione sarà libero e i visitatori potranno acquistare direttamente all'ingresso i gettoni necessari per assaggiare le numerose birre artigianali in rassegna. BirrArt, come di consueto, sarà anticipata giovedì 12 mattina da “Più ne sai meno rischi”, progetto sviluppato in collaborazione con le Forze dell’Ordine e l’ASST di Pavia per parlare alle nuove generazioni, incontrarsi e confrontarsi sul tema del consumo responsabile delle bevande alcoliche, la salute e la sicurezza stradale. L'edizione 2019 di BirrArt è curata dall'Associazione Culturale “Le Tradizioni del territorio”, organismo culturale che nasce con l’intento di divulgare e migliorare la conoscenza dei prodotti tradizionali del territorio. L'associazione ha affiancato, ereditandone attività e competenze, l'Associazione Pavese Amici della Birra, portando in dote forti competenze nei campi organizzativo e logistico.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Cristian Romaniello , onorevole oltrepadano del Movimento 5 Stelle attraverso un comunicato stampa scrive : " Sono ormai passati 20 mesi di XVIII legislatura, nella quale ci stiamo occupando dall’interno delle istituzioni dei problemi del Paese e del nostro territorio. Da 20 mesi, con serietà, abbiamo evitato di annunciare risoluzioni totali dei problemi legati alla realizzazione del Ponte della Becca, ma ci siamo impegnati, prima lavorando col Ministro Toninelli, ora con la Ministra De Micheli. Con serietà, abbiamo descritto l’iter per la realizzazione e lavorato affinché tutti gli ostacoli potessero essere superati, ostacoli spesso posti sul tragitto dalla Lega, pensiamo solo alla distruzione del progetto “Lombardia Mobilità”, su cui la Lega ha vinto le elezioni regionali e mancato subito alla promessa di cura delle nostre infrastrutture. Nei giorni scorsi, dopo settimane di nuove interlocuzioni, abbiamo saputo dalla Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti che sono state ricavate nuove risorse in ANAS, utili alla costruzione dei Ponti della Becca e di Casalmaggiore, anche se non ancora riclassificate. Una nostra richiesta accolta, un risultato eccezionale! La stessa Ministra De Micheli, in audizione presso la commissione lavori pubblici al Senato, ha confermato la firma e l’invio alla Conferenza Unificata degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria per 2000 ponti, per una cifra di circa 250 milioni di euro. In audizione,la Ministra De Micheli ha confermato lo stanziamento per gli interventi sui Ponti della Becca e di Casalmaggiore sottolineando che ANAS ha a disposizione altri 70milioni di euro per la costruzione di nuovi ponti"

I deputati Romaniello (M5S) e il Senatore Ferrari (PD),che tengono a ricordare l’interessamento della deputata Barzotti e dei Consiglieri regionali Verni (M5S) e Villani (PD), hanno lavorato congiuntamente con la ministra De Micheli e i sottosegretari del MIT, al fine di recepire i fondi utili allo stanziamento per la costruzione del nuovo Ponte della Becca

"Soldi che potevano essere già a disposizione nella primavera del 2020 - scrive Romaniello -ma bloccati dai colpevoli ritardi dell’amministrazione leghista in Regione Lombardia, la quale ha impedito di velocizzare i tempi di realizzazione dell’opera. Regione Lombardia ha posticipato, ancora una volta, la realizzazione dello studio di fattibilità del Ponte da dicembre 2019 a maggio 2020 causando un ulteriore grave ritardo nell’iter previsto per la realizzazione di questa importante infrastruttura e uno slittamento dei tempi di appostamento delle nuove risorse da parte di ANAS. Ora è necessario che la Lega la smetta di accusare il Governo e si assuma le proprie responsabilità sull’inadeguatezza che da troppo tempo sta mostrando, senza sosta. Chiediamo a regione Lombardia di focalizzare il suo impegno per la redazione dello studio di fattibilità. Se hanno bisogno di un ulteriore aiuto, lo dicano. I soldi per i nuovi ponti ci sono, il nostro impegno e quello del Governo ci sono, manca solo la Lega, come d’abitudine. Noi non abbiamo fatto proclami o atti di discutibile efficacia, abbiamo lavorato seriamente, per tanto tempo, e stiamo arrivando al risultato. Non abbiamo cantato né ci siamo intestati alcuna vittoria mentre la partita era ancora in corso. Abbiamo garantito che saremmo andati fino in fondo, fino alla realizzazione del Ponte, ed ora la soluzione è presente, con soldi a disposizione del progetto. Ringraziamola Ministra De Micheli, l’ex Ministro Toninelli e i Sottosegretari Cancelleri, Margiotta e Traversi per il buon lavoro svolto£

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

A partire da mercoledì 4 dicembre il trasporto pubblico urbano e scuolabus di Voghera sarà gestito da Autoguidovie: restano invariati gli orari, il servizio e le tariffe ma vi saranno alcune novità, in particolare un nuovo layout per i titoli di viaggio, un nuovo abbonamento semestrale per gli studenti, i biglietti acquistati a bordo costeranno 2€ e non più 2,80 € e la possibilità di acquisto, oltre che presso le rivendite sul territorio, anche via App Autoguidovie e sito web.

«Un ricambio importante per il nostro territorio che abbiamo presentato e abbiamo condiviso e seguito nei mesi scorsi. Abbiamo voluto garanzie che il passaggio fosse indolore con l'assunzione dei conducenti di Sapo da parte Autoguidovie e portasse ad un miglioramento: i servizi sono rimasti invariati, il costo del biglietto fatto sul bus è diminuito e sono allo studio facilitazioni per favorire la mobilità delle fasce anziane», racconta il Sindaco Carlo Barbieri.

«Sono almeno cinque le principali novità, frutto di un lavoro iniziato nei mesi scorsi e che portiamo a compimento oggi», commenta il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Daniele Salerno. «Oltre all’abbassamento del costo del biglietto per chi lo acquista direttamente sul pullman, una tariffa  particolarmente agevolata dedicata alla terza età che presenteremo nei prossimi giorni, la possibilità di utilizzare il pullman con la propria bici, esperimento già iniziato nei mesi estivi e che potenzieremo quest’anno per incentivare l’uso della greenway e una colorazione bianca dei mezzi. Inoltre, aspetto per noi decisamente importante, l’utilizzo prevalente di mezzi di nuova generazione, euro 5 e euro 6, con quindi una grande tollerabilità ambientale. L’obiettivo è di favorire l’uso dei mezzi pubblici per migliorare la qualità dell’aria, con una minore presenza delle auto in città». 

«I bus delle 5 linee urbano avranno tutti colorazione bianca, come a Pavia. Inoltre sono stati acquistati 3 nuovi scuolabus, gialli, tutti con motorizzazione Euro6 di ultima generazione a ridottissimo impatto ambientale - afferma il direttore d’Area Gabriele Mariani - Non ci resta che augurare a tutti i cittadini di Voghera, benvenuti a bordo!»

Per acquistare gli abbonamenti urbani di Voghera sarà necessario possedere la tessera di riconoscimento Autoguidovie al costo di 10 €, con validità 4 anni, che è possibile richiedere direttamente online sul sito: http://pavia.autoguidovie.it/it/l/tessera-di-riconoscimento-pavia/index. 

Fino al 10 gennaio sarà possibile acquistare abbonamenti settimanali e mensili anche senza tessera. Dopo tale data per l’acquisto degli abbonamenti sarà necessaria la tessera. Per l’acquisto di semestrali e annuali invece occorre da subito la tessera di riconoscimento. I titoli di viaggio emessi da Sapo potranno essere utilizzati fino al 3 dicembre 2019, dal 4 dicembre 2019 saranno validi esclusivamente i titoli Autoguidovie. I titoli di viaggio Sapo inutilizzati e in corso di validità verranno rimborsati agli utenti entro il 31/12/19 presentandosi presso gli uffici della sede di via Gasometro 17 a Voghera.

Gli iscritti al Servizio Scuolabus dovranno recarsi, muniti di fototessera, presso l’ufficio Autoguidovie di via Oriolo 23 o l’Infopoint di Pavia di viale Trieste 23 per tesserarsi con il profilo Scuolabus che permette l’acquisto dei relativi titoli. La tessera ha un costo di 10 Euro con validità 4 anni.

Ulteriori informazioni su punti vendita, orari, titoli di viaggio e tessera, raccolti anche in una brochure dedicata, sono presenti sul sito pavia.autoguidovie.it. Inoltre per tutte le domande e per l’assistenza sul tesseramento sarà a disposizione uno sportello dedicato presso la sede Autoguidovie di via Oriolo 23 a Voghera nei giorni 26 e 29 novembre, 3, 6 e 13 dicembre dalle 10 alle 12.30. E comunque sono sempre attivi per segnalazioni e richieste i seguenti punti di contatto: indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;  numero verde 800 08 65 67 (7-20 tutti i giorni - escluso festivi); WhatsApp 348 6349601 (solo SMS);  Infopoint Autoguidovie di viale Trieste 23 a Pavia dalle 6.30 alle 18.30 da lunedì a venerdì, dalle 7.30 alle 12.30 il sabato. 

Autoguidovie nasce nel 1908 ed è oggi presente in 8 Province italiane, effettua 31 milioni di buskm annui e trasporta 45 milioni di passeggeri annui.

Conta ad oggi 1.022 dipendenti e 740 mezzi di cui il 76% Euro 5 e 6 che, con un’età media di 7,5 anni contro gli 11 nazionali, sono tra i più giovani in Italia.

Autoguidovie è certificata: SA 8000, ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001, UNIEN 13816, dotata di Modello di Organizzazione ai sensi del DL n. 231/2001.

INVIATE I VOSTRI COMUNICATI LE VOSTRE NEWS INERENTI ALL'OLTREPÒ A "IL PERIODICO NEWS" , ALL'INDIRIZZO MAIL : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

  1. Primo piano
  2. Popolari